Condividi su

16 novembre 2010 • 11:31 • Scritto da Gabriele Niola

Harry Potter e i Doni della Morte, la recensione in anteprima

Lento, confuso e molto più dilatato del solito, la prima parte dell'ultimo capitolo di Harry Potter è la quiete prima delle tempesta. Ma una quiete di 2 ore e 20.
Post Image
40

Harry Potter E I Doni Della Morte Poster Italia 01Regia: David Yates
Cast: Daniel Radcliffe, Rupert Michael Grint, Emma Watson, Helena Bonham Carter, Alan Rickman, Robbie Coltrane, Rhys Ifans, Bill Nighy, Bonnie Kathleen Wright, Peter Mullan, Ninette Finch, Warwick Ashley Davis, Ralph Fiennes, Tom Felton, Helen McCrory, Jason Isaacs, Maggie Smith, Michael Gambon, John Hurt, Miranda Richardson, Ciaràn Hinds, Jamie Campbell Bower, Clémence Poésy, David Thewlis, Brendan Gleeson, Evanna Lynch, Dave Legeno, Imelda Staunton, Timothy Spall, David O’Hara, Toby Regbo, Julie Walters, Rade Serbedzija
Durata: 146 minuti
Anno: 2010

Uno dei luoghi comuni più retorici dei discorsi potteriani che ci portiamo dietro da quasi dieci anni (assieme a “sono troppo grandi per fare i maghetti“, “è un capitolo più dark“, “i bambini crescono con lui“) è “ci sono tante cose rimaste escluse, ma del resto per raccontare tutto il libro sarebbero serviti almeno due film“, stavolta però i film sono davvero due tratti da un libro solo e l’impressione è che un film unico sarebbe forse stata una scelta migliore.

Fin dal logo iniziale della Warner, che lentissimo procede verso lo schermo, il film annuncia la sua caratteristica principale: la dilatazione dei tempi. Questo settimo Harry Potter conquista la palma del più estenuante, al ritmo indiavolato imposto ai precedenti capitoli per comprimere i libri qui si sostituiscono tempi infiniti, silenzi espressivi e continue reiterazioni delle medesime situazioni. Antonioni for kids.
Harry Potter è ormai ufficialmente braccato da mangiatori di morte che ora lavorano per il ministero della magia, gestito ufficialmente da un servo di Voldemort. Dunque è fuga e, come ci avevano promesso, “on the road”. Ma in realtà sono solo una quantità impressionante di set diversi in cui i personaggi guardano nel vuoto per comunicare tensione, paura e incertezza. Litigano ma si riappacificano senza troppe difficoltà e quelle poche sequenze d’azione presenti sono tra le peggio dirette e montate di tutta la saga (non si capisce nulla).
Eccezione che conferma la valutazione la straordinaria sequenza in animazione 3D della favola dei doni della morte. I soli tre minuti di cinema di tutto il film.

Fermo restando che i fan della saga, cioè i fan che vengono dai libri, desiderano unicamente confrontare le proprie fantasie con quelle della Warner e ritrovare il piacere delle storie lette con in più il beneficio di immagini, poco importa di quale qualità, non ci si può non interrogare su quanto questo successo mondiale assicurato abbia quelle caratteristiche solitamente imputate al cinema “noioso”.
Lento, dilatato, dotato di un’azione mal diretta e poco importante, ripiegato fino allo spasmo sull’intimismo dei personaggi, quest’ultimo Harry Potter farà uno sfacelo di soldi grazie a quella medesima fascia di pubblico che poi dice, e continuerà a dire, che i film di Takeshi Kitano sono noiosi.

E’ stata una buona idea dividere il film in due? Il denare ha trionfato ancora sul proposito di fare un buon film o era una scelta indispensabile? Qui le altre recensioni

Condividi su

40 commenti a “Harry Potter e i Doni della Morte, la recensione in anteprima

  1. Vorrei difendere a spada tratta il film prima ancora di averlo visto come da istinto, ma conto fino a 10 🙂

    Gabriele non so se hai letto il libro, ma dire che è incasinato è poco. Ci sono tutta una serie di vicende che sulla carta reggono benissimo, ma sul grande schermo la vedo dura…
    Però noi fan del libro non desideriamo altro che per una volta la trasposizione sia il più fedele possibile, a costo di perderne in ritmo, ecc…

    Sto rileggendo il settimo libro proprio in questi giorni. E’ un libro di 697 pagine, ma la divisione tra primo e secondo film avviene solo a pagina 462!!
    La divisione non è equa, e purtroppo non si poteva fare prima… Quindi in questo film ci sono ben 2/3 dell’intero libro. I 2/3 più difficili, complicati…

