L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 

Figli delle stelle, la recensione in anteprima

Di Gabriele Niola

Figli delle stelle Poster ItaliaRegia: Lucio Pellegrini
Cast: Pierfrancesco Favino, Claudia Pandolfi, Fabrizio Bentivoglio, Giuseppe Battiston, Giorgio Tirabassi, Paolo Sassanelli, Fabio Volo, Camilla Filippi, Pietro Ragusa
Durata: 1h 42m
Anno: 2010

Se Lucio Pellegrini ha un posto nel cuore degli amanti del cinema che si ostinano a non mollare la presa sul cinema italiano è grazie al suo esordio come sceneggiatore e regista, E allora Mambo!, film che non solo trovava una vena comica tra le più felici degli ultimi anni ma che riusciva anche a raccontare una storia operando un arco narrativo perfetto. Nessun tempo morto, nessuna scena superflua, nessuno sbandamento. Semplicemente perfetto. Ma lì c’era Fabio Bonifacci alla sceneggiatura…

Figli delle stelle arriva ora dopo il lavoro alla serie tv di Non Pensarci e qualche altro exploit meno felice. E arriva con un cast nutrito (leggi: con un buon investimento produttivo) e una troupe tecnica di prim’ordine. Tutto supportato da un’idea di quelle che possono rendere una commedia qualcosa di più che un film da ridere. Peccato che tale idea (che è contemporaneamente idea di contenuto e forma) arrivi troppo tardi e duri troppo poco.

Si racconta di un gruppo di disperati (un ex carcerato, un precario, un manovale, un nostalgico degli anni di piombo e una giornalista televisiva) i quali, sfiancati ognuno per proprie ragioni dalla situazione politico-sociale, decidono di rapire il ministro dell’economia. Come sempre nei film italiani si sbagliano e rapiscono un sottosegretario che, non solo conta poco, ma è anche un povero diavolo.
L’impressione di “italiani un po’ cialtroni ma con tanto cuore” che può suscitare il resoconto della trama è effettiva nella prima parte del film, la più debole. Quando però ci si trasferisce in Valle d’Aosta per nascondere l’ostaggio cambia tutto e il film comincia a trovare vero senso.
Gli spazi aostani e soprattutto l’architettura anni ’80 modernista, che sembra prefigurare un impossibile futuro mai arrivato, fa il paio con i costumi (si vestono con quello che trovano). Tute e abiti da sci sempre usciti dagli anni ’80 che ricordano gli abiti futuribili della fantascienza giapponese anni ’90 (cioè di poco succesiva), ma che erano la tragica realtà di anni in cui si sperava nel futuro anche con l’abbigliamento. Si respira insomma davvero un’aria di sconfitta e nostalgia in primis con le immagini.

Anche la trama poi fa un salto in avanti: si ride di più e con più arguzia, andando a parare in territori decisamente più interessanti. E’ quindi un peccato che il senso vero arrivi così tardi e che il film si chiuda con un tramonto sul mare, simbolo imperituro di acquiescenza all’italiana. Si rischiava il beppegrillismo antipolitico, si era trovata una vena felice e si è smorzato per non rischiare su nessun fronte. E dire che un Pierfrancesco Favino così in forma non lo si vedeva da tempo…

Divertente pretesto per fare un film con il titolo di una nota canzone o piccola gemma sfiorata? Qui le altre critiche

Cinema chiusi fino al 3 dicembre, QUI gli ultimi aggiornamenti.

#CinemaReloaded è un messaggio di ottimismo aperto a tutti per testimoniare, condividere e sostenere le iniziative di rilancio del cinema in sala. Scopri di più e aderisci sul sito Cinemareloaded.it.

Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perdervi tutte le news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale YouTube ScreenWeek TV. ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

LEGGI ANCHE

Un Monolito molto simile a quello scoperto nello Utah è stato avvistato in Romania 1 Dicembre 2020 - 12:15

Un altro Monolito molto simile a quello scoperto nello Utah è stato avvistato in Romania. Anche in questo caso il collegamento con 2001: Odissea nello spazio è scontato.

Hawkeye – Anche Florence Pugh apparirà nella serie? 1 Dicembre 2020 - 11:30

Le ultime indiscrezioni sostengono che, dopo l'esordio in Black Widow, la Yelena Belova di Florence Pugh apparirà nella serie Hawkeye.

The Mandalorian è la prima serie Disney+ a finire nella Top 10 streaming di Nielsen 1 Dicembre 2020 - 10:37

The Mandalorian è la prima serie originale Disney+ a entrare nella top 10 dei titoli streaming lanciata di recente dall’azienda di rating Nielsen.

Spawn (FantaDoc) 28 Novembre 2020 - 12:00

All'inferno (e ritorno) i super-eroi!

Small Soldiers (FantaDoc) 2 Novembre 2020 - 16:08

La storia dei soldati giocattolo di Joe Dante.

Universal Soldier – I nuovi eroi (FantaDoc) 16 Ottobre 2020 - 16:51

Storia di un clonazzo di Terminator per cui Van Damme e Dolph Lundgren sono arrivati a menarsi (per finta) a Cannes.