L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 

Shia LaBeouf si confessa: «Indy 4 non era all’altezza»!

Di Marco Triolo

Indiana Jones e il Regno del Teschio di Cristallo Immagini del Film 02

A Cannes per promuovere Wall Street 2, Shia LaBeouf ha discusso con i giornalisti dell’altro importante sequel a cui ha preso parte, Indiana Jones e il regno del teschio di cristallo. E indovinate un po’? Il film non gli è piaciuto per nulla, e ritiene che buona parte della colpa sia sua. “Credo di non essere stato all’altezza dell’eredità che la gente ama“, spiega LaBeouf, convinto di aver alzato il tiro con Wall Street 2; “se l’avessi fatto una seconda volta, la mia carriera sarebbe finita. Stavolta era più ‘o la va o la spacca’“.

L’attore è particolarmente duro con sé stesso: “Per scene come quella in cui penzolo con le scimmie puoi dare la colpa allo sceneggiatore i a Steven, ma il lavoro dell’attore è rendere vive queste scene e io non ci sono riuscito. Quindi è stata colpa mia. Semplice“. Ma cosa pensa che ci fosse di sbagliato nel film? “Credo che il pubblico sia molto intelligente. Credo che sappiano cosa hai realizzato. E credo che se non lo riconosci, come potrebbero fidarsi di te la prossima volta che promuovi un film? Con Harrison Ford abbiamo avuto molte discussioni al proposito. Anche lui non era contento del film“. E conclude: “Devi essere in grado di saziare l’appetito del pubblico. Credo che abbiamo semplicemente male interpretato cosa ci fosse da saziare“.

Ma non ha paura che Spielberg se la prenda per questi commenti? “Probabilmente mi chiamerà. Ma ha bisogno di sentirle queste cose. Gli voglio bene, abbiamo una relazione che va al di là di quella lavorativa. E credetemi, gli parlo abbastanza da sapere che non mi sbaglio più di tanto. E non mancherei mai di rispetto all’uomo. Credo che sia un genio, e mi ha dato tutta la mia vita. Ha fatto tanti grandi film e non c’è ragione di sentirsi debole solo per uno. Ma quando non sei all’altezza, non sei all’altezza“.

Una schiettezza e una sincerità da ammirare. Il guaio è che, stando alle prime opinioni, anche Wall Street 2 è piuttosto insoddisfacente, e se Shia in futuro dovesse ammetterlo, rischia davvero di inimicarsi buona parte di Hollywood. E poi, diciamocelo, al di là del cieco odio da fanboy, lui non era certo il principale problema del film. Voi cosa ne pensate: siete d’accordo con lui su Indiana Jones 4 oppure trovate che esageri?

(Fonte: LA Times)

Cinema chiusi fino al 5 marzo, QUI gli ultimi aggiornamenti.


Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perdervi tutte le news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale YouTube ScreenWeek TV. ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

LEGGI ANCHE

Il trailer di Willy’s Wonderland: Nicolas Cage contro gli animatronics indemoniati! 15 Gennaio 2021 - 21:00

Arriverà il 12 febbraio in USA, sia al cinema che on demand, l'horror diretto da Kevin Lewis

Providence: su Peacock una nuova serie dagli autori di You 15 Gennaio 2021 - 20:15

Tratta da un romanzo di Caroline Kepnes, la serie sarà sviluppata da Sera Gamble per la piattaforma di NBCUniversal

Heart of Stone: Netflix compra l’action con Gal Gadot 15 Gennaio 2021 - 19:30

Il film mira a lanciare un nuovo franchise di spionaggio ed è scritto dallo sceneggiatore di The Old Guard

Spawn (FantaDoc) 28 Novembre 2020 - 12:00

All'inferno (e ritorno) i super-eroi!

Small Soldiers (FantaDoc) 2 Novembre 2020 - 16:08

La storia dei soldati giocattolo di Joe Dante.

Universal Soldier – I nuovi eroi (FantaDoc) 16 Ottobre 2020 - 16:51

Storia di un clonazzo di Terminator per cui Van Damme e Dolph Lundgren sono arrivati a menarsi (per finta) a Cannes.