L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 

Sono il numero 4, la recensione in anteprima

Di Gabriele Niola

Sono il numero quattro Teaser Poster ItaliaRegia: D.J. Caruso
Cast: Alex Pettyfer, Teresa Palmer, Kevin Serge Durand, Callan McAuliffe, Dianna Agron, Timothy Olyphant, Jake Abel, Reuben Christopher Langdon, Brian Howe
Anno: 2011

Se c’era un regista che a dispetto dei film fatti aveva generato simpatia e interesse è D.J. Caruso. Il suo merito principale è stato di aver preso un film dalla trama molto scontata e ricalcata su altre pellicole come era Disturbia ed averlo tramutato in un gioiellino spensierato, un’opera di puro intrattenimento ben diretta, girata, interpretata e raccontata.

Cambio di sceneggiatori, cambio di commissione, cambio di intenti. Quasi 4 anni dopo D.J. Caruso dirige e si prende la responsabilità di uno dei pastoni più clamorosi degli ultimi anni.
Prendendo spunto da una serie e un universo mitologico nati sui libri di Jobie Hughes e James Frey (che scrivono sotto lo pseudonimo di Pittacus Lore), la trama di Io sono il numero 4, per come è presentata al cinema, somma una serie di stimoli e dinamiche provenienti da altri film, senza però fare un lavoro di sintesi che porti a qualcosa di nuovo.
La caccia di Terminator (e la sua voce off finale), una razza diversa mischiata agli umani come in Highlander, ragazzi che scoprono di avere ognuno poteri diversi come in X-Men, la high school come terreno eterno di scontro di tutto l’action adolescenziale, la ragazza normale coinvolta nella vita avventurosa del ragazzo anormale di cui è innamorata come in Twilight, gli alieni brutti e sporchi e via dicendo ad libitum.

Eppure alla fine della fiera non sono le ispirazioni da altri film o altre saghe ad appesantire un film che comunque potrebbe regalare ottimo intrattenimento, quanto la mancanza di personalità. Sono il numero 4 sbaglia proprio nell’unico punto in cui non dovrebbe sbagliare, cioè nel dar vita ad una dimensione estetica e narrativa propria, un mood riconoscibile ed originale che lo distingua dalla massa e consenta la fidelizzazione. E’ l’idea alla base del successo di Twilight, cioè che al di là del contenuto (di provato successo) i film hanno una riconoscibilità immediata che li distingue da tutti i molti omologhi presenti e passati.

L’intento di creare un nuovo franchise basato sull’universo di Pittacus Lore può funzionare o c’è troppo di altre cose in mezzo? Qui le altre critiche

Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perdervi tutte le news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale ScreenWeek TV. ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

LEGGI ANCHE

George Miller torna a parlare del nuovo Mad Max: “Non è finita” 6 Dicembre 2019 - 21:15

Il regista conferma che si metterà presto al lavoro sul quinto capitolo della saga post-apocalittica

Watchmen 8 avrà una scena dopo i titoli di coda 6 Dicembre 2019 - 20:30

SPOILER: il penultimo episodio della serie di Damon Lindelof promette più di una sorpresa

J.J. Abrams parla del suo coinvolgimento nei film DC Comics 6 Dicembre 2019 - 19:45

C'è davvero la possibilità che Abrams diriga un film di Superman o Green Lantern?

Ragazzi Perduti (FantaDoc) 6 Dicembre 2019 - 10:45

La storia di Ragazzi Perduti (Lost Boys): come quello che doveva essere "il Goonies coi vampiri" è diventato un film di successo pieno di tizi che sembrano usciti da una boy band.

THE DOC(MANHATTAN) IS IN – Walker Texas Ranger 4 Dicembre 2019 - 18:41

Come un recalcitrante Chuck Norris ha fatto la storia della TV con Walker Texas Ranger. Un calcio rotante dopo l'altro.

7 cose che forse non sapevate su Il grande sogno di Maya 4 Dicembre 2019 - 10:45

Sette curiosità su Il grande sogno di Maya: l'anime, il manga infinito (letteralmente) e la grande bontà d'animo della signora Tsukikage. Uh, guarda.