L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 

La saga di Harry Potter al Boxoffice: parte seconda

Di Leotruman

L’attesa è quasi finita e solo poche ore ci separano dalla visione di Harry Potter e i Doni della Morte: parte prima, il primo dei due capitoli che compongono l’epilogo della saga.

In tutto il mondo milioni di fan hanno già prenotato o comprato i loro biglietti da tempo e sembra proprio che il film di David Yates abbia tutte le carte in regola per frantumare qualche record.

Per ingannare l’attesa dei primi risultati ieri abbiamo iniziato un cammino che ci porta a ripercorrere tutti i grandi successi della serie di Harry Potter, visto che sono stati grandi campioni di incasso in tutto il mondo.

Con il primo post abbiamo esaminato gli incassi americani delle sei pellicole già uscite aggiungendo qualche aneddoto legato alla loro produzione, a volte un po’ travagliata.

Con quello di oggi esaminiamo come in questi ultimi 9 anni l’Italia ha accolto la saga di Harry Potter, che anche nel nostro paese si è rivelata una delle più redditizie di sempre.

Harry Potter e la pietra filosofale Poster Usa 2

Il primo film Harry Potter e la Pietra filosofale arrivò nelle sale italiane il 6 dicembre 2001, un paio di settimane dopo l’uscita americana.

Nel nostro paese erano usciti solo 3 libri della serie (il quarto era disponibile solo in inglese) e pur non essendo un fenomeno di nicchia, possiamo affermare che Harry Potter era sconosciuto alla maggior parte degli italiani.

Il dato del weekend d’esordio non è disponibile (e dovrebbe essere in lire visto che mancavano ancora 3 settimane all’utilizzo della moneta unica) ma il dato totale lo abbiamo ben impresso visto che fu il maggiore incasso dell’anno con ben 25.269.000 euro!

Le festività natalizie furono totalmente dominate dalla pellicola di Chris Columbus, che superò Ocean’s Eleven (17.8 milioni) e Merry Christmas (che con 15.1 milioni fu il cinepanettone che segnò la ripresa del genere dopo un forte calo negli anni precedenti).

Più che l’incasso totale ad impressionare è il numero di biglietti venduti: 5.825.957 spettatori paganti! I biglietti pre-euro erano decisamente meno costosi di oggi e le multisala erano pochissime. Pensate che un tale numero di biglietti staccati oggi ad una cifra superiore ai 40 milioni di euro!

Ovviamente la Harry Potter Mania era scoppiata anche nel nostro paese e tutti si riversarono nelle librerie per recuperare i bellissimi romanzi di J.K.Rowling adatti ad ogni età.

Un anno più tardi arrivò nelle sale Harry Potter e la Camera dei segreti, che uscì esattamente un anno dopo il primo fortunato capitolo il 6 dicembre 2002.

La concorrenza durante il periodo natalizio fu più tosta e molti spettatori non tornarono nelle sale per il secondo episodio. In ogni caso il film fu un grande successo con 20.920.000 euro di incasso totale, battuto solo da Pinocchio (26 milioni), Natale sul Nilo (28.3 milioni) e La Leggenda di Al, John e Jack (22.2 milioni).

Nonostante incassò “solo” 4 milioni di euro circa in meno rispetto ad HP1, gli spettatori furono 1 milione e mezzo in meno per un totale di 4.367.983 biglietti venduti. Ciò a causa degli aumenti dei biglietti dovuti al passaggio all’euro al numero di multiplex in crescente aumento all’epoca.

Ricordo che se dovessimo convertire l’incasso con l’inflazione attuale avremmo una cifra abbondantemente al di sopra dei 30 milioni di euro!

Harry Potter e il prigioniero di Azkaban Poster Germania 2

Il terzo capitolo delle serie aveva un’uscita programmata negli USA per l’inizio di giugno, per questo iniziò a circolare la voce che il film arrivasse, come consuetudine nel nostro paese, ad estate terminata nel mese di settembre.

Non so che peso ebbero le rivolte su internet dei fan, tuttavia la Warner Bros si decise a programmare in day-and-date l’uscita di Harry Potter e il Prigioniero di Azkaban.

Il film uscì il 4 giugno del 2004 in molte sale e incassò nel weekend d’esordio oltre 5 milioni di euro, conferma che i fan del maghetto erano pronti in ogni stagione.

Dominò quasi interamente i mesi di giugno e luglio e concluse la sua corsa a 15.847.000 euro, che nonostante sia un ottimo risultato è attualmente è il più basso dell’intera saga.

La colpa non fu dell’estate visto che in tutto il mondo, USA compresi, il film di Alfonso Cuaròn è effettivamente quello che ha raccolto meno (relativamente parlando) di tutti gli altri. Evitiamo però di parlare di flop: ricordo infatti che il totale globale fu di quasi 800 milioni di dollari!

Nel 2005 si ritornò alla classica finestra tardo autunnale ed Harry Potter e il Calice di Fuoco uscì il 25 novembre.

Nonostante il rischio di un ulteriore calo, gli incassi si elevarono e superarono abbondantemente quelli del terzo capitolo.

Nel weekend d’esordio raccolse ben 7.233.000 euro in 697 sale (con una folle media di oltre 10.300 euro!) e il film continuò ad incassare anche nel periodo natalizio fino a tornare a superare la soglia dei 20 milioni di incasso. Il totale infatti si fermò a quota 20.135.000 euro.

Per poco non recuperò la corona di maggior incasso della stagione visto che finì al terzo posto vicinissimo a Natale a Miami (secondo con 21 milioni) e Madagascar (21.2 milioni di euro).

L’uscita a novembre è stata più fortunata e redditizia rispetto a quella estiva, e ne abbiamo avuto la conferma con i successivi due capitoli che esordirono entrambi in piena estate.

