L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 

Porco Rosso: il capolavoro di Miyazaki in uscita il 12 novembre

Di Marco Triolo

Porco Rosso foto dal film 12

Porco Rosso uscirà venerdì nelle sale italiane. Un’affermazione che a molti sembrerà poco interessante, ma che per chi, come me, ha sofferto per anni l’assenza di edizioni italiane dei capolavori classici di Hayao Miyazaki sarà accolta con urla di gioia e bottiglie di champagne stappate. Era il 1992 quando il Maestro realizzò uno dei suoi capolavori assoluti, un film con cui non solo sfogò tutta la sua passione per l’aviazione, ma con il quale omaggiò anche l’Italia. E in particolare Marco e Gi Pagot, co-autori insieme a Miyazaki della serie TV Il fiuto di Sherlock Holmes. Ve la ricordate? Sì, quella coi cani.

Di Porco Rosso abbiamo già detto molto (qui la recensione da Roma e qui le news dal blog), ma vale la pena di soffermarsi un secondo sulla gestazione del film. Nata come cortometraggio, prodotto dalle Japan Airlines per la proiezione durante i voli, l’opera sfuggì presto di mano al suo stesso autore, che iniziò a infarcirla di tutta una serie di passioni personali, trasformandola ben presto in un lungometraggio. L’ambientazione italiana – più precisamente, quanto sembra, a Fiume a metà anni Venti – è una delle poche ricostruzioni accurate fatte in un film dell’autore, generalmente noto per i suoi mondi fantastici o paralleli. Unita alle solite animazioni fluide, ai colori sgargianti, ai disegni sopraffini, c’è anche un’amara riflessione su un’epoca andata e sulla disillusione, che domina il carattere del protagonista. Almeno fino a che la giovane esperta di aeroplani Fio Piccolo non irrompe nella sua vita portandolo a una salvezza che non è mai certa. Su Marco grava infatti una maledizione che lo ha trasformato in un maiale antropomorfo, forse a causa del suo allontanamento dall’aviazione e dell’isolamento dal suo Paese, virato verso la dittatura.

Lucky Red ha superato le più rosee aspettative, realizzando un adattamento e un doppiaggio di grande qualità, nel rispetto completo dei dialoghi originali. Porco Rosso è uno di quei rari film che potrete vedere con tutta la famiglia: ogni fascia d’età coglierà aspetti diversi del film, tutti ugualmente soddisfacenti. Noi vi regaliamo intanto una clip del film, sicuri che il 12 novembre non ve lo lascerete sfuggire.


SEGUICI SU TWITCH!

ASCOLTA I NOSTRI PODCAST!

Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perdervi tutte le news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale YouTube ScreenWeek TV. ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

LEGGI ANCHE

The Witcher, You e Cobra Kai torneranno su Netflix a fine 2021 21 Aprile 2021 - 10:30

Le nuove stagioni delle tre serie arriveranno nel quarto trimestre dell'anno, insieme ai film Red Notice ed Escape from Spiderhead

Crudelia – Nuove immagini per il live action Disney con Emma Stone 21 Aprile 2021 - 9:45

Emma Stone sfoggia i costumi di Crudelia nelle nuove foto del live action Disney, che uscirà il prossimo 28 maggio su Disney+ con accesso premium.

Sonic 2 – Una prima occhiata a Knuckles grazie a una foto dal set 21 Aprile 2021 - 8:45

Le foto dal set di Sonic 2 ci permettono di dare una prima occhiata a Knuckles, molto fedele al videogioco. Inoltre, il Dottor Robotnik prende il volo in un video!

Chi è Shang-Chi, il Bruce Lee del Marvel Universe 20 Aprile 2021 - 9:22

Storia di Shang-Chi, un eroe Marvel figlio di Bruce Lee, della TV... e della DC Comics. Eh?

Spider-Man: No Way Home, come fa a tornare il Dottor Octopus di Molina? (Non era morto?) 19 Aprile 2021 - 11:07

Laddove "morto", nei fumetti (e ora per estensione nei film) di super-eroi non vuol dire in effetti nulla di serio.

Il film di Gundam: la seconda (ma in realtà terza, e pure quarta) sortita live action del Mobile Suit Bianco 15 Aprile 2021 - 17:00

Storia breve di come un anime flop è diventato uno dei simboli pop più celebri del Giappone e un'industria pazzesca. E delle paure che un film hollywoodiano ora si porta dietro.