L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 

Roma: Dylan Dog, un incubo senza indagatore

Di Marco Triolo

Dead of Night Brandon Routh Anita Briem 2

La voce narrante di Brandon Routh apre la prima sequenza di Dylan Dog: Dead of Night, il film di Kevin Munroe tratto dal celeberrimo personaggio creato da Tiziano Sclavi per la Sergio Bonelli Editore. Io mi sistemo nello scomodo sedile e mi preparo ad assistere a qualcosa di tremendo. Qui è la parte in cui voi vi aspettereste il mio “ma”, e invece colpo di scena: non c’è nessun “ma”. Quello che ho visto per venti minuti a partire dalla mezzanotte di ieri è stato indubbiamente tremendo.

Partiamo con una nota di speranza: quello che la Moviemax ci ha mostrato sono stati i primi venti minuti del film, come già detto, e non una selezione di sequenze. Dunque, si tratta per lo più del preambolo. Le scene d’azione potrebbero costituire la redenzione del film, ma, visto l’andazzo, ne dubito. La regia di Kevin Munroe è il primo problema: è terribilmente televisiva, ma non il televisivo di Mad Men, il televisivo televisivo. Quello di Magnum P.I. Quello di Buffy. Nulla da togliere a queste serie, ma il cinema è un’altra cosa e qui è assente.

Dylan indaga su un misterioso omicidio avvenuto a New Orleans, città in cui vive e lavora come investigatore privato. I giorni gloriosi dell’Indagatore dell’Incubo sono finiti per motivi non esplicitati, anche se potrebbero avere qualcosa a che fare con la morte del suo partner, un modo furbesco per non introdurre Groucho accontentando allo stesso tempo i fan. Ma presto il nostro si trova risucchiato nuovamente in quel mondo: dopo aver rifiutato l’ingaggio di una ragazza che ha visto morire il padre per mano di un licantropo (in un prologo alla X-Files), Dylan trova il suo assistente Marcus (Sam Huntington, il Jimmy Olsen del Superman di Routh) ucciso. Questo lo porta a spolverare il vecchio completo per indagare. Nel frattempo, scopriamo che in un nightclub per vampiri che sembra uscito da Blade – gestito da Vargas (Taye Diggs) – gira una potente e pericolosa droga sintetica. Cosa avrà a che fare con la trama principale? Ah, dimenticavo: Vargas viene a scoprire che un certo oggetto, chiamato se non sbaglio “Il Cuore”, è appena giunto dal vecchio continente. Sentite anche voi odore di MacGuffin?

Al di là dell’infedeltà più ovvia al fumetto (l’ambientazione americana), le scene che abbiamo visto tradiscono il personaggio di Tiziano Sclavi a un livello più profondo, snaturandone la personalità. Qui troviamo un ragazzone muscoloso e privo di charme, che per giunta crede nel sovrannaturale quando il Dylan originale è sempre stato scettico. All’inizio spiega che “i mostri che credevamo appartenere ai film sono in realtà veri” e camminano tra noi ogni giorno. Le strizzatine d’occhio ai fan non mancano, ma sono dei meri contentini: dall’indirizzo di Dylan (“Rue Craven”, perché siamo a New Orleans), al maggiolone, alla pistola. Nello studio troviamo il famoso galeone e vediamo Dylan suonare il clarinetto. C’è persino una sorta di cameo di Groucho (capirete di cosa parlo quando, e se, vedrete il film). Tutto molto simpatico, ma niente più che uno specchietto per le allodole.

Sparito è il tono onirico e surreale delle storie originali, sparito è lo humor tipicamente inglese, sparito è ovviamente Groucho e non c’è nemmeno un assistente degno di lui. E se ve lo stavate chiedendo: sì, Marcus è quello che torna più avanti come zombie, ma no, nell’anteprima non si è vista la trasformazione. Il film andrà benone in Italia, questo è certo. Io personalmente cercherò una copia di Dellamorte Dellamore in VHS e me lo riguarderò illudendomi che sia il “vero” film di DYD. Per lo meno, lì c’è Rupert Everett.

SEGUICI SU TWITCH!

ASCOLTA I NOSTRI PODCAST!

Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perdervi tutte le news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale YouTube ScreenWeek TV. ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

LEGGI ANCHE

What If…? – Le versioni alternative di Gamora, Ultron e altri personaggi nei concept art 17 Aprile 2021 - 14:00

Gamora con l'armatura di Thanos, Ultron con le Gemme dell'Infinito, il Collezionista, Loki e la Hulkbuster nei concept art di What If...?.

The Falcon and the Winter Soldier: Le citazioni e i riferimenti nel quinto episodio 17 Aprile 2021 - 13:00

Camei inaspettati e molteplici (possibili) genesi di nuovi supereroi: ecco tutte le easter egg del quinto episodio di The Falcon and the Winter Soldier!

Spider-Man: No Way Home – Alfred Molina conferma il ritorno del suo Doc Ock 17 Aprile 2021 - 12:00

Alfred Molina parla di Spider-Man: No Way Home e del suo ritorno nel ruolo del Dottor Octopus, confermando un rumor che circola da tempo.

Il film di Gundam: la seconda (ma in realtà terza, e pure quarta) sortita live action del Mobile Suit Bianco 15 Aprile 2021 - 17:00

Storia breve di come un anime flop è diventato uno dei simboli pop più celebri del Giappone e un'industria pazzesca. E delle paure che un film hollywoodiano ora si porta dietro.

MCU: chi sono e da dove vengono Ayo e le altre Dora Milaje di Wakanda 14 Aprile 2021 - 9:27

Le origini nei fumetti Marvel (e la storia VERA) delle Dora Milaje di Black Panther, riapparse ora in The Falcon and the Winter Soldier.

LOL – Chi ride è fuori, i comici italiani e la TV giapponese 9 Aprile 2021 - 14:37

Si è concluso ieri su Amazon Prime Video LOL, chi ride è fuori, game show a puntate che ha suscitato polemiche e discussioni su cosa fa ridere e cosa no.