L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 

La saga di Harry Potter al Boxoffice: parte terza

Di Leotruman

Eccoci alla terza ed ultima parte del nostro viaggio che ci accompagnato in questi giorni, cullando la nostra attesa verso la fatidica data di oggi, venerdì 19 novembre, giorno di uscita di una dei film più attesi dell’anno.

Da oggi infatti sarà nelle sale di tutto il mondo Harry Potter e i Doni della Morte: parte prima di David Yates, primo atto di due che compongono l’epilogo dell’intera saga del maghetto che ci accompagnato in questa prima decade del nuovo millennio.

Il film uscirà in 931 sale italiane e in 4125 cinema americani pronto per incassare folli cifre!

Nel primo post abbiamo proprio esaminato gli incassi USA di tutti gli episodi della saga condendoli con tante curiosità sulle produzioni delle pellicole, mentre nel secondo abbiamo parlato proprio degli incassi raccolti nel nostro paese.

Oggi confronteremo tra di loro gli incassi globali, tutti estremamente elevati, e daremo un’occhiata anche al giudizio di critica e pubblico sul web.

Harry Potter e la pietra filosofale Poster Usa

Harry Potter e la Pietra Filosofale è attualmente il capitolo della saga che ha incassato di più (anche se dovessimo considerare l’inflazione).

A fine 2001 sbancò i botteghini di tutto il mondo e incassò ben 974.733.550 dollari, di cui 657.2 milioni raccolti fuori dagli USA. Ai tempi era valido per il secondo posto nella classifica dei più alti incassi di sempre, dietro a Titanic unica pellicola che aveva sfondato il miliardo di dollari (ora è all’ottavo posto).

Impressionanti furono i 152 milioni raccolti in Giappone, gli oltre 91 raccolti nel Regno Unito (ma altri episodi faranno anche meglio), i 67 milioni della Germania e i 48 della Francia.

Fu solo il primo grande incasso di una lunghissima serie che continua tuttora.

Si pensava che con il secondo capitolo gli incassi sarebbero calati drasticamente, ma così non avvenne e la perdita fu decisamente ridotto nonostante il boom del primo episodio.

Harry Potter e la Camera dei Segreti, uscito ad un anno esatto di distanza, sbancò i botteghini mondiali con ben 878.643.482 dollari, di cui 616.6 all’estero (il sesto in assoluto ai tempi).

Si erano persi solo poco meno di 100 milioni di incassi, un dato assolutamente accettabile per una saga che si sapeva già sarebbe durata molto a lungo (a differenza de Il Signore degli Anelli, diviso e uscito solamente in 3 capitoli).

Ricordo che il budget di produzione fu tuttavia inferiore rispetto a HP1 (100 milioni contro 125 milioni).

Ancora altissimo l’incasso giapponese con oltre 142 milioni di dollari, sempre seguito dal Regno Unito con 88 milioni. Anche in Germania l’incasso diminuì leggermente (59 milioni) mentre in Francia crebbe a 53 milioni, uno tra i pochi paesi al mondo.

Nel 2004 arrivò Harry Potter e il Prigioniero di Azkaban per la regia di Alfonso Cuaròn,  che nonostante sia uno degli episodi più amati e anche quello che ha raccolto meno…

Ovviamente con “meno” intendiamo 795.634.069 dollari, e fa impressione il fatto che questo elevatissimo dato sia il minore dell’intera saga! Nel resto del mondo per la prima e unica volta l’incasso scese sotto i 600 milioni (546 per la precisione) e ricordo che il budget era di 130 milioni.

121 milioni di dollari in Giappone questa volta, ancora leader, seguito dagli 84 milioni del Regno Unito. Simile tra loro l’incasso di Francia e Germania con rispettivamente 46.9 e 48.6 milioni raccolti.

Attualmente la pellicola è 28esima nella classifica del migliori incassi mondiali di sempre.