    Se mi hanno trasposto fedelmente questa prima parte del libro allora spero proprio di “annoiarmi”, ma sono sicuro che uscirò contento dalla sala…

    L’idea cmq di dividere il film in due sarà anche puramente commerciale, ma è uno dei regali più belli che la Warner ci potesse fare. Forse un unico film da oltre 3 ore (2 prima parte + 1 ora di battaglia finale) si poteva fare, ma sono veramente contento così… 🙂

  2. Comprendo quello che dici, tuttavia non posso che rimarcare come io faccia da avvocato difensore di tutta quell’altra fetta del pubblico (la maggioranza) che non ha letto i libri e non gli interessa dunque l’adesione.
    Sono sicuro che ai fan tutto questo andrà bene. Ma non so quanto questa scelta (prediligere l’approccio fan a quello generalista) possa pagare.

  3. Io mi sento nel mezzo… l’aver letto i libri non vuol dire che non voglia un film che sappia essere film davvero, prendendosi libertà e spazi propri del cinema. Di sicuro non mi fa paura il dilatarsi del tempo, nel senso che non mi spaventano i film lunghi, a patto che abbiano un contenuto. Trovo la recensione di Gabriele divertente e percepisco il rischio di cui parla come concreto anche per me. Comunque dall’aria che si respira in giro in queste ore il film è davvero il secondo grande evento dell’anno dopo Harry Potter.

  4. @bradd la virtù sta nel mezzo 🙂

    @niola ma certo che si respira l’aria dell’evento! 🙂 è da settimane e in questi giorni è palpabile… perché l’hai visto in anteprima ma se tu ti recassi in qualche sala venerdì sera capiresti di cosa sto parlando.
    Tra l’altro questo libro ha venduto oltre 70 milioni di copie, più di 2 in Italia. La maggioranza di cui parli è piuttosto risicata…
    Hai ragione cmq, prediligere l’approccio fan a quello generalista non è sempre la scelta più giusta. Però che su possa pagare non ci sono dubbi…. soprattutto quando una saga arriva al settimo capitolo di cui il sesto ha incassato 930 milioni di dollari. Non è proprio alla canna del gas…

  5. Ma solo a me sembra che il ritmo manchi dai tempi de “ll prigioniero di Azkaban?”
    Mi reputo fan ma non posso trattenermi dal dire che tutti gli ultimi film sono stati lentissimi e anche un pò noiosi! Speravo che questo avesse + ritmo e invece nulla…forse vogliono tenere tutto per il botto finale!? Speriamo che la battaglia finale sia veramente divertente e lunga tipo Signore degli Anelli sennò mi sparo

  6. Nel caso della battaglia finale, che è finalmente una vera grande battaglia su più fronti, ci sarebbe materiale per occupare almeno metà del secondo fil, se non di più, ma si tratta dell’unico caso in harry Potter in cui è possibile farlo, no?

  7. Nel secondo film non dovrebbe esserci un momento di tregua! 🙂 inizierà con una grossa scena d’azione (e la CG dovrà essere perfetta se no il rischio ciofeca è altissimo). poi c’è il trasferimento ad Hogwarts e dopo una fase “preparatoria” nel castello ci sarà la battaglia vera e propria, divisa in due tempi con una pausa in mezzo importantissima perché succede una cosa fondamentale per l’intera saga.
    Sono troppo curioso di vedere venerdì la prima parte! non sto più nella pelle… le scene che esigo siano fatte alla perfezione sono quella a Godric’s Hollow e quella a casa Lovegood. 🙂

  8. Gabriele, sarà tanto diretta: io spero che tu sia esagerato come al solito (rispetto ai miei gusti) 😛 Anche se mi sembra ti sia lasciato andare un po’ tantino, un po’ più del solito… la speranza c’è… Tra l’altro è il primo film di Harry Potter che aspetto davvero…

  9. Leo: le scene a casa Lovegood non sono granchè eccezion fatta per l’animazione del racconto dei doni della morte. Bellissima. Avesse avuto quel tono e quell’empatia tutto il racconto….
    Godric’s Hollow non eccezionale.

    Andrea: il punto è, e lo si vede subito in questo, che David Yates non è un regista d’azione. Le scene rapide sono tra le più confuse mai viste, si capisce poco e sono tutte tagli rapidi e incasinati. Sinceramente non ho molte speranze.

