Warning: getimagesize(http://static.screenweek.it/2011/1/19/mary-poppins-poster-italia-01_mid.jpg): failed to open stream: HTTP request failed! HTTP/1.1 403 Forbidden in /var/www/html/wp-content/themes/newblog_screenweek/functions.php on line 655
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
Cult for Kids: Mary Poppins

Cult for Kids: Mary Poppins

Di Filippo Magnifico

Mary Poppins Poster Italia 01

I giovani spettatori cresciuti negli ultimi anni conosceranno perfettamente Tata Matilda, l’eccentrica educatrice interpretata da Emma Thompson e protagonista di due lungometraggi (Nanny McPhee – Tata Matilda e Tata Matilda e il grande botto), ma prima di lei c’è stata un’altra tata cinematografica, sicuramente più graziosa e decisamente più leggendaria: Mary Poppins, protagonista di un Cult for Kids per eccellenza che non poteva assolutamente essere ignorato.

Diretto nel 1964 da Robert Stevenson e interpretato da una superba Julie Andrews, che grazie a questo ruolo riuscì ad aggiudicarsi un Oscar come migliore attrice (a cui si aggiungono quelli per i migliori effetti speciali, miglior montaggio, migliore canzone e migliore colonna sonora), Mary Poppins racconta la storia di una famiglia londinese: un padre banchiere, convinto che sia possibile gestire la casa allo stesso modo degli affari; una brava moglie che forse vive un po’ tropo “tra le nuvole”; due figli, un maschio e una femmina, bravi, sebbene un po’ vivaci.
In cerca di una tata, i componenti di questa famiglia riceveranno la visita di Mary Poppins, una donna dotata di poteri magici che aiuterà ognuno di loro a ritrovare la giusta armonia.
Ispirata alla serie di romanzi scritti da Pamela Lyndon Travers, Mary Poppins è una di quelle pellicole che difficilmente non si amano e che, ancora oggi, è in grado di incantare grandi e piccini: i primi perchè inevitabilmente possono ricollegare le avventure di questa “supertata” a dolci ricordi di infanzia; i secondi per la magia che pervade ogni minuto di questa storia.
Magia che risiede nelle suggestive scene realizzate con la tecnica mista, che ovviamente non raggiungono la perfezione di titoli come Chi ha incastrato Roger Rabbit?, ma che riescono comunque a trasportarci all’interno di un mondo incantato difficile da dimenticare. Unite a questo una colonna a dir poco storica, scandita da “hit” intramontabili come Un Poco Di Zucchero, Supercalifragilistichespiralidoso, Cam caminì. Il risultato? Non solo una splendida pellicola per l’infanzia, ma uno dei titoli più conosciuti della storia del cinema.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER!

Vi siete persi un sacco di news su cinema e TV, perché avevate una gomma a terra, la tintoria non vi aveva portato il tight, le cavallette. Lo sappiamo. Ma tranquilli, siamo qui per voi!

Un'unica newsletter a settimana (promesso), con un contenuto esclusivo e solo il meglio delle notizie.
Segui QUESTO LINK per iscriverti!

SEGUICI SU TWITCH!

ASCOLTA I NOSTRI PODCAST!

LEGGI ANCHE

La serie Netflix con Arnold Schwarzenegger ha trovato un regista 23 Maggio 2022 - 21:45

La serie sarà incentrata su un padre e una figlia che scoprono di lavorare entrambi per la CIA dopo molti anni

Giustizia privata: in arrivo un sequel del film con Gerard Butler 23 Maggio 2022 - 21:15

Il sequel sarà scritto dallo stesso sceneggiatore dell'originale, Kurt Wimmer, e prodotto da Gerard Butler

More than I remember: L’anteprima europea ad Annecy 2022 23 Maggio 2022 - 21:09

La storia di Mugeni porta attenzione alla negazione della cittadinanza e alla crisi umanitaria che si sta verificando nel sud-est del Congo

Love, Death & Robots, stagione 3: la recensione (senza spoiler) 21 Maggio 2022 - 9:28

Un terzo giro decisamente più riuscito del secondo: robot, ancora una volta, pochi, morte tanta, amore quel che basta.

She-Hulk, il trailer spiegato a mia nonna 18 Maggio 2022 - 8:43

Finalmente la She-Hulk di Tatiana Maslany in azione e... ma chi sono tutti quei tizi?

Bang Bang Baby, episodi 6-10: una chiusura col botto (no spoiler) 16 Maggio 2022 - 14:45

Sì, anche il secondo blocco di episodi di Bang Bang Baby, la serie di Prime Video, merita assolutamente la visione.