L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 

Polanski rompe il silenzio stampa!

Di Marco Triolo

Roman Polanski ha rilasciato un comunicato con il quale rompe il suo lungo silenzio stampa per mettere l’opinione pubblica al corrente del suo punto di vista sul suo arresto in Svizzera e sulla domanda di estradizione. Il regista non nasconde che, secondo lui, tutto il caso è stato montato per attirare l’attenzione dei media, e che non ci sono presupposti per l’estradizione in quanto lui avrebbe già scontato in toto la sua condanna. Ecco che cosa ha dichiarato:

E’ vero: 33 anni fa mi sono dichiarato colpevole e ho scontato una condanna nella prigione di Chino, non in una prigione VIP. Quel periodo avrebbe dovuto coprire l’intera mia condanna. Quando ho lasciato la prigione, il giudice aveva cambiato idea e dichiarò che il tempo passato a Chino non esauriva la sentenza, ed è questo voltafaccia che ha giustificato la mia partenza dagli Stati Uniti.

Lo scorso 26 febbraio, Roger Gunson il procuratore distrettuale responsabile del caso nel 1977, ora in pensione, ha testimoniato davanti al giudice Mary Lou Villar e in presenza di David Walgren, l’attuale procuratore distrettuale responsabile del caso, […] che il 16 settembre 1977 il giudice Rittenband aveva detto a tutte le parti interessate che il mio periodo di carcerazione a Chino avrebbe costituito la totalità della sentenza che avrei dovuto scontare.

Non posso più rimanere in silenzio perché per più di 30 anni i miei avvocati non hanno mai smesso di insistere sul fatto che sono stato tradito dal giudice, che il giudice non ha mantenuto la parola e che io ho scontato la mia pena.

Non posso più rimanere in silenzio perché gli Stati Uniti continuano a richiedere la mia estradizione più per servirmi su un piatto d’argento ai media internazionali che non per pronunciarsi su un giudizio per il quale si era già raggiunto un accordo 33 anni fa.

Questi sono i fatti di cui desideravo mettervi al corrente nella speranza che la Svizzera riconosca che non ci sono i presupposti per l’estradizione, e che io dovrei essere lasciato in pace, riunirmi alla mia famiglia e vivere in libertà nella mia terra natale.

(Fonte: Deadline)

SEGUICI SU TWITCH!

ASCOLTA I NOSTRI PODCAST!

Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perdervi tutte le news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale YouTube ScreenWeek TV. ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

LEGGI ANCHE

Flash – Riprese in corso alla Wayne Manor, ecco le nuove foto 10 Maggio 2021 - 8:45

Le riprese di Flash continuano a Petersborough, in Inghilterra, dove la Burghley House fa da controfigura per la Wayne Manor di Michael Keaton.

Box Office USA: Primo Wrath of Man con $8M, seguito da Demon Slayer 9 Maggio 2021 - 22:58

Wrath of Man, il film di Guy Ritchie interpretato da Jason Statham apre al primo posto con $8M al Box Office USA, seguito da Demon Slayer

The Falcon and the Winter Soldier – Un video svela i segreti del braccio di Bucky 9 Maggio 2021 - 20:00

Uno speciale di Marvel Entertainment ci porta alla scoperta del braccio bionico di Bucky in The Falcon and the Winter Soldier, con Lorraine Cink e il supervisore agli effetti visivi Eric Leven.

Star Wars: The Bad Batch, la recensione del secondo episodio 7 Maggio 2021 - 14:43

Le avventure della Clone Force 99 di The Bad Batch proseguono, tra facce conosciute e (ovviamente) sparatorie.

Perché Godzilla non è figlio di una bomba atomica (e tanto meno delle atomiche della Seconda Guerra Mondiale) 5 Maggio 2021 - 14:37

Il primo Godzilla di Ishiro Honda, nel '54, e la paura del nucleare venuta dal mare (e nata due milioni di anni prima).

STAR WARS: THE BAD BATCH – EPISODIO 1 | RECENSIONE 4 Maggio 2021 - 9:01

Debutta oggi su Disney+ Star Wars: The Bad Batch, il sequel/spin-off di The Clone Wars. Le nostre impressioni sul primo episodio.