Da notare che il quarto capitolo fu l’ultimo ad uscire di venerdì, come Harry Potter 7 appunto, e rimane quindi il nostro unico termine di paragone.

Harry Potter e lOrdine della Fenice Poster USA09

Infatti Harry Potter e l’Ordine della Fenice, il primo film dell’era Yates, uscì nelle sale mercoledì 11 luglio 2007 in 800 sale italiane.

La scommessa era grossa e rischiosa visto che mai un kolossal hollywoodiano di tale importanza aveva esordito ad estate così inoltrata, ma il rischio venne ampiamente ripagato.

In Italia incassò l’altissima cifra di 2.3 milioni di euro nella sola giornata d’esordio, a cui si sommarono i 4.414.000 euro del weekend con una media di 5500 euro per sala.

In soli 5 giorni nelle sale aveva raccolto ben 7.916.631 euro!

Il film rimase in testa per molte settimane fino a raggiungere l’ottimo risultato di 18.629.000 euro, indubbiamente record assoluto per un film uscito a luglio in Italia. In tutto il mondo gli incassi furono ancora più elevati, ma sinceramente fummo contenti per il risultato per nulla scontato.

Il sesto capitolo arrivò esattamente a due anni di distanza, intervallo massimo di tempo mai avuto tra due film della serie.

Harry Potter e Il Principe Mezzosangue esordì infatti nel nostro paese e in tutto il mondo mercoledì 15 luglio 2009, per la regia sempre di David Yates.

Scongiurato il pericolo flop a causa del caldo visti gli eccellenti risultati del precedente capitolo, la Warner Bros fece uscire la pellicola con maggiore tranquillità in ben 890 copie.

L’incasso del primo giorno fu stupefacente, ben 2.9 milioni di euro! L’incasso nel weekend fu altrettanto elevato con ben 4.821.000 euro e una media per sala di oltre 5400 euro. Nei primi 5 giorni nelle sale la pellicola quindi incassò ben 9.263.872 euro, un risultato ai limiti del record.

Nonostante una partenza superiore a quella di HP5, il film rallentò la sua corsa e chiuse intorno ad una cifra simile: 18.346.000 euro, solo 300mila euro in meno.

Harry Potter e i Doni della Morte Horizontal Banner 01

Con Harry Potter e i Doni della Morte: parte prima si torna alla fortunata uscita di novembre, quella che ha garantito i maggiori incassi.

E’ stato reso noto che la pellicola uscirà in ben 931 sale e tornando all’uscita di venerdì’ con un weekend classico di 3 giorni a disposizione il film non solo ha tutta intenzione di superare il record di Harry Potter e il Calice di Fuoco, ma vorrà avvicinarsi il più possibile alla soglia dei 10 milioni.

Ci riuscirà secondo voi? Incasserà più o meno degli altri?

Proprio per questo abbiamo preparato per voi 4 round della nostra Boxoffice Cup, il gioco di Screenweek che permette ai nostri utenti di fare le loro previsione d’incasso sia per la classifica italiana che per quella americana.

  • BOXOFFICE ITALIA

– LINK per il Round Speciale dell’incasso di venerdì 19 novembre.

– LINK per il Round del weekend del 19-21 novembre

  • BOXOFFICE USA

– LINK per il Round Speciale dell’incasso di venerdì 19 novembre

– LINK per il Round del weekend 19-21 novembre


Vi do appuntamento a domani per l’ultima parte del nostro viaggio (parleremo degli incassi internazionali di Harry Potter e del gradimento di critica e pubblico) e vi consiglio vivamente di seguirci per tutto il weekend per gli aggiornamenti in diretta sugli incassi italiani e americani!

Fonte dei dati: cinetel, mymovies

Da No Time to Die a Ghostbusters, ecco le nuove date dei film 2021 (in costante aggiornamento)

Cinema chiusi fino al 30 aprile, QUI gli ultimi aggiornamenti.


Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perdervi tutte le news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale YouTube ScreenWeek TV. ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

LEGGI ANCHE

Just Beyond: Mckenna Grace e Lexi Underwood nella serie Disney+ tratta da R.L. Stine 13 Aprile 2021 - 20:45

La serie antologica è stata creata da Seth Grahame-Smith a partire dai fumetti dell'autore di Piccoli brividi

The Falcon and The Winter Soldier: Chi è la speciale Guest Star che vedremo nel prossimo episodio? 13 Aprile 2021 - 20:05

Una Guest Star d'eccezione è attesa nel nuovo episodio di The Falcon and the Winter Soldier: di chi potrebbe trattarsi?

I giorni dell’abbandono: Natalie Portman nel film dal romanzo di Elena Ferrante 13 Aprile 2021 - 19:30

Il film sarà diretto da Maggie Betts per HBO Films. Tra i produttori anche Fandango

LOL – Chi ride è fuori, i comici italiani e la TV giapponese 9 Aprile 2021 - 14:37

Si è concluso ieri su Amazon Prime Video LOL, chi ride è fuori, game show a puntate che ha suscitato polemiche e discussioni su cosa fa ridere e cosa no.

Jupiter’s Legacy: chi sono i nuovi super-eroi di Netflix (e perché siete già fan del Millarworld, anche se non lo sapete) 8 Aprile 2021 - 11:29

Le origini di Jupiter's Legacy, i nuovi super-eroi in arrivo su Netflix, e l'importanza per il mondo del fumetto di quel signore chiamato Mark Millar.

Black Widow: chi è Taskmaster? 6 Aprile 2021 - 16:02

La storia di Taskmaster, il villain dalla memoria fotografica che ha sbagliato mestiere.