L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 

Shelter, la recensione in anteprima

Di Gabriele Niola

Shelter Poster ItaliaRegia: Måns Mårlind, Björn Stein
Cast: Julianne Moore, Jonathan Rhys-Meyers, Jeffrey DeMunn, Frances Conroy, Brooklynn Proulx, Steven Rishard, Nathan Corddry
Durata: 112 minuti
Anno: 2010

Lo sdoppiamento di personalità non esiste se non nei film, decenni di cinema hollywoodiano ci hanno convinti che sia una patologia, ma in realtà non è vero. Inizia così Shelter, con questa dichiarazione da parte della dottoressa Julianne Moore, impegnata a smascherare un caso di doppia personalità all’interno di un processo.
Il cinema che smentisce il cinema ed espone le proprie truffe, un inizio che sembrava promettere tante cose a partire da una dichiarazione programmatica di consapevolezza. Invece è un fuoco di paglia e tutto si perde in un attimo.

In pochi minuti infatti la dottoressa verrà smentita, sarà il padre a mostrarle un caso di sdoppiamento talmente clamoroso ed evidente da mettere in crisi le sue certezze. Peccato che questo caso la trascinerà in un vortice di eventi rischiosissimi che affondano le radici (e te pareva!) nel paranormale.
Julianne Moore, che ritiene Rosemary’s Baby uno dei suoi film preferiti di sempre, si impegna e non poco nel folle tentativo di dare vita ad una delle trame meno plausibili di sempre e soprattutto meno interessanti. L’idea del cinema in lotta con il cinema per l’affermazione di una falsa verità si perde immediatamente, come anche tutto il fascino del concetto di personalità multipla (più persone in una, più ruoli in un attore). Il fine qui sono quei colpi dati allo spettatore attraverso “il botto”, cioè la scena in cui il volume si impenna.

Il duo svedese Marlind e Stein (già messi a capo del quarto capitolo di Underworld) dirige all’americana senza personalismi. La cosa potrebbe anche giovare al film, non fosse che la mancanza di personalismo sfocia in un’aderenza senza testa a tutte le logiche del peggior horror, quello che non suggestiona raccontando una storia da brivido ma mira a spaventare col frastuono e le mostruosità.

E’ questa la serie B moderna? Roba da rivalutare o totalmente irrivalutabile, priva di qualsiasi interesse? Qui le altre critiche

SEGUICI SU TWITCH!

ASCOLTA I NOSTRI PODCAST!

Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perdervi tutte le news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale YouTube ScreenWeek TV. ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

LEGGI ANCHE

Il presente e il futuro di Star Wars, gli Eterni e le altre novità dell’MCU 7 Maggio 2021 - 11:31

Il sufficientemente dinamico duo composto da Filippo Magnifico e Alessandro Apreda (DocManhattan) ci parla del presente e del futuro di Star Wars, e di cosa dobbiamo aspettarci da questa Fase 4 del Marvel Cinematic Universe.

Paper Girls – Ali Wong nella serie Amazon tratta dal fumetto di Brian K. Vaughan e Cliff Chiang 7 Maggio 2021 - 11:15

Regia: Måns Mårlind, Björn Stein Cast: Julianne Moore, Jonathan Rhys-Meyers, Jeffrey DeMunn, Frances Conroy, Brooklynn Proulx, Steven Rishard, Nathan Corddry Durata: 112 minuti Anno: 2010 Lo sdoppiamento di personalità non esiste se non nei film, decenni di cinema hollywoodiano ci hanno convinti che sia una patologia, ma in realtà non è vero. Inizia così Shelter, […]

Tutti i film horror in tv dal 7 al 13 maggio 7 Maggio 2021 - 10:36

ScreenWEEK è qui per proporvi una settimana all’insegna del brivido! Ecco la programmazione completa dei film horror in arrivo sul piccolo schermo nei prossimi sette giorni.

Perché Godzilla non è figlio di una bomba atomica (e tanto meno delle atomiche della Seconda Guerra Mondiale) 5 Maggio 2021 - 14:37

Il primo Godzilla di Ishiro Honda, nel '54, e la paura del nucleare venuta dal mare (e nata due milioni di anni prima).

STAR WARS: THE BAD BATCH – EPISODIO 1 | RECENSIONE 4 Maggio 2021 - 9:01

Debutta oggi su Disney+ Star Wars: The Bad Batch, il sequel/spin-off di The Clone Wars. Le nostre impressioni sul primo episodio.

Perché i G.I. Joe come Snake Eyes sono figli della Marvel (e dello SHIELD) 29 Aprile 2021 - 11:53

Storia breve di come Snake Eyes e i G.I. Joe che conosciamo oggi sono stati creati dalla Marvel Comics... e da un incontro casuale in un bagno.