Marvel Infographic: tutti gli incassi dei supereroi

Marvel Infographic: tutti gli incassi dei supereroi

Di Elisa

In occasione dell’uscita dell’attesissimo Iron Man 2, di cui abbiamo seguito ogni dettaglio e curiosità in questi mesi grazie al nostro blog tematico, Screenweek ha preparato per voi un bellissimo Infographic che riassume in un’unica immagine tutti gli incassi americani, italiani ed esteri dei principali film con protagonisti personaggi Marvel dall’anno 2000 fino ad oggi. Inoltre potrete osservare per ogni pellicola il suo costo di produzione in modo da analizzare con immediatezza il rapporto costi-ricavi di questi importanti kolossal.

Per visualizzare il grafico, che è molto lungo in orizzontale, abbiamo deciso di utilizzare un servizio tutto italiano, Closr.it . Il Widget che vede qui sopra vi permette di navigare nell’immagine, fare zoom sui punti più interessanti, ma soprattutto di visualizzarla a pieno schermo facendo click sull’apposito bottone e condividerla se vi piace.

Ora analizziamo il grafico nel dettaglio, con tutte le curiosità sui cinecomic Marvel.

L’uscita di X-Men, con la regia di Bryan Singer, nel anno 2000 segnò l’inizio dell’epoca d’oro dei cinecomics, ossia pellicole con protagonisti i principali personaggi dei fumetti che hanno accompagnato intere generazioni.

X Men Poster USA 3 Altri film con protagonisti supereroi erano comparsi al cinema nel corso dei decenni, sia appartenenti ad altre case editrici come l’eterna rivale DC Comics (Superman e Batman), sia della stessa Marvel come l’ottimo Blade nel 1998, ma anche i dimenticati Capitan America del 1990 (film a basso budget che fu un flop di pubblico e critica, in cui pensate figurava anche la nostra Francesca Neri!) e The Fantastic Four nel 1994 (pellicola realizzata dalla Constantin Film unicamente per mantenere i diritti legali e che non venne nemmeno distribuito nelle sale).

X-Men, costato 75 milioni di dollari, ne incassò 157.2 negli USA e quasi 300 a livello globale. Le più importanti case di produzione capirono di avere trovato la gallina dalle uova d’oro e da allora hanno iniziato incessantemente a produrre film supereroistici, sfornandone più di uno all’anno per accontentare più fan possibili.

Dopo X-Men la Marvel produsse un altro pezzo da novanta della sua collezione, Spider-Man uno dei personaggi dei fumetti più amati di sempre, e ne affidò la regia a Sam Raimi. Era da qualche anno che tuttavia si cercava di produrre un film sull’Uomo Ragno, e si narra di come anche James Cameron fosse interessato a dirigerlo dopo Titanic con Leonardo Di Caprio come protagonista.
Spider-Man uscì il 3 maggio del 2002 negli USA segnando la storia del boxoffice. Fu il primo film della storia a superare nel primo weekend di programmazione la soglia dei 100 milioni di dollari. Il record precedente apparteneva a Harry Potter e la pietra filosofale (90.2 milioni nel 2001), che a sua volta l’aveva tolto a Il Mondo Perduto: Jurassic Park (72.1 milioni nel 1997). Spider-Man incassò in 3 giorni 114.844.116 dollari, con l’altissima media per sala di 31.768 dollari. Mai nessuno era giunto a tanto!
Il film di Sam Raimi fu anche il quinto della storia a superare il muro dei 400 milioni di dollari d’incasso totale negli USA (403.7 per la precisione) e worldwide incassò 821.7 milioni di dollari. Anche in Italia il film ebbe una evidente marcia in più rispetto ad X-Men: raccolse ben 16 milioni di euro contro i 4.6 milioni del film sui mutanti.

Nel 2003 furono ben 3 i cinecomics Marvel che uscirono nelle sale di tutto il mondo.

Daredevil con Ben Affleck protagonista, che costato 78 milioni di dollari ne raccolse poco più di 100 negli USA e 180 globalmente. Non un grande successo, dovuto soprattutto alla scarsa notorietà del personaggio, ma neanche un flop.

Per la trasposizione di un altro dei personaggi Marvel più amati, Hulk, si tentò di percorrere la strada del “Kolossal d’Autore” affidandone la regia al premio Oscar Ang Lee. L’attesa e l’aspettativa enormi si tradussero in un ottimo incasso d’esordio negli USA con ben 62.1 milioni di dollari, ma il passaparola decisamente negativo dei fan scontenti produsse cali consistente nelle settimane successive tanto che il film terminò la sua corsa a 132.1 milioni, solo il doppio di quanto incassato in 3 giorni. A livello globale raccolse 245.3 milioni di dollari, appena sufficienti a ripagare gli alti costi produttivi (137 milioni) e di distribuzione.