    Annina: lo spero per te 🙂

  10. Gabriele, certo che sai come tagliare le gambe! 🙂 diciamo che il racconto sui Doni è una fiaba. Harry Potter non lo è…

    Appena letto la recensione del Mereghetti sul Corriere. A parte il fatto che se sento ancora dire una volta la frase “HP non è più per bambini” faccio esplodere una bomba (HP è cresciuto con i lettori e il linguaggio della Rowling cambia in ogni libro. Il primo è scritto come se fosse rivolto ad un ragazzino di 11anni e via crescendo fino ai 18 anni. possibile che non ci sono ancora arrivati?).
    Tuttavia mi è piaciuto che ha capito che è stato fatto un “regalo” ai fan con questo film, tagliando il meno possibile visto che i fan sono un pubblico “più analitico che sintetico”,

    Vabbé basta che se poi venerdì non mi piace mi devo rimangiare tutto!!! 🙂 🙂

  11. Premesso che incassare due miliardi di dollari è meglio che incassarne uno, due film per il capitolo finale di Harry Potter sono troppi, ma uno sarebbe stato troppo poco. Visto che di film “troppo veloci” in questa saga ne abbiamo avuti abbastanza sono contento che I doni della morte sia stato diviso in due, anche se ovviamente la prima parte è quella che ne risentirà di più. Come spesso capita trovo che Gabriele, coerente con la sua idea precisa di cinema :), abbia scritto una recensione che mette in evidenza tutte pecche del film che mi sento di confermare. Eppure, nonostante qualche sbadiglio il trovarmi davanti a un film più coerente di altri col ricordo che ho del libro, soprattutto con il suo spirito, mi fa dire che questo 7.1 è molto meglio del suo predecessore, pur nel suo essere totalmente propedeutico al capitolo finale.

    La “fiaba” dei tre fratelli è davvero un piccolo capolavoro, la scena d’azione iniziale un’occasione perduta e anche quella casa di Luna… poco sviluppata, ma ci sono un paio di altre occasioni di cui non mi posso lamentare.

    In sintesi non vedo l’ora che arrivi luglio 2011…

  12. mi sembra di intuire che la parte a casa lovegood fosse molto importante nel libro. nel film è totalmente trascurabile non fosse per la favola, che comunque potevano raccontare ovunque visto che è contenuta nel libro che ha Hermione.

  13. E’ tutto importante nel libro. Veramente per quanto io considera la letteratura un’altra cosa devo dire che ho sempre trovato davvero molto belli, convincenti e emozionanti i libri di HP, nonostante la mia veneranda età 😉 Mi hanno divertito, emozionato e commosso, nonostante la babbanaggine, unita all’ambientazione inglese, non sia esattamente una cosa che mi entusiasma. Però in generale è una saga che mi ha accompagnato per tanti anni, più di Lost ;). e anche se al cinema non ho mai trovato un film veramente impeccabile, qui sono contento del maggior peso che hanno tentato di lasciare a tutte le cose. Anche i silenzi. Onestamente non so dire se un’altro avrebbe saputo farlo meglio!

  14. Vedere un film che si discosta dal libro è una violenza! Guardare il Principe Mezzosangue ridotto ad una serie di battute e storie d’amore a scapito dell’intensità del libro mi fa venire il voltastomaco. Mi sono sempre chiesto cosa mai avranno capito di Harry Potter o del Signore degli Anelli, tutti quelli che si limitano a guardare i films… Non ho dubbi. NULLA! Io ho amato Harry, Hermione, Ron e Silente x quello che di loro solo i libri hanno saputo trasmettermi. Al diavolo tutti quei giochetti fatti per catturare il pubblico dello schermo e il business degli incassi. Io voglio il libro e tutte le sue emozioni e La Storia senza ritocchi. …come ogni volta uscirò con la sensazione che il regista, del libro, abbia letto un bignami. Leggete miei cari e capirete!!

  15. Se vuoi il libro leggi (o nel tuo caso rileggi) il libro. Il film è altro. Per definizione.
    Che poi i film di Harry Potter spesso non siano stati buoni film siamo tutti d’accordo. Ma il rimedio non è copiare pedissequamente il libro. Primo perchè non si può, secondo perchè non funziona.

  16. Sono d’accordo con Gabriele. Non è un caso che i migliori adattamenti cinematografici di grandi romanzi/storie siano molto spesso distanti dal libro, mantenendone tuttavia immutato lo “spirito”.
    E tra l’altro un recensore di cinema in questi casi deve recensire il film si sé e per sé in quanto prodotto finito (come ha fatto Gabriele) non giudicare tagli o scene inedite rispetto al libro.

