L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 

Perché gli americani non interpretano più i ruoli da supereroi?

Di Leotruman

LHollywood Reporter ha pubblicato una bella analisi basata sul fatto che gli americani non vengono più scelti per interpretare ruoli da supereroe nei cinecomic.

L’articolo parte da un aneddoto: negli anni ’70 l’attore David Prowse, che interpretava Darth Vader nella trilogia di Star Wars, si era presentato ai casting di Superman, che Richard Donner stava per girare, e fu scartato. Sapete perché?

Perché non era americano.

Proprio questa settimana l’attore britannico Henry Cavill è stato scelto per interpretare Superman nel reboot che Zack Snyder sta preparando, con la supervisione di Christopher Nolan.

Cavill è solo l’ultimo di una lunga serie di attori non americani scelti per interpretare ruoli chiave in grandi produzioni hollywoodiane, e il fatto di essere stato selezionato proprio per il ruolo dell’icona americana per eccellenza ha scatenato anche commenti piuttosto polemici alla notizia.

Ad esempio un commentatore su Ain’t It Cool News ha scritto:

“Questo casting è fondamentalmente anti-americano. E’ un casting disgustoso al massimo grado e io non andrò mai a vedere un film dove un britannico interpreta Superman”

Ma gli inglesi, così come gli attori australiani e canadesi, sembrano aver conquistato la maggior parte dei ruoli più importanti delle grandi produzione dei prossimi anni, soprattutto in quei ruoli che prima erano marchiati con “made in USA”.

Prendiamo gli esempi più eclatanti.

L’attore Andrew Garfield, cresciuto in Gran Bretagna, sta interpretando il nuovo Spider-man nel reboot di Marc Webb in uscita il prossimo anno, mentre Christian Bale, un altro attore britannico, sta per partecipare alla terza pellicola nei panni di Batman per la regia di Nolan.

Thor Chris HemsworthL’australiano Chris Hemsworth sta per sbarcare nei cinema di tutto il mondo a maggio interpretando Thor, un altro supereroe classico della Marvel, seguendo le orme di altri suoi connazionali come Hugh Jackman (Wolverine) e Eric Bana (Hulk di Ang Lee).

Anche il Canada è ben rappresentato visto che Ryan Reynolds si è messo i panni di Lanterna Verde, che uscirà a giugno 2011 in tutto il mondo.

Un altro australiano degno di nota è sicuramente Sam Worthington, esploso con Avatar ma conosciuto anche per Terminator Salvation e Scontro tra Titani.

Un’ulteriore pietra dello scandalo invece potrebbe essere rappresentata da Daniel Day-Lewis, sempre un attore britannico che potrebbe essere chiamato ad interpretare l’americanissimo Abraham Lincoln in un biopic che Steven Spielberg sta preparando.

Anche nel campo televisivo anche i ruoli principali dei recenti The Walking Dead, The Cape e Off the map sono andati tutti ad attori non americani.

A dispetto di un vantaggio numerico, visto che la popolazione degli Stati Uniti è di circa 308 milioni di individui mentre se sommiamo quella di Regno Unito, Canada e Australia raggiungiamo solamente i 107 milioni, sembra che gli “attori con l’accento” godano di un grosso vantaggio ultimamente.

Qualcuno ha detto che semplicemente sono i migliori attori in circolazione, altri invece considerano internet come il fattore principale che ha permesso la fine dell’egemonia americana sui ruoli più importanti nei cinecomic.

Potremmo chiamarla la “globalizzazione del supereroe”.

Qualche attore americano è tuttavia impegnato a tenere alta la bandiera del proprio paese. Leonardo di Caprio, nato ad Hollywood, quest’estate ha incantato tutti con Inception mentre Shia LaBeouf combatterà in Trasformers anche nel terzo episodio in uscita a luglio.

Per non parlare di Capitan America: chi se non l’americanissimo Chris Evans poteva interpretarlo? Se fosse stato scelto un attore inglese, ci sarebbe sfiorata una rivolta.

Qui sotto trovate le schede film di tutti i cinecomic più importanti in uscita nei prossimi mesi. Per conoscere news, vedere foto e i trailer, basta cliccare sulla finestra.







CORONAVIRUS: QUI l'elenco completo, in costante aggiornamento, di tutti i principali blockbuster che hanno subito uno slittamento sulla data di uscita o hanno optato per una distribuzione digitale.


Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perdervi tutte le news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale YouTube ScreenWeek TV. ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

LEGGI ANCHE

Doogie Howser – Un reboot al femminile per Disney+ 8 Aprile 2020 - 21:58

In lavorazione per Disney+ la serie Doogie Kealoha, M.D., un reboot di Doogie Howser con Neil Patrick Harris, questa volta con una protagonista femminile

Tiger King: in America oltre 34 milioni di spettatori hanno visto la serie, ora si pensa al sequel 8 Aprile 2020 - 21:30

Grande successo per la docuserie Tiger King, sbarcata su Netflix lo scorso 20 marzo e subito diventata un piccolo, grande fenomeno. Ora si pensa ad un sequel incentrato su Carole Baskin.

My Spy con Dave Bautista acquisito da Amazon Prime Video 8 Aprile 2020 - 21:30

Anche il film di Peter Segal arriverà direttamente in streaming... almeno in USA

THE DOC(MANHATTAN) IS IN – Colombo 4 Marzo 2020 - 17:11

La storia di Colombo: i tre volti del tenente, Mrs. Columbo, Spielberg e...

7 cose che forse non sapevate su Forza Sugar 3 Marzo 2020 - 13:30

La parentela con Rocky Joe, il regista famoso, la sigla riciclata... sette curiosità su Forza Sugar.

THE DOC(MANHATTAN) IS IN – Dark Angel 27 Febbraio 2020 - 16:15

Jessica Alba, il 2019 post-apocalittico visto dal 2000 e la prima infatuazione di James Cameron per Alita.