Andò meglio ad X-Men 2, sempre con la regia di Bryan Singer. Il film non solo ottenne ottime critiche, ma incassò addirittura più del suo predecessore: quasi 215 milioni negli USA e oltre 400 worldwide.

Interessante come in Italia sia invece Hulk ad aver registrato il maggiore incasso, con ben 7.3 milioni di euro, distanziano X-Men 2 (5.3 milioni) e Daredevil (solo 3.5 milioni).

Spider-Man 2 Poster1Il 2004 fu l’anno di Spider-Man 2, l’atteso sequel sempre per la regia di Sam Raimi. L’attesa non fu vana in quanto la pellicola è la meglio recensita tra tutti i cinecomics Marvel, ed è considerata da molti un capolavoro. Il film incassò leggermente meno del predecessore negli USA ( se con meno intendiamo 373.6 milioni di dollari e ben 783 milioni globali!), ma in Italia l’incasso di Spider-Man è il più alto mai registrato per un cinecomic: quasi 19 milioni di euro, segnando anche il record come migliore esordio con 6.3 milioni!

Nel 2005 uscì il triste Elektra, evitabile spin-off di Daredevil con protagonista Jennifer Garner che incassò meno di 25 milioni di dollari negli USA e circa 1 milione di euro in Italia.
Ma quello fu anche l’anno de I Fantastici 4 , attesa trasposizione di uno dei fumetti Marvel più amati. Se i 154.6 milioni incassati negli USA sono ritenuti un discreto risultato, non si può dire lo stesso invece per l’incasso italiano: con 9 milioni di euro circa raccolti la pellicola rappresenta il maggior risultato dopo la saga di Spider-Man.

I 330 milioni di dollari raccolti a fronte di una spesa di 100 milioni portarono allo scontato sequel, I Fantastici 4 e Silver Surfer, che incassò sensibilmente meno: 132 milioni di dollari negli USA, 289 worldwide e 6.9 milioni di euro in Italia (un risultato in ogni caso non disprezzabile, anzi!).

Nel 2006 uscì l’ultimo capitolo della trilogia sui mutanti, X-Men: Conflitto Finale. La pellicola, questa volta diretta con molte riserve da Brett Ratner (visto che Bryan Singer aveva lasciato il timone per imbarcarsi nella regia di Superman Returns) ebbe molto successo sia negli USA, dove segnò ben 102 milioni di dollari nel weekend d’esordio (il 12° della storia) che diventarono 234.3 totali e 460 circa a livello globale. Come i precedenti film sui mutanti, il film ottenne un discreto ma non eccezionale incasso di 5.6 milioni di euro.

Il 2007 invece, a parte il dimenticabile Ghost Rider con Nicholas Cage (228 milioni di dollari totali, ma solo 2.9 milioni di euro in Italia), fu l’anno di Spider-Man 3, il terzo film più costoso della storia del cinema con ben 258 milioni di dollari di budget dichiarato. Le aspettative erano veramente troppo elevate per un film che alla fine divise critica e pubblico. Ma il successo al botteghino fu unanime: nel primo weekend USA incassò l’assurda cifra di 151.1 milioni di dollari in soli 3 giorni (battuta solo in seguito da Il Cavaliere Oscuro con 158 milioni) e in totale raccolse 336.5 milioni, il minore incasso tra gli Spider-Man. A livello globale il film invece rappresenta il maggiore incasso della trilogia di Sam Raimi con quasi 900 milioni di dollari totali (il 15° della storia del boxoffice).

In Italia, dopo l’ottimo esordio di 5.9 milioni di euro nel primo weekend (ma il film era uscito qualche giorno prima segnando il record per il miglior primo giorno con quasi 3 milioni di euro), la corsa della pellicola finì a 18 milioni di euro, poco sotto il suo ottimo predecessore.

Iron Man Teaser Poster  USA Nel 2008 uscì il sorprendente Iron Man, pellicola amatissima dalla critica e dal pubblico. Grazie alla perfetta incarnazione di Robert Downey Jr. nel ruolo di Tony Stark, che sembra costruito sulla sua pelle, la pellicola raccolse ben 318.4 milioni di dollari negli USA (dopo l’ottimo esordio di quasi 100 milioni), che diventano ben 585 milioni a livello globale! In Italia il film deluse parzialmente, con un discreto incasso di poco meno di 7 milioni. Siamo proprio curiosi di vedere quanto questo atteso sequel, la cui uscita viene celebrata anche con questo post, potrà incassare!