    Le saghe di Harry Potter e Twilight fanno eccezione nella storia nel cinema in quanto per la prima volta ci sono milioni di fan che non solo hanno letto i libri, ma che ne conoscono a menadito le trame, conoscono frasi a memoria, hanno in pugno perfettamente quel mondo.
    Non è mai stato così rischioso adattare dei romanzi, anche solo per “ragazzi”, e la certezza è che si sarebbe inevitabilmente scontentati una parte qualsiasi scelta si facesse,

    Chris Colombus tradusse perfettamente su pellicola i personaggi e le ambientazioni di Harry Potter (Anche se preferisco nettamente il Silente di Gambon a quello di Harris, pace all’anima sua..) ma impiegò 2 ore e 40 per portare scena per scena (quasi alla perfezione) meno di 300 paginette per ognuno dei primi 2 film, senza dare un proprio “taglio”. Ovviamente una scelta impensabile dal terzo libro in poi se non si voleva un film da 5 ore! E si cambiò…
    Tanti odiano Yates per i tagli e dicono di amare Cuoròn.
    Cuaròn verrà portato anche in palmo di mano ed è ancora amatissimo, ma io non gli perdonerò MAI di avere eliminato completamente tutta la storia del padre di Harry ai tempi della scuola con Sirius&co (dire che è importante nel libro e nella saga è poco). Eppure Il Prigioniero di Azkaban viene ricordato come il migliore della saga, ma non perché è stato l’adattamento più fedele, ma perché è stato quello più coraggioso, quello più autoriale, quello con più anima.

    Anche Yates nel sesto ha fatto tagli PAUROSI, ma non è riuscito a fare quello che Cuaròn fece con il terzo episodio… Fu un film totalmente senz’anima.

    La cosa non si è (per me) replicata con Il Principe Mezzosangue, che ho rivisto tra l’altro ieri sera e non capisco assolutamente perché venga così detestato. E’ un film bellissimo, emozionante e coinvolgente e rispecchia perfettamente le atmosfere e sfumature del libro. Credo che con 5 minuti di funerale finale avrebbe accontentato l’80% dei fan rimasti insoddisfatti…
    Detto questo per ogni fan scontento ce n’è uno contento, e viceversa. Sarà sempre così per questo tipo di trasposizioni.

    Il Ritorno del Re avrà vinto anche 11 Oscar, ma guardate che non è proprio il libro fatto pellicola… forse non si sono lamentati così in tanti perché tanti di quelli che hanno comprato il libro non sono nemmeno arrivati a leggerne la terza parte in quanto non proprio accessibilissimo a tutti! 🙂

    Detto questo, dopo 6 film da fan del mondo di Harry Potter ho “bisogno” che questo film sia il più fedele possibile al libro, perché ne avrei veramente male altrimenti. E mi dispiace se ci rimetteranno tutti gli altri, ma vorrei essere tremendamente egoista per una volta 🙂
    Domani sera potrò commentare…

  17. Sul rapporto libro-film penso siamo (quasi) tutti d’accordo tranne Ton 😉 Infatti condivido in pieno l’analisi fatta da Leo sui film di HP. Quando c’è stato chi ha avuto il coraggio di rischiare, interpretando ma rispettando lo spirito abbiamo avuto il film migliore indipendentemente dalla fedeltà. Infatti il principio è che può benissimo permetterti di non fare la trasposizione pagina per pagina se ci metti un grande valore aggiunto cinematografico. In HP di valore aggiunto ne abbiamo avuto sempre poco, di tagli tanti, nel caso del sesto capitolo sono perfettamente d’accordo con Ton sul voltastomaco di fronte a ridotto “ad una serie di battute e storie d’amore”, dove io ho riscontrato più il desiderio di strizzare gli occhi ai pruriti dei twilighters che la volontà di fare un film di HP. Qui per fortuna quella manfrina amorosa è (quasi) appena accennata e di certo non si passa dalla “disperazione” per la morte di Silente alla preoccupazione per il bacetto di turno (momento davvero raccapriccinate di HP6). Hai tra le mani HP, che non sarà certo LOTR, ma trattalo degnamente. Finito lo sfogo su HP6 🙂 aspetto i vostri commenti sul 7.1. Io il 7 l’ho letto prima in inglese e poi in italiano, ma non sono un professionista come voi 😉 la memoria mi tradisce spesso e non posso dire di ricordarlo così bene da fare un confronto pedissequo. Ho apprezzato che in questo film sia siano presi più tempo. HP lo merita. Mi ha colpito a fondo dal punto di vista emotivo… no, questo no, secondo me alla saga manca ancora qualcosa e non so se mai potrà averlo viste le capacità degli attori protagonisti. Però il 7.2, come ho già detto, lo attendo con grande trepidazione!

