Warning: getimagesize(http://static.screenweek.it/2011/2/25/nessuno-mi-pu-giudicare-poster-italia_mid.jpg): failed to open stream: HTTP request failed! HTTP/1.1 403 Forbidden in /var/www/html/wp-content/themes/newblog_screenweek/functions.php on line 655
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
Nessuno mi può giudicare, la recensione in anteprima

Nessuno mi può giudicare, la recensione in anteprima

Di Gabriele Niola

Nessuno mi può giudicare Poster ItaliaRegia: Massimiliano Bruno
Cast: Raoul Bova, Anna Foglietta, Paola Cortellesi, Rocco Papaleo, Hassani Shapi, Valerio Aprea, Pasquale Petrolo (Lillo), Lucia Ocone, Caterina Guzzanti, Massimiliano Bruno, Dario Cassini, Awa Ly, Giovanni Bruno, Pietro De Silva, Massimiliano Delgado, Maurizio Lops
Durata: 95 minuti
Anno: 2011

Esiste già un Nessuno mi può giudicare, è del 1966 ed ha come protagonista Caterina Caselli divisa tra due spasimanti.
Al terzo esempio di titolazione canora (dopo Notte prima degli esami e Questa notte è ancora nostra) la banda Brizzi azzecca in pieno il colpo. E finalmente! Stavolta non solo la sceneggiatura è all’altezza del soggetto ma tutto il film sembra girare per il verso giusto. Ritmi serrati, attori in parte, basse pretese, alti risultati. Che sia la presenza di Bruno non solo alla sceneggiatura ma anche alla regia?

Non è la prima volta che Paola Cortellesi lavora al cinema eppure sembra così. Finalmente in linea con le proprie corde e a suo agio con un personaggio che sembra tagliato su di lei, quello che è uno dei maggiori talenti femminili in circolazione fa un lavoro completo e di fino. Battute fulminanti, piccole delicatezze comiche, volti, parole, intonazioni e cambi di registro. Un piacere. Intorno a lei comprimari e caratteristi perfetti (Papaleo, Ocone, Lillo e l’ormai onnipresente Hassani Shapi).
E come accade sempre quando tutto gira per il verso giusto, anche le componenti che potrebbero sembrare più deboli funzionano, dal ruolo simpatico degli extracomunitari alla presenza di un azzeccato (sic!) Raoul Bova.

Nessuno mi può giudicare è probabilmente il miglior prodotto medio che il nostro cinema sforna da anni. Basato su una storia che non presenta nessuna novità (donna ricca, viziata e frigida si trova povera e in dovere di lavorare, non sa fare nulla, finisce in borgata dove scopre i veri lavori e cerca di trasformarsi in una escort) ma scritto con un gusto raro per la battuta e con una scorrevolezza che si nutre del piacere della ripetizione di un canovaccio noto.
Evidenti i riferimenti all’attualità ma non si confonda critica con marketing. Il tema-escort è un’altra delle furbizie brizziane, un modo semplice e diretto per conquistare pagine dei giornali e interesse degli spettatori. Di critico o acutamente analitico non c’è niente, siamo nel politicamente corretto della scorretta politica.

Esperimento finalmente riuscito o ennesima commediola senza un perchè? Qui le altre critiche

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER!

Vi siete persi un sacco di news su cinema e TV, perché avevate una gomma a terra, la tintoria non vi aveva portato il tight, le cavallette. Lo sappiamo. Ma tranquilli, siamo qui per voi!

Un'unica newsletter a settimana (promesso), con un contenuto esclusivo e solo il meglio delle notizie.
Segui QUESTO LINK per iscriverti!

SEGUICI SU TWITCH!

ASCOLTA I NOSTRI PODCAST!

LEGGI ANCHE

The Mandalorian 3 – Katee Sackhoff svela che i reshoot sono in corso 7 Luglio 2022 - 16:30

Katee Sackhoff ha cancellato un'apparizione al Fan Expo di Denver perché impegnata con i reshoot di The Mandalorian 3.

Cinema in Festa: per i prossimi cinque anni a giugno e settembre il cinema costerà 3,50 euro 7 Luglio 2022 - 16:29

Nel corso della XI Edizione di Ciné – Giornate di Cinema, le associazioni di cinema hanno annunciato una nuova iniziativa: Cinema in Festa.

Better Call Saul: Bryan Cranston parla del ritorno di Walter White 7 Luglio 2022 - 15:45

Negli ultimi episodi di Better Call Saul torneranno Bryan Cranston e Aaron Paul, di nuovo nei ruoli di Walter White e Jesse Pinkman.

Bastard!! L’oscuro dio distruttore: il dark fantasy – heavy metal scostumato 5 Luglio 2022 - 11:02

Dark Schneider è sbarcato su Netflix, con i suoi due punti esclamativi, le battaglie e la follia vintage del dark fantasy heavy metal.

Stranger Things 4: che mi hai portato a fare sulla collina di Kate Bush se non mi vuoi più bene? 2 Luglio 2022 - 15:42

Alcune considerazioni dopo aver visto per quasi quattro ore due episodi di una serie TV: il finale della quarta stagione di Stranger Things.

Come The Umbrella Academy mi ha venduto un’altra apocalisse 2 Luglio 2022 - 9:53

Cosa funziona, cosa no, e cosa mi spinge a restare a bordo del treno di Umbrella Academy, dopo la terza stagione.