L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 

Venezia 67: a Sofia Coppola il Leone d’Oro

Di Marco Triolo

Sono stati da poco consegnati i premi della 67ma edizione della Mostra del Cinema di Venezia. La cerimonia chiude un’edizione ricca di film discussi, e dominata da un’incertezza sul primo premio maggiore rispetto agli anni precedenti. Il Leone d’oro è andato a un film che ha unito la giuria all’unanimità: Somewhere di Sofia Coppola. Quentin Tarantino ha dichiarato: “il film ci ha incantato sin dalla prima visione, e poi ha continuato a crescere. Parlavamo di altri film e poi tornavamo ogni volta a questo”. La Coppola, che si sospettava avesse vinto sin da oggi pomeriggio, quando è stata avvistata in giro per il Lido, ha ringraziato suo padre Francis Ford Coppola.

Il Leone d’argento per la migliore regia va ad Alex de la Iglesia per Balada triste de trompeta, che vince anche l’Osella per la miglior sceneggiatura. Essential Killing incassa il Premio speciale della Giuria e la Coppa Volpi al miglior attore per Vincent Gallo. La Coppa Volpi per la migliore attrice va invece ad Ariane Labed per Attenberg. Monte Hellman vince il Leone Speciale all’opera omnia. Il premio Marcello Mastroianni per il migliore attore/attrice emergente è stato infine consegnato a Mila Kunis per Black Swan, e l’Osella per la miglior fotografia a Mikhail Krichman, per il film russo Silent Souls.

Gallo, che in questi ultimi giorni è stato maestro di antipatia, ha deciso di non salire sul palco per ritirare il suo premio: al suo posto, il regista Jerzy Skolimowski, che lo ha esortato a raggiungerlo: “Vincent, so che sei qui. Dai, vieni su, abbi coraggio!”. Niente da fare. Mila Kunis ha invece ringraziato con un messaggio video, essendo impegnata in America sul set di un film. La premiazione della Coppola è stata accolta in sala stampa da molti “buuuh”. Il film secondo me non è eccezionale, ma posso capire che sia piaciuto alla giuria ed è meglio di tanti polpettoni paventati nei giorni scorsi. E’ un peccato, comunque, che dei tanti film orientali in concorso nessuno abbia ottenuto almeno un premio, con Tarantino presidente.

Chiudiamo con la lista completa dei premiati. Così si conclude per noi un altro anno al Festival di Venezia, ma siamo già in fervente attesa di vedere cosa il prossimo ci riserverà. Spero che anche voi vi siate divertiti seguento questo breve excursus nella frenetica realtà del festival più antico del mondo.

LEONE D’ORO per il miglior film a:
SOMEWHERE di Sofia COPPOLA (Usa)

LEONE D’ARGENTO per la migliore regia a:
Álex de la IGLESIA per il film BALADA TRISTE DE TROMPETA (Spagna, Francia)

PREMIO SPECIALE DELLA GIURIA a:
ESSENTIAL KILLINGdi Jerzy SKOLIMOWSKI (Polonia, Norvegia, Ungheria, Irlanda)

COPPA VOLPI
per la migliore interpretazione maschile a:
Vincent GALLO
nel film ESSENTIAL KILLING di Jerzy SKOLIMOWSKI
(Polonia, Norvegia, Ungheria, Irlanda)

COPPA VOLPI
per la migliore interpretazione femminile a:
Ariane LABED
nel film ATTENBERG di Athina Rachel TSANGARI (Grecia)

PREMIO MARCELLO MASTROIANNI
a un giovane attore o attrice emergente a:
Mila KUNIS
nel film BLACK SWAN di Darren ARONOFSKY (Usa)

OSELLA
per la miglior fotografia a:
Mikhail KRICHMAN
per il film OVSYANKI (SILENT SOULS) di Aleksei FEDORCHENKO (Russia)

OSELLA
per la migliore sceneggiatura a:
Álex de la IGLESIA
per il film BALADA TRISTE DE TROMPETA di Álex de la IGLESIA (Spagna, Francia)

LEONE SPECIALE a:
Monte HELLMAN
Monte Hellman è un grande artista cinematografico ed un poeta minimalista. La sua opera è stata di ispirazione a questa giuria per cui è per noi un onore rendergli onore.

