Warning: getimagesize(http://static.screenweek.it/2011/2/16/frozen-poster-italia_mid.jpg): failed to open stream: HTTP request failed! HTTP/1.1 403 Forbidden in /var/www/html/wp-content/themes/newblog_screenweek/functions.php on line 655
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
Frozen, la recensione in anteprima

Frozen, la recensione in anteprima

Di Filippo Magnifico

Frozen Poster ItaliaRegia: Adam Green
Cast: Emma Bell, Ed Ackerman, Rileah Vanderbilt, Adam Johnson, Chris York, Peder Melhuse, Shawn Ashmore, Kevin Zegers
Durata: 1h 33m
Anno: 2010

Da un po’ di tempo a questa parte sembra che vada particolarmente di moda il – cercando di definirlo con un nome preciso – “thriller solitario”. Si tratta di pellicole che si basano sull’impossibilità d’azione (che sia concreta o solo apparente) e che vedono i loro protagonisti confrontarsi principalmente con loro stessi. Una sorta di terrore psicologico che accomuna alcuni titoli come Buried o il più recente 127 Ore e a cui si può benissimo accostare questo Frozen.

Scritto e diretto da Adam Green, da molti considerato una delle nuove promesse del cinema di genere americano (suo il godibilissimo Hatchet, riuscito omaggio al cinema horror si stampo slasher), questo film racconta la storia di tre studenti universitari (Emma Bell, Kevin Zegers e Shawn Ashmore), che decidono di trascorrere il fine settimana facendo snowboard sulle innevate montagne del Massachusetts. Giunta la sera il trio decide di fare un’ultima discesa, che in realtà non avverrà mai. I poverini infatti si ritroveranno bloccati sulla seggiovia, sospesi nel vuoto ed esposti al freddo e al gelo. Contando che è domenica e che gli impianti riapriranno solo il venerdì successivo, risulta quasi riduttivo definire la situazione come tragica. I tre faranno di tutto per sopravvivere, ma non sarà di certo facile.

Arrivati a questo punto è meglio non aggiungere altro sulla tramo di questo film, la cui riuscita è inversamente proporzionale alla conoscenza della storia. Con questo non si vuole decisamente dire che quella diretta da Adam Green sia una pellicola poco riuscita o basata esclusivamente sul cosiddetto colpo di scena. Frozen è un film che funziona e che unisce alla linearità narrativa la giusta dose di tensione. Niente per cui gridare al miracolo, sia chiaro, ma se la domanda che vi interessa è “riesce questo film a mettere i brividi?”, la risposta è indubbiamente “sì”. E non è decisamente il clima polare l’unica cosa in grado di raggelare il sangue, ma la storia, che si avvale degli elementi tipici del genere (cosa che il regista ha già dimostrato in passato di conoscere) e che crea un clima di tensione in grado di crescere di minuto in minuto.

Il risultato è un film fondamentalmente classico, con una prima parte – fortunatamente breve – il cui unico scopo è introdurre i protagonisti quanto basta per creare quel minimo di empatia utile al racconto. La restante ora la si passa bloccati sulla poltrona a rabbrividire, noi come loro.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER!

Vi siete persi un sacco di news su cinema e TV, perché avevate una gomma a terra, la tintoria non vi aveva portato il tight, le cavallette. Lo sappiamo. Ma tranquilli, siamo qui per voi!

Un'unica newsletter a settimana (promesso), con un contenuto esclusivo e solo il meglio delle notizie.
Segui QUESTO LINK per iscriverti!

SEGUICI SU TWITCH!

ASCOLTA I NOSTRI PODCAST!

LEGGI ANCHE

Thor: Love and Thunder – Cosa succede nelle scene dopo i titoli di coda? 6 Luglio 2022 - 16:00

Come di consueto, ci sono due scene dopo i titoli di coda di Thor: Love and Thunder... vediamo di cosa si tratta!

Sognando Marte: Lana Condor nel trailer italiano della rom-com sci-fi 6 Luglio 2022 - 15:00

Due studenti molto diversi fra loro uniscono le forze e intraprendono un viaggio verso Marte, per riunirsi con i propri partner

Ironheart nel nuovo promo art di Black Panther: Wakanda Forever 6 Luglio 2022 - 14:00

Il nuovo promo art di Black Panther: Wakanda Forever mostra l'armatura Mark I di Riri Williams, alias Ironheart.

Bastard!! L’oscuro dio distruttore: il dark fantasy – heavy metal scostumato 5 Luglio 2022 - 11:02

Dark Schneider è sbarcato su Netflix, con i suoi due punti esclamativi, le battaglie e la follia vintage del dark fantasy heavy metal.

Stranger Things 4: che mi hai portato a fare sulla collina di Kate Bush se non mi vuoi più bene? 2 Luglio 2022 - 15:42

Alcune considerazioni dopo aver visto per quasi quattro ore due episodi di una serie TV: il finale della quarta stagione di Stranger Things.

Come The Umbrella Academy mi ha venduto un’altra apocalisse 2 Luglio 2022 - 9:53

Cosa funziona, cosa no, e cosa mi spinge a restare a bordo del treno di Umbrella Academy, dopo la terza stagione.