  18. Non penso che il film debba essere un videoriassunto del libro ma, secondo me, o sei Disney (qualcuno, tolta l’ultima Alice, ha mai letto una critica per riadattamento di una qualche opera.. lo chiedo proprio perchè ai tempi di Biancaneve & Co ero troppo piccola per ricordare :P) o forse è meglio che non stravolgi e ti attieni: stravolgere una virgola di trama o tagliare a casaccio non penso possa dare nulla in più, fa solo incavolare i fan… Io che ho prima visto i film e poi letto i libri (vabbè: percorso tutto mio!) e che di fatto mi ritrovo per la prima volta a fare questo confronto sto cercando di contenere le aspettative, perchè sarebbe una grande botta!! Speriamo bene…

    Ps. Caro Gabriele, dovesse piacermi (non c’è un’icona dita incrociate?) tornerò a ringraziarti per avermi placate le aspettative, ed aumentata la soddisfazione finale.. 😀

  19. Mi è piaciuta la tua risposta Leo, perchè, fortunatamente, l’intelletto ci dovrebbe permettere di analizzare con obiettività anche i pareri degli altri. Forse non hai seguito molto i commenti relativi ai film dei Tolkieniani convinti (come me!) che gli oscar a Peter Jackson glieli avrebbero dati in testa assieme allo scudo usato come tavola da surf dall’elfo nelle Due Torri. Anche qui c’è chi ha solo visto i film e ha trovato gli ultimi due eccellenti (sì…gli effetti speciali!) e mediocre il primo che, non a caso, ai fun del libro è sembrato il migliore perchè più vicino alla storia (d’accordo, nessuna traccia di Tom Bombadil…). E qst è il rimpianto che ho anche con Harry Potter e poi io, che sono pure “fatta strana”, prima dei film mi son sempre riletta i libri (anche ora con i Doni della Morte)…giusto per incavolarmi di più una volta davanti allo schermo. Io capisco tutte le scelte perseguite per rendere il prodotto “film” piacevole per un pubblico che, lo riconosco, è sicuramente molto più vasto di quelli che si prendono la briga di leggere oltre che guardare, ma credo di poter dire che la cosa mi fa male e che si poteva fare meglio rispettando la Rowling e i suoi personaggi. Capisco che non ci possa essere una trasposizione “letterale” del libro, ma ci sono fatti e momenti “intoccabili” e uno di questi è proprio quello che citi tu: il dolore che segue la morte di Silente che nel libro si coglie perfettamente fino alle lacrime del lettore stesso, nel film è completamente eclissato. Come faccio a non chiedermi se chi ha solo visto i film ha davvero colto la profondità del rapporto tra Harry e Silente?? O se quelli che hanno visto i film di Jackson hanno davvero capito che gran parte dell’anima del libro di JJT è la straodinaria Amicizia tra Frodo e Sam?? …come posso non rammaricarmi per tutto questo?! Sono una mamma e ho tre bambini ai quali ho letto, fatto leggere e fatto vedere Harry Potter e l’ho amato e ho rimpianto di non essere stata bimba e ragazza cresciuta con lui… Ciao a tutti.

  20. Le posizioni dei fan estremi dei libri e dei fumetti sono sempre contro alle interpretazioni cinematografiche, anche alle più fedeli che, per quanto pedisseque, non saranno mai libro o fumetto e rischiano solo di essere un brutto film. Come dice Gabriele se vuoi un libro… leggi un libro. Anche a me è dispiaciuto che non ci fosse Tom in LOTR ma poi mi son messo a pensare a. Ome ci sarebbe stato e mi è venuto da ridere, impossibile mettercelo senza correre il rischio di prendere una pernacchia, altro che Oscar. Quanto a HP i problemi sono altri… a questo punto aspetto i commenti sul 7.1… Leo è al cinema proprio ora…

  21. Commento a caldo, sono tornato ora.
    Il mio presentimento derivato dalle recensioni lette alla vigilia si è rivelato realtà.
    Questo film è un REGALO che la Warner Bros ha fatto a tutti i fan di Harry Potter. Un regalo puro e semplice, di “risarcimento” danni per gli spaventosi tagli effettuati dal terzo film in poi.
    Ho riletto il libro questa settimana (terza volta) quindi direi che sono andato in sala questa sera piuttosto “fresco”.
    Sono rimasto a BOCCA APERTA! hanno fatto tutto
    scena per scena!! praticamente 460 pagine su pellicola!
    Non ci sono stati tagli, ma solo alcuni brevi accorciamenti… la cosa incredibile è stato sentire ripetere spesso le frasi esatte del libro, le stesse sfumature, gli stessi “colori”…. faccio solo l’esempio della scena del lago e la spada: PERFETTA!
    vi prego adesso non iniziate a dirmi tutti i particolari minuziosi che mancavano perché è inutile. Mi è dispiaciuto che il matrimonio sia stato cortino e che la scena a casa Lovegood abbia perso l’effetto tragicomico che nel libro è spettacolare…. ma non ho veramente niente da obiettare sulle scelte di sceneggiatura in generale.
    Al cinema con me c’era una mia amica da sempre criticissima nei confronti dei film e usciva sempre borbottando.

    per la prima volta è uscita felice dalla sala e convinta. durante la visione era come se telepaticamente ci comunicavamo la contentezza di vedere quella trasposizione perfetta di qualche scena, oppure qualche battuta del libro… che emozioni! 🙂

    la fotografia è totalmente diversa da hp6, ed ha un tono tremendamente realistico… credo sia a causa della lontananza da Hogwarts. Le scene d’azione confuse credo siano una scelta registica, perché Yates ha diretto in modo diverso le azioni frenetiche nei suoi film precedenti.

