L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 

Oscar Game 2011 – parte due: migliori scenografie ed effetti visivi

Di Leotruman

Continuiamo oggi il cammino che ci porterà ad assistere alla 83esima edizione degli Academy Awards, meglio conosciuti come premi Oscar.

Meno 11 giorni alla notte di domenica 27 febbraio quando al Kodak Theatre di Los Angeles verranno consegnati i riconoscimenti più importanti dell’anno (tutte le news sugli Oscar le trovate nella nostra pagina evento).

Ogni giorno esamineremo due categorie presentandone i candidati e cercando di pronosticare chi vincerà l’ambita statuetta. Importantissimi i vostri commenti, in cui dovrete esprimere poi le vostre preferenze, magari indicando chi secondo voi vincerà ma allo stesso tempo chi vorreste che vincesse.

Con la seconda parte di oggi esaminiamo le categorie delle Migliori Scenografie e dei Migliori effetti visivi.

  • MIGLIORI SCENOGRAFIE:

Essenziali per una pellicola, le scenografie sono lo scheletro stesso di un film. Le cinquina comprende cinque grandi produzioni che ci offrono una variegata gamma di stili ed epoche, tutte molto “solide” e talvolta anche abbondanti. Ecco i candidati:

1) Alice in Wonderland (Robert Stromberg; Karen O’Hara)

Non vi è dubbio che insieme ai costumi, le scenografie del kolossal di Tim Burton siano state fondamentali per trasmettere il suo genio visivo in questa particolare trasposizione del classico di Lewis Carroll.

Il lavoro di Stromberg (insieme con la decoratrice  O’Hara) è stato decisamente notevole e di grande impatto e potrebbe soddisfare in pieno i requisiti dell’Acadamy, che spesso preferisce e premia “l’abbondanza”. Lo scenografo ha vinto l’Oscar lo scorso anno per le magnifiche scenografie di Avatar ed è alla sua terza nomination: doppietta in agguato?

Alice nel Paese delle Meraviglie

2) Harry Potter e i Doni della Morte: parte prima (Stuart Craig; Stephanie McMillan)

Non tutti i capitoli della saga di Harry Potter hanno ricevuto la nomination in questa categoria, nonostante le abbia sempre curate Stuart Craig e per certi versi sono sempre stati “simili” e con un livello qualitativo sempre altissimo.

Ci sono riusciti La Pietra Filosofale, Il Calice di Fuoco e anche questo penultimo capitolo della saga. Craig ha già vinto 3 Oscar nella sua carriera per Il Paziente Inglese, Le Relazioni Pericolose e Gandhi ed è alla sua ottava nomination. Probabilmente non vincerà quest’anno, ma sono certo che la campagna promozionale per gli Oscar del 2012 sarà decisamente più pesante sfrutterà molto il fattore “Fine della saga” e cercherà di strappare ogni riconoscimento possibile (come fece Il Ritorno del Re).

Harry Potter e i Doni della morte Parte I Bill Nighy Rupert Grint Daniel Radcliffe Emma Watson Foto Dal Film 01

3) Inception (Guy Hendrix Dyas; Larry Dias, Doug Mowat)

Lo scenografo Guy Hendrix Dyas è solo alla sua prima nomination, ma potrebbe vincere l’Oscar in questa categoria. Inception regge non solo grazie alla sceneggiatura di Christopher Nolan, ma anche grazie a un solido progetto di design con una sua identità ben precisa.

Come possiamo dimenticare alcuni set come la casa giapponese di Saito, il modernissimo hotel della seconda parte del sogno o la fortezza innevata. Hanno dato un senso di credibilità e realismo ad un progetto talmente originale e visionario che poteva sembrare e rimanere solamente un sogno. Nolan ha un grande debito con lo scenografo.

Inception Joseph Gordon Levitt Ken Watanabe Foto Dal Film 77

4) Il Discorso del Re (Eve Stewart; Judy Farr)

Le scenografie de Il Discorso del Re sono un classico esempio di equilibrio senza eccesso, nonostante siano tematicamente rilevanti. Non rubano mai la scena agli attori, anche se curate nei minimi dettagli, e ci hanno permesso di conoscere anche la dimensione più intima della famiglia reale inglese.

