L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 

IRISH FILM FESTA: Il cinema irlandese a Roma dal 24 al 28 novembre

Di Filippo Magnifico

Dal 24 al 28 novembre torna a Roma l’Irish Film Festa, l’appuntamento dedicato alla cinematografia irlandese, giunto quest’anno alla IV edizione. In programma, come sempre, una panoramica di opere recenti che danno conto della varietà di temi, generi e suggestioni del cinema irlandese contemporaneo. Titoli inediti, che saranno accompagnati a Roma da attori, produttori e registi ancora in larga parte sconosciuti al pubblico italiano, ma spesso già noti alle platee dei festival internazionali.

Un esempio su tutti è il film d’apertura, già applaudito a Locarno (dove ha vinto, tra gli altri premi, il Pardo come migliore opera prima e quello per la migliore interprete femminile): Nothing Personal di Urszula Antoniak racconta l’incontro tra due solitudini, quella di Anne, ragazza olandese arrivata in Irlanda per condurre una vita nomade ed eremitica, e quella di Martin (Stephen Rea, protagonista sabato 27 di un vero e proprio “focus”), che vive isolato e lontano da tutti e le propone di lavorare per lui in cambio di vitto e alloggio. Molto premiati anche gli altri esordi selezionati, tra cui The Escapist di Rupert Wyatt, coinvolgente esempio di film carcerario interpretato da Brian Cox, Joseph Fiennes, Dominic Cooper e Liam Cunningham.

Per la prima volta l’Irish Film Festa propone anche un cartoon, ispirato nei raffinati disegni (in 2D) ai codici miniati dell’Alto Medioevo: The Secret of Kells, ambientato in un’abbazia minacciata da un’invasione vichinga, ha ottenuto recensioni entusiastiche dalla stampa d’Oltreoceano e ottenuto una nomination all’ultima notte degli Oscar nella cinquina del miglior film d’animazione.

Non ha bisogno di presentazioni Oliver Hirschbiegel, autore di Five Minutes of Heaven, storia – ispirata a fatti realmente accaduti – di un ex-militante dell’Ulster Volunteer Force e del fratello di un ragazzo da lui ucciso.

Accanto alle proiezioni, Irish Film Festa promuove, il 24 novembre, Going Irish, un convegno che ha l’obiettivo di esplorare possibilità, tempi, modi e strategie per un accordo bilaterale di coproduzione tra Italia e Irlanda: una prospettiva resa attuale dal set irlandese del nuovo film di Paolo Sorrentino, This Must Be the Place. All’incontro parteciperanno produttori e addetti ai lavori di entrambi i Paesi.

Trovate il programma completo della manifestazione qui: www.irishfilmfesta.org.


SEGUICI SU TWITCH!

ASCOLTA I NOSTRI PODCAST!

Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perdervi tutte le news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale YouTube ScreenWeek TV. ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

LEGGI ANCHE

Il produttore Scott Rudin lascia tutti i suoi progetti dopo le accuse di abusi ai dipendenti 20 Aprile 2021 - 21:30

Il mega-produttore, premio Oscar per Non è un paese per vecchi, ha fatto un passo indietro dopo una serie di pesanti accuse

Ted Lasso: la seconda stagione dal 23 luglio su Apple TV+, ecco il trailer! 20 Aprile 2021 - 20:53

Apple TV+ ha diffuso il trailer della seconda stagione di Ted Lasso, la serie sportiva interpretata e creata da Jason Sudeikis.

Cannes 2021: confermati The French Dispatch e Benedetta di Paul Verhoeven 20 Aprile 2021 - 20:45

I nuovi film di Wes Anderson e Paul Verhoeven, già selezionati l'anno scorso, verranno presentati sulla Croisette

Chi è Shang-Chi, il Bruce Lee del Marvel Universe 20 Aprile 2021 - 9:22

Storia di Shang-Chi, un eroe Marvel figlio di Bruce Lee, della TV... e della DC Comics. Eh?

Spider-Man: No Way Home, come fa a tornare il Dottor Octopus di Molina? (Non era morto?) 19 Aprile 2021 - 11:07

Laddove "morto", nei fumetti (e ora per estensione nei film) di super-eroi non vuol dire in effetti nulla di serio.

Il film di Gundam: la seconda (ma in realtà terza, e pure quarta) sortita live action del Mobile Suit Bianco 15 Aprile 2021 - 17:00

Storia breve di come un anime flop è diventato uno dei simboli pop più celebri del Giappone e un'industria pazzesca. E delle paure che un film hollywoodiano ora si porta dietro.