    2 note dolenti:
    1) Cercasi compositore scomparso!! ma dov’e finito Alexander Desplat??????? colonna sonora praticamente assente… un peccato perché è uno dei migliori sulla piazza. si rifarà col secondo episodio
    2) ok che su 300 milioni di budget per i 2 film ne avete dati 50 a Radcliffe… però sti cavolo di effetti speciali!!a volte bellissimi ma a volte troppo mediocri… un peccato. esigo un livello ben piu alto per la parte 2.

    In sostanza: ai non-fan il film piacerà poco, annoierà e bla bla bla….e sinceramente non me ne fra niente! 🙂 Sono certo del mio egoismo questa volta, ma a me è stato fatto un regalo bellissimo.
    Credo ci sia tempo e modo con il secondo capitolo di mettere d’accordo tutti quanti (devono trasformare solo 230 pagine questa volta) ancora un po’ di pazienza…
    A chi è uscito non molto contento dalla sala consiglio di rileggersi il libro e di tornare a vederlo: rimarrà stupefatto!
    VOTO: 8.5

  22. (P.s.: il mio è stato un commento super-a-caldo… 🙂 scritto dal cell e mi fanno male le mani… 🙂 approfondimenti nei prossimi giorni)

  23. Premetto non ero una grande fan di Yates!!!!!
    Ho visto il film ieri sera, dopo che avevo appena ririletto il libro, giusto x avere la memoria fresca….bè sono assolutamente d’accordo con Leotruman!!!!!
    Stavolta Yates ha fatto un ottimo lavoro.
    A me è piaciuto tantissimo, c’è sempre qualcosa che si poteva fare in un altro modo …..ma questo film rispecchia in tutto e x tutto il libro, proprio ottimo!!!!
    Certo chi non ha letto il libro a mio parere non dovrebbe vedere il film, non riuscirebbe a cogliere tutto!e infatti secondo me chi lo critica è chi non l’ ha capito.
    Molto soddisfatta…..non tantissimo x le musiche ( cosa è successo a Desplate?)

  24. Impressione a caldo!
    Meraviglioso…un’attenta aderenza al libro per farne dono ai fan!
    Ho trovato i protagonisti cresciuti…hanno saputo dare una prova recitativa commovente e matura!
    Complimenti!

  25. Si, anch’io devo dire che in generale mi è piaciuto di più del 6° che era veramente osceno e un’insulto alla Rowling e a tutti i lettori del libro…stavolta è stato molto più fedele al libro sia nelle battute, sia nelle scene d’azione. Interpretazione magistrale di Fiennes alias Voldemort e in generale di tutti gli attori. Molto belle anche le scene comiche al ministero e con quelle con Dobby.
    Tuttavia, sono rimasto deluso:
    1) Come ha detto 1 di voi dalla colonna sonora totalmente inesistente
    2) Dalla perdita di tempo di alcune scene (come quella dell’ assurdo ballo fra Harry e Hermione o quelle di silenzio) a discapito di altre che avrebbero chiarito molto di più la storia e risposto a domande che sicuramente i NON lettori si saranno chiesti:
    – Perchè diavolo ce la dovrebbe avuta avere proprio Silente la bacchetta di Sanbuco?!?!
    Chi era Grindelwald?!?
    – Che caspita era quel frammento di specchio che aveva sempre Harry fra le mani?!?!
    – Perchè Harry non si è chiesto perchè la sua bacchetta ha agito da sola la notte del trasferimento?!?! Bah sarà una cosa del tutto normale…

    Inoltre omessa la storia di Regulus Black (bastava qualche scena di flashback…) e ruolo molto marginale dato a sti cavolo di doni della morte, da cui prende il nome il film stesso! Non si è visto neanche una volta il mantello dell’invisibilità (potevano almeno metterselo a Godric’s Hollow giusto per far vedere che ce l’avevano…)!

