L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 

La storia del Peplum, parte 6: Italia, 1958-1964

Di Marco Triolo

Parte 1 | Parte 2 | Parte 3 | Parte 4 | Parte 5

Siamo dunque arrivati nel vivo della nostra cronistoria del genere Peplum: oggi parliamo del “Peplum” propriamente inteso, quello prodotto in Italia negli anni tra il 1958 e il 1964, ovvero il periodo che va dal film Le fatiche di Ercole e l’avvento dello Spaghetti western, che pose fine al regno incontrastato di gladiatori e semidei.

Il riferimento allo Spaghetti western non è casuale: come in quel caso, anche il Peplum fu una forma di declinazione tutta italiana di un genere pre-esistente, importato dall’America. E come nel caso del Western, e del Poliziottesco che sarebbe arrivato ancora dopo, la saturazione di titoli portò infine al declino inesorabile del filone. Il già citato Le fatiche di Ercole (1958) di Pietro Francisci è considerato il capostipite del rinato filone, perché impose la figura del “forzuto protagonista” interpretato in questo caso dal mitico Steve Reeves. Subito, quella di ingaggiare un culturista – americano o italiano con nome d’arte inglese – divenne una delle principali caratteristiche del genere. Le fatiche di Ercole ottenne un ottimo successo a livello sia locale che internazionale, che l’anno successivo venne bissato con il seguito Ercole e la regina di Lidia.

Il Peplum inizialmente attirò ottime maestranze e budget considerevoli, permettendo di mettere in scena spettacoli quantomeno di buon livello. Registi come Mario Bava, Umberto Lenzi, Antonio Margheriti e Sergio Leone lasciarono la loro impronta nel filone. In particolare, quest’ultimo diresse uno dei più noti peplum: Il colosso di Rodi (1961).

Tra i culturisti che prestarono la loro fisicità (ma scarse capacità attoriali) agli eroi, ricordiamo Reg Park, Gordon Scott, Mark Forest, Brad Harris, Dan Vadis e Alan Steel (al secolo Sergio Ciani). Generalmente, vedevano l’eroe di turno conteso tra due donne: una la classica “damigella in pericolo”, l’altra una malvagia regina o despota che funzionava da femme fatale. Un po’ lo schema di Flash Gordon, ma anche del cinema noir.

Possiamo individuare quattro eroi principali, nel Peplum italiano: Ercole, Maciste, Ursus e Sansone. I più gettonati erano i primi due: di Ercole si produssero 19 film, tra gli anni ’50 e ’60, di Maciste addirittura 25. A questi, però, vanno sommati gli altri 27 prodotti negli anni ’10 e ’20, il che fa di Maciste in assoluto il protagonista più amato nella stagione dei “sandaloni”: tra i suoi film ricordiamo Maciste nella valle dei re (1960, Carlo Campogalliani), Maciste nella terra dei ciclopi (1961, Antonio Leonviola) e Maciste contro Ercole nella valle dei guai (1961, Mario Mattoli). Già dai titoli, si comprende uno dei problemi principali che affliggeva il filone, e che si sarebbe regolarmente ripresentato nei decenni e nei generi a venire: la ripetitività.

Oltre agli eroi mitologici, vale la pena di citare un’altra serie di film con protagonisti i gladiatori, tra cui vanno ricordati Spartaco (1953, Riccardo Freda), Il gladiatore di Roma (1962, Mario Costa), L’ultimo gladiatore (1964, Umberto Lenzi) e contaminazioni come Maciste il gladiatore più forte del mondo (1962, Michele Lupo).

Tra il ’60 e il ’65, venivano distribuiti circa 7-8 peplum all’anno. Tuttavia, più passavano gli anni, più la sovraesposizione creava un cortocircuito pericoloso per la sopravvivenza del filone: gli spettatori erano stanchi della solita minestra, e disertavano sempre più le sale, con la conseguenza di costringere i produttori a girare i film con budget inferiori. Meno soldi equivaleva a meno qualità e dunque meno spettatori. Gli ultimi tentativi per ravvivare una fiamma ormai tiepida videro alcuni accostamenti davvero bizzarri (l’improponibile Zorro contro Maciste di Lenzi) e tristi crossover (Ercole, Sansone, Maciste e Ursus gli invincibili di Giorgio Capitani). Quest’ultimo chiude il cerchio, diciamo così, nel 1964, che guarda caso è anche l’anno di Per un pugno di dollari. Bastarono un poncho e un sigaro per scrollare gli ultimi calcinacci dell’ormai defunto Peplum dalla memoria collettiva. Ma non era finita qui…

Nel prossimo appuntamento, parleremo del revival del genere negli anni ’80!

Cinema chiusi fino al 3 dicembre, QUI gli ultimi aggiornamenti.

#CinemaReloaded è un messaggio di ottimismo aperto a tutti per testimoniare, condividere e sostenere le iniziative di rilancio del cinema in sala. Scopri di più e aderisci sul sito Cinemareloaded.it.

Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perdervi tutte le news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale YouTube ScreenWeek TV. ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

LEGGI ANCHE

Animali Fantastici 3 – Mads Mikkelsen CONFERMATO nei panni di Grindelwald 25 Novembre 2020 - 23:28

Mads Mikkelsen confermato ufficialmente come nuovo interprete di Gellert Grindelwald in Animali Fantastici 3.

Maradona e il Cinema, i migliori film sul (e con il) Pibe de Oro 25 Novembre 2020 - 21:04

Il Pibe de Oro lascia un enorme vuoto nel mondo del calcio: ecco tutti i docu-film basate sulla vita di Maradona, insieme ad alcune pellicole che hanno ospitato il campione!

Disney Gallery: The Mandalorian, la stagione 2 potrebbe arrivare a Natale 25 Novembre 2020 - 20:45

La serie backstage di The Mandalorian potrebbe tornare subito dopo la conclusione della stagione 2

Small Soldiers (FantaDoc) 2 Novembre 2020 - 16:08

La storia dei soldati giocattolo di Joe Dante.

Universal Soldier – I nuovi eroi (FantaDoc) 16 Ottobre 2020 - 16:51

Storia di un clonazzo di Terminator per cui Van Damme e Dolph Lundgren sono arrivati a menarsi (per finta) a Cannes.

The Doc(Manhattan) Is In – Storie di guerra e di magia, il Game of Thrones dell’83 (più o meno) 26 Giugno 2020 - 15:45

Storia del semidimenticato Wizards and Warriors, serie fantasy anni 80 con vari personaggi in lotta per il controllo di un regno. Ricorda qualcosa?