Warning: getimagesize(http://static.screenweek.it/2008/7/3/La-Maledizione-della-Prima-Luna-Poster-USA12_mid.jpg): failed to open stream: HTTP request failed! HTTP/1.1 403 Forbidden in /var/www/html/wp-content/themes/newblog_screenweek/functions.php on line 655
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
Cinema e Pirati: Will Turner

Cinema e Pirati: Will Turner

Di Leotruman

Continuiamo il viaggio che abbiamo inaugurato ieri e che ci porterà fino all’uscita di Pirati dei Caraibi – Oltre i confini del mare, il quarto capitolo della saga di Pirati dei Caraibi diretto da Rob Marshall che arriverà in Italia e nel mondo il 18 maggio 2011.

Come ogni mercoledì esamineremo uno dei personaggi che hanno reso celebre la prima trilogia, quella diretta da Gore Verbinksi e con protagonista Johnny Depp, che tornerà anche in questo nuovo episodio nei panni di Capitan Jack Sparrow.

Oggi parleremo di Will Turner, il tranquillo fabbro diventato pirata reso celebre e indimenticabile dall’interpretazione di Orlando Bloom.

La Maledizione della Prima Luna Poster USA12

Il personaggio di Will ci viene presentato già nella prima scena, quella ambientata 8 anni prima, in cui viene tratto in salvo dalla nave del Governatore Swann visto che il suo corpo galleggia su una tavola in mare aperto.

La piccola Elizabeth (Keira Knightley) bada a lui e notato il medaglione pirata appeso al collo del ragazzo, glielo ruba per custodire negli anni il segreto.

Diventato ormai adulto Will Turner è apprendista nella bottega di un fabbro e fabbrica le migliori spade di Port Royal. E’ profondamente innamorato di Elizabeth, che sembra ricambiare il suo amore anche se già promessa in sposa al commodoro Norrington.

Ma la vita di Will verrà completamente sconvolta con l’arrivo di Capitan Barbossa e della Perla Nera, che rapiscono la ragazza facendolo impazzire di dolore. Troverà un alleato prezioso in Jack Sparrow, l’unico disposto tra tutti ad aiutarlo a cercarla setacciando tutte le isole dei Caraibi.

Ma l’impresa cambierà per sempre Will, che senza accorgersene si trova da nemico giurato dei bucanieri a diventare lui stesso un pirata!

Se Capitan Jack Sparrow è un personaggio ambiguo, Will Turner non lo è meno. All’apparenza gentile ed educato fino all’eccesso, con punte di ingenuità che Sparrow non fa meno di fargli notare, il fabbro compie una vera e propria trasformazione nel corso de La Maledizione della Prima Luna.

Per salvare Elizabeth si ritrova a compiere scelte difficili e metterà in discussione i suoi valori e quello in cui crede per amore della ragazza. Nel momento in cui poi scopre di avere sangue pirata nelle vene, visto che è il figlio di Sputafuoco Bill Turner, la trasformazione sarà completata e Will diventerà un vero pirata a tutti gli effetti.

Orlando Bloom arrivava dall’esperienza de Il Signore degli Anelli, in cui interpretava l’elfo Legolas. Una produzione immensa in cui le riprese sono durate 18 mesi che di certo lo ha preparato al meglio per affrontare questo kolossal della Disney.

Pirati dei Caraibi Ai confini del mondo Poster Teaser USA07

E’ parso fin da subito a proprio agio nelle vesti dell’educato fabbro, ma anche in quelle di coraggioso combattente pronto a sacrificare la propria vita per gli altri. Sicuramente una delle sue migliori interpretazioni e gli scoppiettanti dialoghi con Johnny Depp sono davvero incredibili grazie alla perfetta sintonia che si è creata sul set tra i due attori.

Il personaggio di Will, insieme anche a quello di Elizabeth, compierà un’ulteriore evoluzione nel corso degli altri due film della trilogia tanto da diventare il vero e proprio ago della bilancia per le sorti dei suoi cari e non. La sua scelta finale, quella di diventare il capitano dell’Olandese Volante sacrificando una vita insieme con la sua amata, è non solo molto coraggiosa ma permetterà il ritorno della pace nel mare dei Caraibi, e lo si deve soprattutto a lui.

L’esperienza di Orlando Bloom con i Pirati dei Caraibi si è conclusa con il terzo episodio, e infatti non ritornerà nel quarto capitolo, Pirati dei Caraibi: Oltre i confini del mare, la cui uscita è prevista per il 18 maggio 2011.

Per maggiori informazioni potete consultare le nostre News dal Blog. Vi ricordiamo inoltre che il film si trova anche su Facebook, con la pagina ufficiale italiana e quella americanaQui invece trovate il sito ufficiale.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER!

Vi siete persi un sacco di news su cinema e TV, perché avevate una gomma a terra, la tintoria non vi aveva portato il tight, le cavallette. Lo sappiamo. Ma tranquilli, siamo qui per voi!

Un'unica newsletter a settimana (promesso), con un contenuto esclusivo e solo il meglio delle notizie.
Segui QUESTO LINK per iscriverti!

SEGUICI SU TWITCH!

ASCOLTA I NOSTRI PODCAST!

LEGGI ANCHE

Avatar: La via dell’acqua – La famiglia di Jake e Neytiri nella nuova immagine 5 Luglio 2022 - 12:45

James Cameron spiega a Empire per quale motivo ha deciso di dare una grande famiglia a Jake e Neytiri in Avatar: La via dell'acqua.

Paul Haggis è libero: per la Gip di Brindisi non c’è stata violenza 5 Luglio 2022 - 11:45

Il regista è stato rilasciato dagli arresti domiciliari: per la Gip, la presunta vittima "ha confermato l'assenza di contegni violenti"

Bastard!! L’oscuro dio distruttore: il dark fantasy – heavy metal scostumato 5 Luglio 2022 - 11:02

Dark Schneider è sbarcato su Netflix, con i suoi due punti esclamativi, le battaglie e la follia vintage del dark fantasy heavy metal.

Bastard!! L’oscuro dio distruttore: il dark fantasy – heavy metal scostumato 5 Luglio 2022 - 11:02

Dark Schneider è sbarcato su Netflix, con i suoi due punti esclamativi, le battaglie e la follia vintage del dark fantasy heavy metal.

Stranger Things 4: che mi hai portato a fare sulla collina di Kate Bush se non mi vuoi più bene? 2 Luglio 2022 - 15:42

Alcune considerazioni dopo aver visto per quasi quattro ore due episodi di una serie TV: il finale della quarta stagione di Stranger Things.

Come The Umbrella Academy mi ha venduto un’altra apocalisse 2 Luglio 2022 - 9:53

Cosa funziona, cosa no, e cosa mi spinge a restare a bordo del treno di Umbrella Academy, dopo la terza stagione.