    Tutto sommato molto migliore dei precedenti, ma Yates continua a non piacermi…spero di rimangiarmi queste parole nell’ultimo film! Cavolo se sbaglia quello è la volta che lo uccido di persona…

    VOTO: 7,5

  26. io concordo in pieno con leo, film bellissimo e molto fedele al libro. la scena della spada nell’aqcua e’ praticamente come l avevo immaginata leggendo il libro. questo fa ben sperare per l’ultima e conclusiva parte..
    voto 9

  27. Non voglio leggere, non voglio leggere: ieri sera sono andata a prendere i biglietti, vado stanotte (anche di orari ne ho di miei) a vederlo! Tra l’ altro a Parco Leonardo hanno organizzato un evento in cui ci saranno tizi vestiti a tema: se li becco vi mando le foto 😛

  28. sono (purtroppo) d’accordo con la recensione. aggiungerei anche che negli ultimi film di hp si è perso il senso di meraviglia dei primi 3.ormai la magia è un dato di fatto ed è normale che sia così, ma il fascino che ha avuto hp è sempre stato quello della scoperta di un mondo simile al nostro ma completamente diverso allo stesso tempo.i segreti, le magie,gli indovinelli erano la parte forte e che più mi piaceva della saga. anche voldemort ha perso il suo fascino…probabilmente perchè troppo mostrato;non è più un’atmosfera,non è più quel senso di perenne instabilità degli inizi. ora è un personaggio,cattivo, cattivissimo…ma privo di fascino.

  29. Al recensore… Guarda che il libro è cosi…L’accozzaglia di luoghi nella fuga….l’incedere della storia lento e ricco d’ansia….quel clima di precarietà…quelle scene di lotta e di fuga confuse che non si riescono molto a cogliere nei dettagli tanta è la rapidità…la fugacità… è l’esatta trasposizione del libro…. leggitelo che è carino 😉

  30. Per la prima volta nella mia vita sono arrivata a film iniziato 🙁 … Non penso di essermi persa più di 5 minuti di film perchè sono arrivata prima della tavolata dei mangiamorte: questo ritardo non dovrebbe influenzare il mio commento..
    Cmq sarà un mio pregiudizio ma il film mi è piaciuto! Grazie Gabriele, te l’avevo promesso e te lo devo!

    Ho trovato molto belle diverse scene e, come sempre faccio, mi sono divertita ad immaginarmene alcune (Nagini protagonista) in 3D, visto che abbiamo “corso questo rischio”.
    Penso però che, stranamente, mi sia piaciuto perchè ho letto il libro: usciti dalla sala gli amici che non avevano letto il libro non avevano capito un caspita di niente! Hai ragione Alerei, troppe cose date per scontate!! Parlando, mi sono effettivamente resa conto di quante reazioni, di quanti fatti, di quante scelte e decisioni non siano state se non spiegate almeno giustificate, rese comprensibili ai più (non tutti vanno per vedere la videointepretazione del romanzo). Quindi, tanto per cambiare voglio dire che secondo me l’errore (che non mi tange) sia stato quello di voler fare un film solo per i fan del romanzo, gli unici che, forse, “guidati” dal libro, potevano davvero capire la storia…passiamo da un eccesso ad un altro: troveremo nel 7.2 l’equilibrio? (Sììì…)

    Ps. per quanto riguarda gli effetti speciali legati alle magie, un’ipotesi è: dipende quanto è potente la magia? Sono forse proporzionati?
    Per l’assenza di colonna sonora: grande mancanza che, secondo me, ha causato anche uno scarso coinvolgimento in coloro che, non avendo letto il libro e riuscendo a capire la metà degli avvenimenti, si sentivano già fuori luogo….

  31. Già Annina ha ragione, non ci avevo fatto caso, ma la colonna sonora fa il 50% del lavoro, soprattutto dal punto di vista emotivo ed ecco perché sono uscito così scarico. Sul fatto di aver fatto un film per chi ha letto il libro, non so… come ci siamo detti è la prima volta che non tagliano, eppure non tagliando abbiamo visto che mancano degli elementi di collegamento e spiegazione che avrebbero fatto piacere non solo a chi lo ha letto, ma anche a chi non lo ha letto, aiutandolo nella comprensione di cose che sono date, ancora una volta, forse troppo per scontate… parlando di frammenti di specchio… sapete che non mi ricordo dove e quando si rompe e come gli arriva??? Smemorato che sono

