L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 

The Social Network – La recensione da Roma

Di Marco Triolo

The Social Network Poster USA

Mi sbilancerò: The Social Network è il capolavoro di David Fincher. E’ meglio di Seven, è meglio di Fight Club: è il film in cui giunge allo zenith lo stile di Fincher, che gira in un digitale incredibile (indistinguibile praticamente dalla pellicola) e costruisce un dramma sull’amicizia mascherandolo da film su Facebook, e servendosi di un’impalcatura adamantina costituita dalla sceneggiatura di Aaron Sorkin e dalle musiche di Trent Reznor e Atticus Ross. Fincher, tra alti e bassi, ha costruito un percorso chiaro: dagli eccessi dei primi tempi, dallo stile barocco di Fight Club, è andato ad asciugare sempre di più fino alla sobrietà di Zodiac e ora ha distillato il meglio del suo cinema in un qualcosa che verrà ricordato negli anni a venire.

The Social Network racconta la storia di Mark Zuckerberg, della creazione di Facebook e della battaglia legale che seguì, tra Zuckerberg, il suo socio Eduardo Saverin e i gemelli Winklevoss, originari commitenti che si sentirono defraudati quando Zuckerberg sviluppò il loro concetto iniziale in qualcosa di radicalmente nuovo e rivoluzionario: un sito in grado di riunire in una rete gli studenti del campus di Harvard. Nell’equazione entra poi anche Sean Parker, fondatore di Napster: il triangolo Zuckerberg/Saverin/Parker è trattato come un vero menage a trois amoroso, con tanto di gelosia e colpi bassi. Fincher si serve di un gruppo di giovani attori bravissimi: ottimi Jesse Eisenberg e Justin Timberlake, ma Andrew Garfield si mangia tutti a colazione, e sapere che sarà il nuovo Spider-Man mi riempie il cuore di gioia.

The Social Network, dicevamo, è un film sull’amicizia, o meglio ancora sulla fine di essa. E’ la storia di un geniale misantropo incapace di gestire i rapporti umani ma che in fondo non è cattivo, è solo una persona terribilmente sola. E alla fine, tutta la sua battaglia Mark la combatte per una ragazza, per avere qualcuno vicino. Andatelo a vedere e soprattutto segnatevi questo: agli Oscar non ce ne sarà per nessuno.

Da No Time to Die a Ghostbusters, ecco le nuove date dei film 2021 (in costante aggiornamento)

Cinema chiusi fino al 30 aprile, QUI gli ultimi aggiornamenti.


Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perdervi tutte le news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale YouTube ScreenWeek TV. ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

LEGGI ANCHE

Starlight: Joe Cornish dirigerà l’adattamento del fumetto di Mark Millar 13 Aprile 2021 - 11:15

Il regista di Attack the Block racconterà la storia di Duke McQueen, un vecchio eroe in partenza per l'ultima grande avventura nel cosmo

Powerpuff: ecco le Superchicche nella prima foto ufficiale 13 Aprile 2021 - 10:30

Dove Cameron, Chloe Bennet e Yana Perrault sono Dolly, Lolly e Molly nell'immagine diffusa da The CW

The Falcon and the Winter Soldier – Un poster dedicato ad Ayo 13 Aprile 2021 - 9:45

Ayo (Florence Kasumba) campeggia sul nuovo poster di The Falcon and the Winter Soldier, il cui penultimo episodio uscirà venerdì su Disney+.

LOL – Chi ride è fuori, i comici italiani e la TV giapponese 9 Aprile 2021 - 14:37

Si è concluso ieri su Amazon Prime Video LOL, chi ride è fuori, game show a puntate che ha suscitato polemiche e discussioni su cosa fa ridere e cosa no.

Jupiter’s Legacy: chi sono i nuovi super-eroi di Netflix (e perché siete già fan del Millarworld, anche se non lo sapete) 8 Aprile 2021 - 11:29

Le origini di Jupiter's Legacy, i nuovi super-eroi in arrivo su Netflix, e l'importanza per il mondo del fumetto di quel signore chiamato Mark Millar.

Black Widow: chi è Taskmaster? 6 Aprile 2021 - 16:02

La storia di Taskmaster, il villain dalla memoria fotografica che ha sbagliato mestiere.