Eve Stewart è alla sua seconda nomination in carriera e ha vinto l’ADG (il premio di cateogoria) mentre il Bafta è andato ad Inception. Una bella lotta, che dipenderà dalla voglia dei giurati di esprimere i loro voti in sequenza sulla base unicamente della loro preferenza al film (vedi The Millionaire).

Il discorso del Re Helena Bonham Carter Colin Firth foto dal film 3

5) Il Grinta (Jess Gonchor; Nancy Haigh)

Le scenografie de Il Grinta sono meravigliose, nonostante ci siano tantissime scene girate in esterni. E’ stata ricostruita un’intera cittadina western e i dettagli sono curati in ogni angolo.

Jess Gonchor è alla sua prima nomination, infatti non ce la fece ad ottenere la candidatura per Non è un paese per vecchi (curò anche quella de Il Diavolo veste Prada). Potrebbe anche fare un sorpresa e vincere, come premio di consolazione ai Coen se non fossero stati votati nelle altre categorie.

In molti si sono lamentati dell’assenza del nostro Dante Ferretti che in Shutter Island ha svolto un lavoro a dir poco eccezionale ricostruendo il manicomio sull’isola nonché la torre e gli altri bellissimi set.

Chi sarà il vincitore? Cercando di separare la testa dal cuore, io credo che comunque i giurati daranno il giusto merito ad Inception almeno nelle categorie tecniche, perché oggettivamente le sue scenografie sono le migliori dell’anno. Ma se Il Discorso del Re dovesse vincere molte statuette, farà sua anche questa senza pietà.

CHI VINCERA’Inception

CHI DOVREBBE VINCERE: Inception

True Grit On Set 8

  • MIGLIORI EFFETTI VISIVI:

La categoria normalmente è una guerra tra colossi. Bisogna avere minimo un budget di 150 milioni di dollari per riuscire ad ottenere un pass per questa nomination, ma quest’anno vi è un’eccezione. Meno male si è tornati alla cinquina perché con solo 3 nomination avrebbero escluso dei film eccellenti. Ecco i candidati:

1) Alice in Wonderland

Non si può negare che gli effetti visivi del kolossal di Tim Burton siano d’impatto. Però hanno il sapore del finto, che nel complesso della favola ci può anche stare e ha reso la visione della pellicola molto piacevole.

Però mentirei a dire che mi hanno in qualche modo sorpreso e mi sono sembrati più una serie di ottimi fondali in 3D (lasciando da parte la questione stereoscopia, di certo non uno dei migliori esempi dell’anno). Note di merito: l’enorme testa della regina di cuori Bonham-Carter e il morbidissimo Stregatto.

Alice in Wonderland Helena Bonham Carter Foto di Scena 09

2) Iron Man 2

Sarebbe stato un grave errore se Iron Man 2 non avesse ottenuto almeno questa nomination. Come nel primo capitolo, gli effetti speciali del kolossal della Marvel sono stati strabilianti.

Mai eccessivi, trasmettono un grande senso di realismo ad una storia e ad un personaggio che è forse tra i meno “comic” tra i cinecomics. Note di merito: la gara di auto a Montecarlo e la battaglia allo Stark Expo, due scene veramente di impatto.

Iron Man 2 Mickey Rourke Foto Dal Film 14

3) Harry Potter e i Doni della Morte: parte prima

Nonostante gli effetti speciali nella saga di Harry Potter abbiano sempre avuto un’importanza fondamentale, questa è solo la seconda nomination della saga in questa categoria (l’altro fu Il Principe di Azkaban ed è un peccato che venne escluso Il Calice di Fuoco, il migliore sotto questo punto di vista).