  32. ciao ragazzi,
    secondo me nel prossimo film non si potrà fare a meno di analizzare il rapporto harry-silente, ma come sarebbe? è morto e l’unica menzione sta nell’eredità e nel libro biografia? e le continue problematiche di harry sullo scoprire i retroscena di silente?sul fatto di non averlo realmente conoscouto? questo sarà sicuramente trattato sulla 2a parte del film, e piton? cavolo ha fatto 6 libri da detrattore sarcastico assoluto e ha diritto ad un addio pieno di dolore che ci faccia pensare a quanto la vita sia stat ingiusta con lui!
    e poi sapete cos’era la mia aspettativa per questo film? volevo solamente non smettere di rimanere stupita dal mondo di harry potter, vogilio continuare a sentirne parlare,anche da punti diversa commerciali e basta perchè dopo 8 anni che leggo e rileggo quei meravigliosi libri non riesco a dire addio a quel mondo, quanti di voi vorrebbero essere sul treno il primo di settembre? o in sala grande a cena il 31 di ottobre?? anche se un film non sarà mai perfetto come un libro della Rowling sarà comunque meglio che non sentirne parlare più.
    propongo che venga rifatta da capo la saga da altri 7 registi :o)

    p.s per TON: CHE FORTUNA AVERTI COME MAMMA !!!

  33. Quando ho finito di leggere il settimo libro poche settimane fa non riuscivo a smettere di piangere mi sembrava impossibile convincermi che era davvero la fine. Sono cresciuta con i film e i libri di Harry Potter, certo quando ho letto i libri ero abbastanza piccola e adesso non ricordo tutto infatti penso di rileggerli appena possibile. I film li conosco quasi a memoria i primi due sono molto carini e si vede benissimo che sono stati adattati per i più piccoli dal terzo in poi si vede il cambiamento graduale, nel quinto e nel sesto si nota l’impronta dello stesso regista, abbastanza criticabili ma sono comunque belli. L’ultimo è stupendo e non sembrerebbe neanche fatto da David Yates. Non c’è un attore che abbia recitato male la sua parte, si sentono davvero la tensione descritta nel libro, il passare lento del tempo e la dinamicità causata dai continui spostamenti, inseguimenti e conflitti vari. Io mi sono ritrovata svariate volte con le lacrime agli occhi come mi è capitato mentre leggevo il libro. Alcune cose non vengono spiegate purtroppo e ci sono delle scene diverse o mancanti e sicuramente chi non ha letto il libro capisce poco e niente. La scena del ballo tra Harry e Hermione nel libro non c’è infatti in molti sono rimasti scioccati e l’hanno criticata, io non sono d’accordo perché secondo me un senso o uno scopo ce l’ha: in quegli attimi non riesci a rimanere serio, ti scappa inevitabilmente un sorriso all’inizio e dopo un po’ scoppi letteralmente a ridere per la ridicolaggine di Harry e vieni trasportato dal divertimento che provano i protagonisti mentre ballano, li vedi per la prima volta felici e divertiti, ti si svuota la mente perché le uniche cose che fai sono pensare a quanto siano strambi e ridere. Poi tutto d’un tratto c’è un mutamento nelle loro espressioni quasi impercettibile passa poco tempo e i loro visi contenti si trasformano in due maschere fredde e in quel momento vieni inondato dalla consapevolezza di quello che è successo prima e di quello che dovrà succedere e allora rimani con un sorriso congelato sulla faccia e gli occhi impassibili immobili sulla scena. Penso sia stato questo il motivo per cui hanno aggiunto la scena o almeno è stata la spiegazione che mi sono data perché ha avuto un effetto strano su di me. Non vedo l’ora che esca l’ultima parte! Una data che vedo lontana visto che ho gli esami 🙁 e ho paura perché significa fine però non mi abbatto e continuo a sperare e a fremere per un finale coi fiocchi 🙂

  34. scusatemi ma io non sono d’accordo con chi ha fatto la recensione . ERA IMPOSSBILE fare un film solo
    già ci sono state tante scene tagliate e cercare di raccontare tutto in una volta sarebbe stato un fallimento totale .Il film Da vera HARRYPOTTERIANA mi è piaciuto da una scala da 0 a 10 : 7 e 3/4
    ci sono state molte scene comiche ma a tratti è stato noioso. Gli effetti speciali sono stati impeccabili e gli attori sono stati bravissimi .Ci sono state scene molto belle divertenti e drammatiche che fanno capire l’evoluzione della storia abbastanza bene . è stato noioso a tratti questo è vero ma la recensione fatta è stata troppo lapidaria. Ci sono stati momenti di risate e di tensione . insomma un lavoro quasi ben fatto .

  35. Visto ieri…ma é bellissimo!!! Sarà che ero prevenuto e mi aspettavo una noia mortale ma non é stato affatto così! E’ stata tutta una corsa…pensare di unire questo film alla seconda parte é follia! Già questo é volato via in un attimo se ci fossero state cose in + chissà che casino!
    Forse non é stato noioso anche perché ci sono state poche chiacchiere inutili, tutte le parole erano pesate e c’erano solo quelle che servivano per la trama!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *