L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 

Scott Pilgrim vs. the World, la recensione in anteprima

Di Filippo Magnifico

Scott Pilgrim vs The World Poster Italia 01Regia: Edgar Wright
Cast: Kieran Culkin, Michael Cera, Aubrey Plaza, Mary Elizabeth Winstead, Ellen Wong, Chris Evans, Mae Whitman, Anna Kendrick, Mark Webber, Satya Bhabha, Brie Larson, Brandon Routh, Jason Schwartzman, Bill Hader
Durata: 1h 52m
Anno: 2010

Scott Pilgrim è un ragazzo poco più che ventenne che suona il basso in una band indie-rock chiamata Sex Bob-omb. Un bel giorno il giovane incontra la bella e misteriosa Ramona Flowers, praticamente la donna dei suoi sogni (in tutti i sensi). Disposto a tutto per conquistarla, Scott riesce ad ottenere un appuntamento, ma questa frequentazione sarà fonte di numerosi guai. La sua amata è infatti perseguitata dai suoi sette ex, che hanno formato una vera e propria lega, il cui scopo è eliminare ogni possibile pretendente. Per conquistare il cuore di Ramona è necessario sconfiggere il suo passato.

Dopo Shaun of the Dead e Hot Fuzz ecco che Edgar Wright torna dietro la macchina da presa, privato dell’amico di sempre Simon Pegg, ma poco importa, perché anche senza la sua fidata spalla il regista è riuscito a regalarci un’opera in grado di andare al di là di qualsiasi convenzione stilistica, dimostrandosi ancora una volta uno dei cineasti più promettenti della cosiddetta “nuova leva”.
Scott Pilgrim vs. The World, trasposizione cinematografica della graphic novel del canadese Brian Lee O’Malley, è un film che vive in gran parte della sua componente estetica (un vero e proprio segno distintivo quando si parla di Wright), ma che ciononostante non può dirsi vuoto, come la maggior parte degli esercizi di stile.
I temi ci sono, sapientemente mascherati da teen movie e al tempo stesso così pungenti da poter diventare il giusto pretesto per più di una discussione, ma al di là di questo quello che veramente stupisce è la totale padronanza della messa in scena che questo regista ha raggiunto nel giro di una manciata di anni. La pellicola è infatti un tripudio di barocchismi, seminati lungo una narrazione che attinge contemporaneamente da più mondi, come ad esempio quelli dei fumetti e dei videogame.

Il risultato è al tempo stesso anarchico, divertente e romantico. Merito anche di un cast giovanissimo e in piena forma, capeggiato da Michael Cera, che praticamente diventa sempre più convincente ad ogni film (anche se, questo bisogna dirlo, i ruoli che gli vengono affidati sono quasi sempre gli stessi). Non ci sarebbe da stupirsi se nel giro di qualche anno questo Scott Pilgrim dovesse diventare un piccolo cult, alla faccia della tiepida accoglienza riservatagli in America, ma questo sarà solo il tempo a deciderlo. Sicuramente si tratta di un’opera godibilissima, che non merita di passare inosservata.

Qui trovate il resto delle recensioni.

SEGUICI SU TWITCH!

ASCOLTA I NOSTRI PODCAST!

Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perdervi tutte le news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale YouTube ScreenWeek TV. ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

LEGGI ANCHE

Annunciate tre nuove produzioni originali del Regno Unito destinate a Disney+ e Star 20 Aprile 2021 - 16:45

Attraverso un comunicato stampa, The Walt Disney Company EMEA ha annunciato la sua prima lista di produzioni originali scripted del Regno Unito per Disney+.

Rebel Ridge: AnnaSophia Robb ed Emory Cohen nel film Netflix di Jeremy Saulnier 20 Aprile 2021 - 16:45

Affiancheranno John Boyega, Don Johnson e James Badge Dale nel thriller ad alta velocità del regista di Hold the Dark

After: la saga si espande, in arrivo un prequel e un sequel 20 Aprile 2021 - 16:00

La saga After, ispirata alle pagine di Anna Todd, si è rivelata una grande successo. Un terzo capitolo è pronto per arrivare nelle sale nel corso del 2021 ma i progetti per il franchise sono decisamente ambiziosi.

Chi è Shang-Chi, il Bruce Lee del Marvel Universe 20 Aprile 2021 - 9:22

Storia di Shang-Chi, un eroe Marvel figlio di Bruce Lee, della TV... e della DC Comics. Eh?

Spider-Man: No Way Home, come fa a tornare il Dottor Octopus di Molina? (Non era morto?) 19 Aprile 2021 - 11:07

Laddove "morto", nei fumetti (e ora per estensione nei film) di super-eroi non vuol dire in effetti nulla di serio.

Il film di Gundam: la seconda (ma in realtà terza, e pure quarta) sortita live action del Mobile Suit Bianco 15 Aprile 2021 - 17:00

Storia breve di come un anime flop è diventato uno dei simboli pop più celebri del Giappone e un'industria pazzesca. E delle paure che un film hollywoodiano ora si porta dietro.