Nel giugno di quello stesso anno uscì anche The Incredible Hulk, tentativo di far dimenticare ai fan scontenti la pellicola di Ang Lee di qualche anno prima, sostituendo inoltre Eric Bana con Edward Norton. Purtroppo gli esiti al botteghino furono drammaticamente simili: 134.8 milioni di dollari negli USA, solo 263 milioni worldwide (a fronte di una spesa di ben 150 milioni!). In Italia incassò quasi la metà del suo predecessore, solo 3.9 milioni di euro, scontentando ancora una volta critica e fan.

L’anno scorso uscì un solo cinecomic Marvel, X-Men Origins: Wolverine, lo spin-off della saga degli X-Men basato sul suo personaggio più famoso, Wolverine interpretato con grande phisique du role da Hugh Jackman. Dopo i convincenti 85 milioni di dollari raccolti nel primo weekend USA, il film non ingranò la marcia giusta e l’incasso totale si fermò a 180 milioni circa, 373 globali. Una cifra inferiore alle aspettative (anche dei produttori visto l’esorbitante costo di 150 milioni), ma sufficienti a garantirne il sequel, la cui produzione dovrebbe partire entro l’anno prossimo.

Nelle prossime settimane concentreremo l’attenzione unicamente sulla corsa al botteghino di Iron Man 2, aggiornandovi costantemente sugli incassi italiani in questo suo weekend d’esordio, e su quelli americani a partire dal prossimo (esce negli USA infatti il 7 maggio).

Come potete vedere dall’Infographic il 2011 sarà l’anno di due attesissime trasposizioni: Thor, con la regia di Kenneth Branagh (altro kolossal d’autore? Farà assumere alla pellicola toni Shakespeariani?) e Capitan America, con Chris Evans protagonista e Joe Johnston alla regia (saprà fare meglio dei deludenti Wolfman e Jurassic Park 3?).
Nel 2012, fine del mondo permettendo, potremo godere sul grande schermo di una delle maggiori reunion di supereroi mai vista con I Vendicatori (The Avengers), la cui produzione sta ingranando proprio in questi mesi, mentre a luglio andremo criticamente al cinema a vedere il reboot di Spider-Man in 3D, con la regia di Marc Webb, visto che il progetto di Spider-Man 4 proposto da Sam Raimi è stato eliminato per favorire un nuovo inizio della saga dell’Uomo Ragno con un taglio più adolescenziale (e soprattutto con un budget meno oneroso).

Vi è piaciuto il nostro Infographic? E qual è il vostro cinecomic Marvel preferito?

Buon Marvel weekend a tutti!

LEGGI ANCHE

Gli studios ignorano le richieste sui protocolli sull’aborto dei creatori 11 Agosto 2022 - 18:03

Disney, Netflix, AppleTV+, NBCUniversal, Amazon, Warner Bros, Discovery e AMC Networks hanno risposto alla richiesta di rettificare il piano di sicurezza sull'aborto di più di mille creatori di Hollywood.

Cenerentola: il trailer del musical Amazon con Camila Cabello 3 Agosto 2021 - 20:20

La rilettura della classica fiaba arriverà su Amazon Prime Video il 3 settembre

Anche Zendaya reciterà nel Dune di Denis Villeneuve 30 Gennaio 2019 - 22:44

La giovane attrice lanciata da Spider-Man: Homecoming raggiungerà un cast davvero stellare!

Contest Scanner – Gioca e Vinci con L’estate addosso, Pets e Alla ricerca di Dory 11 Settembre 2016 - 17:00

Ecco i migliori concorsi / contest / giveaway legati al mondo del cinema e della televisione comparsi nel web negli ultimi giorni...

Guardiani della Galassia Vol. 3, il trailer spiegato a mia nonna 5 Dicembre 2022 - 15:15

Bowie, nuovi personaggi Marvel e tutto il resto che abbiamo trovato nel trailer di Guardiani della Galassia vol. 3.

Transformers: Il Risveglio, il trailer spiegato a mia nonna 5 Dicembre 2022 - 11:42

Chi è quel gorilla e da dove saltano fuori quei Transformers? E come si colloca questo nuovo capitolo rispetto a Bumblebee e ai film di Bay?

Black Panther: 15 momenti pazzeschi nella sua storia a fumetti 9 Novembre 2022 - 12:41

Per l'uscita in sala di Wakanda Forever, ricordiamo perché, se vuole, il Black Panther a fumetti è in grado di prendere a calci pure Superman.

L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI