L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
Pezzi di cinema: La casa (1981)

Pezzi di cinema: La casa (1981)

Di Marco Triolo

Iniziamo oggi un mini-percorso che ci condurrà attraverso la saga Evil Dead di Sam Raimi, vale a dire La casa (1981) e La casa II (1987). Per ovvi motivi anagrafici, saremo costretti a tagliar fuori L’armata delle tenebre (è del 1992), ma non mancheremo di parlarne la prossima volta, dato che si tratta quasi del secondo tempo de La casa II.

Sam Raimi esordì al cinema proprio con Evil Dead, un film a basso budget (si parla di 375.000 dollari), girato in un periodo di circa un anno e mezzo, in una baita vicino a Morristown, Tennessee. La casa fu l’archetipo dei numerosi film ambientati nelle baite prodotti negli anni seguenti (l’ultimo, The Cabin in the Woods di Drew Goddard, uscirà quest’anno) e con protagonisti gruppi di ragazzi un po’ cretini che scoperchiano vasi che nemmeno Pandora avrebbe aperto. In questo caso, tutto nasce dalla scoperta del Nyturan Demonta, il Libro dei Morti azteco. Questo è un chiaro riferimento al Necronomicon inventato dal grande scrittore horror H.P. Lovecraft, e non a caso, nei seguiti, Raimi sceglierà proprio di chiamare così il libro trovato da Ash.

A proposito di Ash: Raimi è riuscito a creare una delle ultime icone del genere horror, un anti-eroe sbruffone che prenderà però vera forma solo nel sequel/remake La casa II. Bruce Campbell è diventato un mito insieme al suo personaggio, rimanendo identificato con esso al punto da prendersi in giro nel suo film My Name is Bruce, dove un paesino gli chiede aiuto per sconfiggere un demone cinese, nella convinzione che Bruce sia eroico come Ash. Anni fa, dopo Freddy vs. Jason, si era addirittura parlato di rilanciare con un Freddy vs. Jason vs. Ash, tanto per dare un’idea della statura del personaggio nella cosmologia horror moderna.

Un paio di ultime curiosità: a causa dei tempi di lavorazione dilatati, Raimi fu costretto a sostituire buona parte del cast, e ad inquadrare i nuovi attori da dietro, in modo che non si notasse la differenza! Joel Coen, diventato poi famoso regista col fratello Ethan, lavorò come assistente montatore al film. I Coen e Raimi sono da sempre grandi amici, e infatti Raimi scrisse con loro, e diresse la seconda unità di, Mr. Hula Hoop. Qui sotto, orridi zombi, sangue e violenza nella scena della morte di Shelly.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER!

Vi siete persi un sacco di news su cinema e TV, perché avevate una gomma a terra, la tintoria non vi aveva portato il tight, le cavallette. Lo sappiamo. Ma tranquilli, siamo qui per voi!

Un'unica newsletter a settimana (promesso), con un contenuto esclusivo e solo il meglio delle notizie.
Segui QUESTO LINK per iscriverti!

SEGUICI SU TWITCH!

ASCOLTA I NOSTRI PODCAST!

LEGGI ANCHE

Tom Holland lascia i social: “Perdo la testa quando leggo di me online” 18 Agosto 2022 - 15:00

La star della saga di Spider-Man ha deciso di "fare un passo indietro" dai social, per concentrarsi sulla sua salute mentale

Jonah Hill annuncia una pausa dai riflettori: “Soffro di attacchi di panico, non promuoverò più i miei film” 18 Agosto 2022 - 14:00

L'attore ha girato in gran segreto un documentario, che affronta il tema della salute mentale soffermandosi sul suo viaggio personale.

This England: la serie su Boris Johnson con Kenneth Branagh dal 21 settembre su Sky 18 Agosto 2022 - 13:15

Diretta da Michael Winterbottom, la serie racconterà come il governo di Boris Johnson abbia affrontato il Covid

She-Hulk e una quarta parete infranta da oltre trent’anni 18 Agosto 2022 - 11:20

Come She-Hulk, un'eroina a fumetti nata per paura, è stata trasformata in uno dei personaggi Marvel più ironici di sempre.

Better Call Saul, il finale: “meglio non chiamarlo Saul” [SPOILER] 16 Agosto 2022 - 15:23

La fine di un viaggio sorprendente, un finale da storia della TV: le nostre considerazioni sull'ultimissimo episodio di Better Call Saul.

The Sandman: i fan del fumetto possono dormire sonni tranquilli (recensione senza spoiler) 5 Agosto 2022 - 9:01

Neil Gaiman aveva ragione a proposito della trasposizione fedele. Ma The Sandman può piacere anche a chi il fumetto non l'ha mai letto?