L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
ScreenWEEKend: tra cuori truffati, grandi campioni e grotte 3D!

ScreenWEEKend: tra cuori truffati, grandi campioni e grotte 3D!

Di Marco Triolo

Burlesque Christina Aguilera foto dal film 1

Tra commedie degli equivoci, improbabili amicizie, drammoni all’americana e action claustrofobici 3D, questa settimana il piatto delle uscite è veramente ricco. Diamo un’occhiata in dettaglio ai film in arrivo…

Il truffacuori di Pascal Chaumeil

La Francia come sempre si dà da fare cento volte rispetto a noi. Il truffacuori è solo l’ennesimo esempio di commedia degli equivoci, un genere che noi facciamo malino se non male male. Non avendo visto il film non mi pronuncio sulla riuscita, ma è indubbio che a noi manchino proprio queste commedie high concept. Qui poi ci sono due star come Romain Duris e Vanessa Paradis: insomma, si tratta del piatto perfetto per la serata di San Valentino. Qui la nostra recensione.

Rabbit Hole di John Cameron Mitchell

Dalla leggerezza della commedia passiamo alla pesantezza dell’argomento trattato in questo Rabbit Hole, storia di una coppia di genitori (Nicole Kidman e Aaron Eckhart) che hanno perso il figlio piccolo e devono convivere con questo dramma intollerabile. Il film è passato anche al Festival di Roma: si tratta di un’opera solida, ben recitata, ben scritta (è tratta da una play dello sceneggiatore David Lindsay-Abaire, che ha vinto il Pulitzer), ma un po’ teatrale e freddina. Comunque un film da vedere, perché parla di argomenti spesso ignorati. Qui la recensione.

Into Paradiso di Paola Randi

Una storia di amicizia multirazziale sullo sfondo di una Napoli ai margini, una Napoli che mai come ora porta con sé un bagaglio di sofferenza immane. Paola Randi dirige il fratello musicista di Toni Servillo, Peppe (degli Avion Travel) e sforna una storia tra dramma e commedia che molto può dire dell’Italia di oggi. Speriamo che questo piccolo ma originale brano di cinema italiano, che non si adatta ai soliti standard della nostra cinematografia, riesca a convincere il pubblico. Qui le opinioni della critica.

Gianni e le donne di Gianni Di Gregorio

Il regista e protagonista di Pranzo di Ferragosto, Gianni Di Gregorio, torna con una nuova commedia che tenta di bissare l’inaspettato successo del suo primo film. Stavolta si parla di un tema poco battuto (ma al centro di molte notizie sulle prime pagine di queste settimane!) come quello della sessualità in una persona che ha raggiunto un’età matura, quasi anziana. Di Gregorio ripropone lo stesso personaggio dell’uomo solo e disoccupato, e recupera persino Valeria De Franciscis nel ruolo della madre. Riuscirà a far funzionare tutto una seconda volta? Qui la nostra recensione.

Burlesque di Steve Antin

Christina Aguilera debutta al cinema in un film che sembra cucito su misura per le sue generose forme e la sua voce virtuosa. Al suo fianco, ci sono due veterani come Cher e Stanley Tucci, che fanno del loro meglio per reggere il gioco quel tanto che basta per far sì che la star assoluta abbia abbastanza spazio. Ma c’era davvero bisogno di tutto ciò? Una domanda legittima, che pure si staranno facendo solo coloro che non sono già iniziati al verbo di Christina. I fan, invece, hanno davanti un appuntamento che non possono perdere. Qui e qui le nostre recensioni.

Sanctum di Alister Grierson3D

Ed eccoci all’immancabile pellicola 3D, stavolta girata nel formato anziché convertita. Ma d’altra parte a produrre c’è James Cameron, il guru del nuovo 3D, dunque non c’è da meravigliarsi. Grierson gira una storia claustrofobica, in cui l’effetto dovrebbe essere reso ancora più opprimente dalla terza dimensione. In più, c’è da dire che la storia su cui il film è basato è vera, ed è successa allo sceneggiatore Andrew Wight. Sarà una vera cretinata o la prova del fuoco per il 3D di Cameron, che a detta del regista funziona meglio negli spazi ristretti? Vi rispondiamo rimandandovi alla nostra recensione.

Senna di Asif Kapadia

A quasi 17 anni dalla morte, Kapadia ricorda il grande pilota di Formula 1 Ayrton Senna in un documentario che piacerà moltissimo ai fan delle corse automobilistiche. Ma non solo, perché si promette la storia di un grande campione e di un uomo che, con la sua grande abilità al volante, fece sognare milioni di appassionati, e si spense facendo quello che più amava. E un ritratto di questo genere non può che far presa anche a chi di sport capisce poco o nulla. Qui la nostra recensione.

Come sempre, vi rimandiamo ai trailer della settimana e alle previsioni del box office.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER!

Vi siete persi un sacco di news su cinema e TV, perché avevate una gomma a terra, la tintoria non vi aveva portato il tight, le cavallette. Lo sappiamo. Ma tranquilli, siamo qui per voi!

Un'unica newsletter a settimana (promesso), con un contenuto esclusivo e solo il meglio delle notizie.
Segui QUESTO LINK per iscriverti!

SEGUICI SU TWITCH!

ASCOLTA I NOSTRI PODCAST!

LEGGI ANCHE

Tom Holland lascia i social: “Perdo la testa quando leggo di me online” 18 Agosto 2022 - 15:00

La star della saga di Spider-Man ha deciso di "fare un passo indietro" dai social, per concentrarsi sulla sua salute mentale

Jonah Hill annuncia una pausa dai riflettori: “Soffro di attacchi di panico, non promuoverò più i miei film” 18 Agosto 2022 - 14:00

L'attore ha girato in gran segreto un documentario, che affronta il tema della salute mentale soffermandosi sul suo viaggio personale.

This England: la serie su Boris Johnson con Kenneth Branagh dal 21 settembre su Sky 18 Agosto 2022 - 13:15

Diretta da Michael Winterbottom, la serie racconterà come il governo di Boris Johnson abbia affrontato il Covid

She-Hulk e una quarta parete infranta da oltre trent’anni 18 Agosto 2022 - 11:20

Come She-Hulk, un'eroina a fumetti nata per paura, è stata trasformata in uno dei personaggi Marvel più ironici di sempre.

Better Call Saul, il finale: “meglio non chiamarlo Saul” [SPOILER] 16 Agosto 2022 - 15:23

La fine di un viaggio sorprendente, un finale da storia della TV: le nostre considerazioni sull'ultimissimo episodio di Better Call Saul.

The Sandman: i fan del fumetto possono dormire sonni tranquilli (recensione senza spoiler) 5 Agosto 2022 - 9:01

Neil Gaiman aveva ragione a proposito della trasposizione fedele. Ma The Sandman può piacere anche a chi il fumetto non l'ha mai letto?