Harry Potter e il calice di fuoco Poster Germania 5

Come abbiamo già esaminato nei post precedenti la Warner Bros, dopo due cali consecutivi negli incassi, sapeva che ilò quarto episodio della serie avrebbe segnato (almeno parzialmente) il destino nella saga.

Ci investì ben 150 milioni e Harry Potter e il Calice di Fuoco li ricompensò con ben 895.921.036 di dollari, un risultato in netto aumento rispetto al terzo episodio. Furono 605.9 i milioni incassati al di fuori degli USA.

Nonostante l’aumento in generale, l’incasso in Giappone scese per la prima volta sotto i 100 milioni (91 milioni), e il Regno Unito con 85.8 milioni si preparava a strappargli il trono di paese leader. Sempre bene Germania e Francia con 63.4 e 50.7 milioni di dollari. L’incasso in Spagna superò per la prima volta i 20 milioni (24 per l’esattezza) ed in Australia fece il record della serie con 26.7 milioni.

Il fenomeno Harry Potter, dato spacciato per alcuni, aveva dimostrato di essere vivissimo e di avere ancora tanta strada da fare!

Altro anno e mezzo di pausa e il fenomeno tornò nelle sale con Harry Potter e l’Ordine della Fenice.

Nel 2007 la prima delle quattro pellicole firmate da David Yates ritornò sopra quota 900 milioni come aveva saputo fare solo il primo film.

HP5 raccolse globalmente 938.212.738 dollari, di cui 646 milioni al di fuori del mercato americano. La cifra è ovviamente a dir poco incredibile per un quinto episodio di una saga, che al posto di diminuire vedeva i suoi incassi aumentare!

Il Regno Unito prese il posto di paese leader negli incassi esteri e riuscì a superare addirittura la folle quota di 100 milioni (101.3 per l’esattezza), mentre il Giappone perdeva ancora qualche colpo con “solo” 80 milioni. In Germania gli incassi aumentarono fino a quota 65 milioni mentre in Francia furono bene o male stabili (51 milioni). Gradualmente crescente il dato spagnolo con quasi 25 milioni raccolti, mentre in una Cina emergente riuscì ad incassare 19.4 milioni.

Harry Potter e il Principe Mezzosangue Character Poster 01 Daniel Radcliffe Harry Potter Tom Felton Draco Malfoy

Dopo 2 anni di attesa arrivò nelle sale Harry Potter e il Principe Mezzosangue, adattamento del sesto e penultimo libro della saga creata da J.K.Rowling.

Gli incassi aumentarono negli USA e diminuirono leggermente all’estero, ma il totale fu ancora elevatissimo: ben
933.959.197 dollari, di cui 632 raccolti al di fuori degli USA.

Da notare di come il budget dichiarato sia levitato dai 150 milioni del quinto episodio ai 250 milioni dichiarati per questo capitolo!

L’incassò diminuì nettamente nel Regno Unito con 84 milioni (ma bisognerebbe tener conto del cambio dollaro-sterlina), mentre in Giappone ed in Francia tornarono ad aumentare con rispettivamente 83 e 54 milioni incassati. Stabile la Germania con 64 milioni mentre in Australia riusciva a superare la soglia dei 30 milioni per la prima volta (34.9).

A questo punto, alle soglie dei due capitoli conclusivi, possiamo tirare le somme su quanto abbia incassato l’intera saga nel mondo.

Tenetevi forte, ma il dato totale che comprende le sei pellicole fino ad ora uscite è di ben 5.416 miliardi di dollari!

La media per film è praticamente folle: 902 milioni di dollari a pellicola!

Siamo di fronte senza dubbio ad una delle saghe più redditizie della storia del cinema!

A questo punto esaminiamo come la critica ha accolto i vari film del maghetto: li ha accolti con “la puzza sotto il naso” in quanto prodotto seriale per ragazzi? Per nulla!

La critica ha sempre valutato con grande attenzione ogni film della saga e i voti sono sempre stati molto elevati, tanto che nessun film ha mai preso un voto insufficiente!

