L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 

The Social Network – La recensione da Roma

Di Marco Triolo

The Social Network Poster USA

Mi sbilancerò: The Social Network è il capolavoro di David Fincher. E’ meglio di Seven, è meglio di Fight Club: è il film in cui giunge allo zenith lo stile di Fincher, che gira in un digitale incredibile (indistinguibile praticamente dalla pellicola) e costruisce un dramma sull’amicizia mascherandolo da film su Facebook, e servendosi di un’impalcatura adamantina costituita dalla sceneggiatura di Aaron Sorkin e dalle musiche di Trent Reznor e Atticus Ross. Fincher, tra alti e bassi, ha costruito un percorso chiaro: dagli eccessi dei primi tempi, dallo stile barocco di Fight Club, è andato ad asciugare sempre di più fino alla sobrietà di Zodiac e ora ha distillato il meglio del suo cinema in un qualcosa che verrà ricordato negli anni a venire.

The Social Network racconta la storia di Mark Zuckerberg, della creazione di Facebook e della battaglia legale che seguì, tra Zuckerberg, il suo socio Eduardo Saverin e i gemelli Winklevoss, originari commitenti che si sentirono defraudati quando Zuckerberg sviluppò il loro concetto iniziale in qualcosa di radicalmente nuovo e rivoluzionario: un sito in grado di riunire in una rete gli studenti del campus di Harvard. Nell’equazione entra poi anche Sean Parker, fondatore di Napster: il triangolo Zuckerberg/Saverin/Parker è trattato come un vero menage a trois amoroso, con tanto di gelosia e colpi bassi. Fincher si serve di un gruppo di giovani attori bravissimi: ottimi Jesse Eisenberg e Justin Timberlake, ma Andrew Garfield si mangia tutti a colazione, e sapere che sarà il nuovo Spider-Man mi riempie il cuore di gioia.

The Social Network, dicevamo, è un film sull’amicizia, o meglio ancora sulla fine di essa. E’ la storia di un geniale misantropo incapace di gestire i rapporti umani ma che in fondo non è cattivo, è solo una persona terribilmente sola. E alla fine, tutta la sua battaglia Mark la combatte per una ragazza, per avere qualcuno vicino. Andatelo a vedere e soprattutto segnatevi questo: agli Oscar non ce ne sarà per nessuno.

Da No Time to Die a Ghostbusters, ecco le nuove date dei film 2021 (in costante aggiornamento)

Cinema chiusi fino al 5 marzo, QUI gli ultimi aggiornamenti.


Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perdervi tutte le news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale YouTube ScreenWeek TV. ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

LEGGI ANCHE

Tutta colpa di Freud: il trailer della serie con Claudio Bisio, dal 26 febbraio su Prime 24 Febbraio 2021 - 21:30

Tratta dal film di Paolo Genovese, la serie è diretta da Rolando Ravello e interpretata anche da Claudia Pandolfi, Max Tortora e Herbert Ballerina

Stoffa da Campioni – Cambio di Gioco: il trailer ufficiale della serie targata Disney+ 24 Febbraio 2021 - 21:03

Disney+ ha diffuso il trailer ufficiale della serie Stoffa da campioni: cambio di gioco, che debutterà sulla piattaforma streaming venerdì 26 marzo.

Disney+: ecco le date di uscita di Turner e il Casinaro, Monsters at Work e molto altro 24 Febbraio 2021 - 20:55

Dopo Loki e The Bad Batch, Disney+ ha svelato la data di uscita di altri titoli particolarmente attesi in arrivo sulla piattaforma nei prossimi mesi.

Spawn (FantaDoc) 28 Novembre 2020 - 12:00

All'inferno (e ritorno) i super-eroi!

Small Soldiers (FantaDoc) 2 Novembre 2020 - 16:08

La storia dei soldati giocattolo di Joe Dante.

Universal Soldier – I nuovi eroi (FantaDoc) 16 Ottobre 2020 - 16:51

Storia di un clonazzo di Terminator per cui Van Damme e Dolph Lundgren sono arrivati a menarsi (per finta) a Cannes.