L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 

Burlesque, la recensione in anteprima

Di Filippo Magnifico

Burleque Poster Italia 01Regia: Steve Antin
Cast: Christina Aguilera, Cher Sarkisian LaPiere, Kristen Anne Bell, Stanley Tucci, Alan Cumming, Eric Dane, Julianne Hough, Cam Joslin Gigandet, Dianna Agron, Glynn Turman, Peter Gallagher, David Walton
Durata: 1h 59m
Anno: 2010

La giovane Ali Rose (Christina Aguilera) lascia la sua città e il suo lavoro di cameriera per inseguire un sogno: ballare. Arrivata a Los Angeles con un pugno di dollari e un sacco di speranze, questa ragazza trova un impiego, sempre come cameriera, nel locale neo-burlesque gestito da Tess (Cher). Da lì al palco il passo sarà molto breve.

Sarebbe troppo facile e fondamentalmente banale scagliarsi contro una pellicola come Burlesque, che presenta gran parte di quelle caratteristiche che, solo a sentirle, sono in grado di provocare l’orticaria a gran parte della cosiddetta “critica autorevole”. Cerchiamo dunque di analizzare questo film per quello che è, tralasciando eventuali pregiudizi e soffermandoci sulle caratteristiche positive che questo titolo possiede. Caratteristiche che diventano ancora più degne di nota se si paragona quest’opera alla miriade di altri titoli simili che sono usciti e, cascasse il mondo, continueranno ad uscire: Crossroads – Le strade della vita per esempio, imbarazzante esordio cinematografico della collega/rivale Britney Spears; o il più recente Ballare per un Sogno, che con la pretesa di tirare in ballo il burlesque non ha fatto altro che ridicolizzare un genere. Il film diretto da Steve Antin spicca tra questi macigni quasi fosse un diamante grezzo, ma è anche vero che in questo modo, citando il tormentone di una nota pubblicità, “vince facile”.

Nessuno ha infatti detto di trovarsi di fronte al riscatto di quel cinema incentrato sul mondo del ballo, sia chiaro. I difetti ci sono eccome e risiedono per la maggior parte in una storia prevedibile all’inverosimile, che banalizza il sogno americano con una facilità e un buonismo tali che in più di un’occasione si fanno fatica a sopportare: quasi nulle le difficoltà incontrate dalla protagonista lungo la sua scalata al successo, che nel giro di pochissimo tempo passa dall’essere una semplice cameriera di provincia al diventare la principale attrazione del locale gestito dalla matrona Cher (che per quest’interpretazione si è anche beccata una nomination ai Razzie Awards); ridotto ad una leggera patina tutto quel marcio che, in fin dei conti, dovrebbe essere presente all’interno di una pellicola simile, perlomeno per offrire un minimo di pepe alla storia.

Rimangono alcuni interpreti più o meno degni nota, tra cui spicca uno Stanley Tucci bravissimo e più queer che mai; la voce e i balletti della protagonista Christina Aguilera, che a conti fatti dimostra di saper gestire un palco (ma questo si sapeva già); alcune coreografie forse un po’ troppo patinate, ma di sicuro effetto. Tutte cose che non rendono il film un capolavoro, ma che di certo contribuiscono a farne un prodotto in grado di superare le (basse) aspettative. Tempo un mese e nessuno se ne ricorderà, ma anche questo fa parte del gioco.

Cinema chiusi, QUI gli ultimi aggiornamenti.

#CinemaReloaded è un messaggio di ottimismo aperto a tutti per testimoniare, condividere e sostenere le iniziative di rilancio del cinema in sala. Scopri di più e aderisci sul sito Cinemareloaded.it.

Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perdervi tutte le news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale YouTube ScreenWeek TV. ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

LEGGI ANCHE

Mads Mikkelsen rompe il silenzio su Animali Fantastici 3 3 Dicembre 2020 - 15:31

L'attore danese ha finalmente parlato del suo ingaggio al posto di Johnny Depp nel ruolo di Gellert Grindelwald

Tutto normale il prossimo Natale: un’altra commedia natalizia targata Netflix 3 Dicembre 2020 - 15:30

Un’altra commedia natalizia si aggiunge al catalogo di Netflix. Si tratta di Tutto normale il prossimo Natale, ecco il trailer, la trama e il cast.

The Stand: la serie tratta da Stephen King dal 3 gennaio su Starzplay 3 Dicembre 2020 - 15:13

The Stand, la serie basata sull’omonimo romanzo di Stephen King, sarà disponibile nel nostro territorio su Starzplay a partire dal 3 gennaio.

Spawn (FantaDoc) 28 Novembre 2020 - 12:00

All'inferno (e ritorno) i super-eroi!

Small Soldiers (FantaDoc) 2 Novembre 2020 - 16:08

La storia dei soldati giocattolo di Joe Dante.

Universal Soldier – I nuovi eroi (FantaDoc) 16 Ottobre 2020 - 16:51

Storia di un clonazzo di Terminator per cui Van Damme e Dolph Lundgren sono arrivati a menarsi (per finta) a Cannes.