Cogliamo l’occasione per riassumere in questo prospetto, che trovate sotto i voti della critica per ogni episodio della serie (utilizzando il dato percentuale di RottenTomatoes, il più importante aggregatore mondiale on-line di recensioni cinematografiche) unendo anche il voto degli utenti di internet, espresso in decimi sul noto database Imdb.com, il più importante della rete.

Senza dubbio il film più amato da critica e pubblico della saga è il terzo episodio, quello diretto da Cuaròn, ma tallonato a breve distanza dal film di Mike Newell.

Stranamente i film di David Yates sono più apprezzati dei primi due episodi di Chris Columbus, a differenza di quanto si potesse pensare.

Stupisce tuttavia di come il voto più basso sia il 78% ottenuto sia dal primo che dal sesto episodio, segno dell’altissima qualità dell’intera saga. Sarà stata anche un’ottima gallina dalle uova d’oro per la Warner, ma il prodotto è sempre stato trattato con il massimo rispetto, e mai come “carne da macello”.

Un ruolo in tutto questo potrebbe averlo avuto anche la Rowling, che ha sempre seguito con molta attenzione la produzione di tutte le pellicole della serie.

A questo punto il nostro viaggio termina qui, a poche ore dall’apertura delle sale cinematografiche italiane con tantissimi fan pronti a riversarsi nei cinema.

Non mi resta che augurarvi un buon Harry Potter Day a tutti, raccomandandovi di seguirci attentamente in questi giorni per gli aggiornamenti in diretta sugli incassi americani e italiani, e ricordandovi che avete ancora qualche ora di tempo per giocare ai round speciali della BoxofficeCup che abbiamo creato per l’occasione (ecco sotto i link per giocare).

  • BOXOFFICE ITALIA

– LINK per il Round Speciale dell’incasso di venerdì 19 novembre.

– LINK per il Round del weekend del 19-21 novembre

  • BOXOFFICE USA

– LINK per il Round Speciale dell’incasso di venerdì 19 novembre

– LINK per il Round del weekend 19-21 novembre

Fonte dei dati: boxofficemojo, imdb, rottentomatoes

Da No Time to Die a Ghostbusters, ecco le nuove date dei film 2021 (in costante aggiornamento)

Cinema chiusi fino al 30 aprile, QUI gli ultimi aggiornamenti.


Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perdervi tutte le news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale YouTube ScreenWeek TV. ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

LEGGI ANCHE

Bridgerton: perché Regé-Jean Page non tornerà nella Stagione 2? 11 Aprile 2021 - 10:00

Ecco perché Regé-Jean Page, volto di Simon Basset, non tornerà nella seconda stagione di Bridgerton.

The Walking Dead: AMC sta considerando uno spin-off su Negan 11 Aprile 2021 - 9:00

La rete ha lanciato un sondaggio tra gli spettatori per capire se ci sia interesse in una serie prequel

GLAAD Media Award: ecco la reunion di Glee in onore di Naya Rivera 10 Aprile 2021 - 20:00

La trentaduesima edizione dei GLAAD Media Award ha ospitato una reunion di Glee. Un omaggio nei confronti di Naya Rivera, tragicamente scomparsa lo scorso luglio.

LOL – Chi ride è fuori, i comici italiani e la TV giapponese 9 Aprile 2021 - 14:37

Si è concluso ieri su Amazon Prime Video LOL, chi ride è fuori, game show a puntate che ha suscitato polemiche e discussioni su cosa fa ridere e cosa no.

Jupiter’s Legacy: chi sono i nuovi super-eroi di Netflix (e perché siete già fan del Millarworld, anche se non lo sapete) 8 Aprile 2021 - 11:29

Le origini di Jupiter's Legacy, i nuovi super-eroi in arrivo su Netflix, e l'importanza per il mondo del fumetto di quel signore chiamato Mark Millar.

Black Widow: chi è Taskmaster? 6 Aprile 2021 - 16:02

La storia di Taskmaster, il villain dalla memoria fotografica che ha sbagliato mestiere.