LEONE DEL FUTURO – PREMIO VENEZIA OPERA PRIMA (LUIGI DE LAURENTIIS)
La Giuria Leone del Futuro – Premio Venezia Opera Prima (Luigi De Laurentiis) della 67. Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica, composta da Fatih Akin (Presidente), Nina Lath Gupta,Stanley Kwan,Samuel Maoz, Jasmine Trinca ha deliberato all’unanimità di assegnare il premio a: COGUNLUK (MAJORITY) di Seren YÜCE (Turchia) – VENICE DAYS

PREMIO ORIZZONTI
La Giuria Orizzonti della 67. Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica, presieduta da Shirin Neshat e composta da Raja Amari, Lav Diaz, Alexander Howarth e Pietro Marcello, dopo aver visionati i 64 film in concorso, ha deliberato all’unanimità di assegnare

il PREMIO ORIZZONTI (riservato ai lungometraggi)
a VERANO DE GOLIAT di Nicolás PEREDA (Messico, Canada)

il PREMIO SPECIALE DELLA GIURIA (riservato ai lungometraggi)
a THE FORGOTTEN SPACE di Nöel BURCH e Allan SEKULA (Olanda, Austria)

il PREMIO ORIZZONTI CORTOMETRAGGIO
a COMING ATTRACTIONS di Peter TSCHERKASSKY (Austria)

il PREMIO ORIZZONTI MEDIOMETRAGGIO a
TSE (OUT) di Roee ROSEN (Israele)
una MENZIONE SPECIALE a:
JEAN GENTIL di Laura Amelia GUZMÁN e Israel CÁRDENAS (Repubblica Dominicana, Messico, Germania)

#CinemaReloaded è un messaggio di ottimismo aperto a tutti per testimoniare, condividere e sostenere le iniziative di rilancio del cinema in sala. Scopri di più e aderisci sul sito Cinemareloaded.it.

Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perdervi tutte le news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale YouTube ScreenWeek TV. ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

LEGGI ANCHE

Willow: Jon M. Chu regista della serie targata Disney+ 21 Ottobre 2020 - 11:10

Come sappiamo, Disney+ sta sviluppando una serie ispirata a Willow, il fantasy anni ’80 diretto da Ron Howard. Jon M. Chu dirigerà l’episodio pilota e parteciperà anche come produttore esecutivo.

Jonathan Entwistle per il reboot dei Power Rangers al cinema e in TV 21 Ottobre 2020 - 10:51

Dopo The End of the F**king World e I Am Not Okay With This, Jonathan Entwistle si occuperà del rilancio dei Power Rangers sul grande e piccolo schermo.

Wicked – Il regista Stephen Daldry abbandona il film 21 Ottobre 2020 - 9:45

Stephen Daldry ha deciso di rinunciare all'adattamento cinematografico di Wicked, più volte rinviato e ora tolto dal listino della Universal.

Universal Soldier – I nuovi eroi (FantaDoc) 16 Ottobre 2020 - 16:51

Storia di un clonazzo di Terminator per cui Van Damme e Dolph Lundgren sono arrivati a menarsi (per finta) a Cannes.

The Doc(Manhattan) Is In – Storie di guerra e di magia, il Game of Thrones dell’83 (più o meno) 26 Giugno 2020 - 15:45

Storia del semidimenticato Wizards and Warriors, serie fantasy anni 80 con vari personaggi in lotta per il controllo di un regno. Ricorda qualcosa?

7 cose che forse non sapevate su Capitan Planet e i Planeteers 19 Giugno 2020 - 15:45

Sette cose che forse non sapevate su Capitan Planet e i Planeteers, un super-eroe contro l’inquinamento (e gli altri mali del mondo).