Gli effetti in questa prima parte del gran finale (che avrebbe dovuto essere in 3D, decisione che venne annullata in seguito dalla Warner) sono di qualità elevata, anche se forse un po’ “caotici” nelle scene d’azione. Note di merito: la fuga dal ministero e la scena del lago ghiacciato con la cerva bianca. Non so se la scena animata della “storia dei tre fratelli” sia da annoverare tra gli effetti speciali: resta il fatto che se fosse un corto animato indipendente sarebbe stato candidato all’Oscar senza dubbio (da pelle d’oca ancora adesso).

Harry Potter e i doni della morte 10

4) Inception

Qualcuno ha criticato la città ricostruita da Cobb e la moglie, fatta di grattacieli e palazzi uguali senza originalità. Ma è come trovare il pelo nell’uovo visto che in Inception gli effetti speciali sono a dir poco eccellenti.

In qualsiasi scena d’azione sono visivamente d’impatto, precisi ed emozionanti. Le note di merito qui si sprecano: l’allagamento della casa di Saito, l’esplosione della strada di Parigi, il crollo della fortezza innevata ma soprattutto le scene e i combattimenti in assenza di gravità nell’hotel, che da soli meritano la statuetta.

No, almeno in questa categoria non concorre Il Discorso del Re (e ci mancava poco…) e forse il kolossal di Nolan ce la può fare con maggiore sicurezza.

Inception Foto Dal Film 92

5) Hereafter

Considero Hereafter una delle migliori pellicole di Clint Eastwood, che questa volta ha dovuto subire critiche molto contrastanti tra loro.

Nonostante ciò, ritengo quasi scandaloso che sia stata inserita in questa cinquina. Non in quanto produzione con un budget non molto elevato, ma perché contiene una sola ed unica scena in cui sono stati utilizzati abbondanti effetti speciali, e sto parlando dello tsunami iniziale (che tra l’altro, nonostante sia una scena di forte emozioni, visivamente non mi ha particolarmente colpito).

Lo scandalo è reso ancora più grave perché una pellicola come Tron: Legacy è stata esclusa. Chi ha visto il kolossal in 3D della Disney potrà anche non aver apprezzato la pellicola, ma non si può non essere rimasti abbagliati dagli strabilianti effetti visivi del film. Ma il gioco degli Oscar è anche questo…

CHI VINCERA’Inception

CHI DOVREBBE VINCERE: Inception

Hereafter Lyndsey Marshal foto dal film 1

Ora tocca a voi: chi secondo voi vincerà nelle due categorie e chi vorreste che vincesse?

Esprimete una chiara preferenza nei commenti e ad Oscar consegnati pubblicheremo la classifica di chi ha indovinato più vittorie con i propri pronostici.

Potete continuare a votare anche per le altre categorie, e avete tempo fino a domenica 27 febbraio.

1° parte: MIGLIORI COSTUMI E TRUCCO

Vi ricordo che a  questo link trovate tutte le news relative alla 83esima edizione degli Academy Awards.

A domani per la terza parte!

Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perdervi tutte le news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale ScreenWeek TV. ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

LEGGI ANCHE

Vince Vaughn nella commedia The Binge targata Hulu 21 Settembre 2019 - 2:11

Alla regia Jeremy Garelick, sceneggiatore di The Break-Up sempre con l'attore.

Kevin Hart è tornato a casa ed è grato di essere vivo 20 Settembre 2019 - 21:15

Kevin Hart è grato per essere vivo e ha intenzione di sfruttare al massimo questa cosa sotto ogni punto di vista.

Batman: La Top 10 dei nemici dell’Uomo Pipistrello 20 Settembre 2019 - 20:45

Dall'immancabile Joker alle nemesi più ambigue e pericolose di Batman, ecco la nostra Top 10 in occasione del Batman Day!

La storia di Waterworld (FantaDoc) 19 Settembre 2019 - 16:08

L'annacquata storia di Waterworld, il buco nell'acqua di Costner. Ma sarà poi vero?

THE DOC(MANHATTAN) IS IN – Batman, il telefilm 18 Settembre 2019 - 15:47

Nanananananananana...

7 cose che forse non sapevate sulla Famiglia Mezil 17 Settembre 2019 - 16:32

Lo storico cartoon della Famiglia Mezil, che veniva da oltre cortina e... ha ispirato i Simpson?!?