L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 

Ricordate queste locandine?

Di Gabriele Farina

Vorrei fare un passo indietro e tornare ad un film (un ottimo film a dir la verità) del 2008.
Parlo di Martyrs, horror a tinte forti (si dice così…) di Pascal Laugier che ebbe anche un buon riscontro di pubblico.

Vorrei tornare a parlarne per un momento perchè mi sono tornate sott’occhio alcune delle locandine che lanciarono il film all’epoca.
Ve le ripropongo in questo post perchè a me sembrano di una fattura davvero notevole.

Martyrs Poster Francia

Per carità, capiamoci, niente di sorprendente o particolarmente innovativo, però ottime per promuovere un film duro e sporco come Martyrs.

In tutte ci sono innanzitutto le due splendide protagoniste, Mylène Jampanoï e Morjana Alaoui, belle, eleganti, ancora più accattivanti con i volti sporchi di terra e sangue (non mi prendete per maniaco ma di un horror stiamo parlando).
Volti e corpi sporchi, quindi, provati dalle torture, pieni di graffi e segni del dolore provato.
Capelli appiccicati al volto, pelle sudata e abbigliamento succinto.

Martyrs Poster Italia

Quello che non quadra dal punto di vista diegetico è che lo sguardo delle due ragazze più che terrorizzato sembra accattivante, conquistatore, da falsa vittima pronta a sbranarti.
Non quadra con la storia ma è perfetto per una locandina che deve portarti in sala.
Non c’è dubbio che quello sguardo (e quelle labbra tumide) siano lì pronte a conquistarti.

Solo la terza mostra uno sguardo diverso che racconta una storia più precisa.
Le ragazze si stringono, guardano in alto, hanno (questa volta si) gli occhi spaventati per quello che vedono, o che temono di vedere da un momento all’altro.
Delle quattro è la locandina più cupa, più oscura, più misteriosa, quella che promette un nero maggiore, una scatola senza via d’uscita, una minaccia ossessiva e pressante.

Martyrs Poster USA

Intorno alle due ragazze… nulla.
L’immagine sfuma sempre in un nero inquietante che non fa capire dove siano, cosa le circonda, quale sia la minaccia.
Solo in una delle locandine si vede un fucile… che però è in mano ad una delle ragazze.
Intuiamo quindi che ci sia una difesa, una fuga forse, un tentativo di sfuggire quell’orrore che, è evidente, incombe sulle due.

Discorso a parte merita l’ultima locandina, quella che ci mostra la ragazza incatenata, bloccata (?) su una sedia ed impossibilitata (probabilmente) a  muoversi.
Questa volta si che l’urlo di terrore è devastante, disperato, senza via d’uscita.
Qui manca completamente la forza di organizzare una rivolta, una reazione capace di portare alla libertà.
E a me sembra naturale chiedersi se questo momento del film arriva prima o dopo la fuga col fucile, se c’è una speranza o se le due sono destinate a soccombere.
E perchè poi è da sola?

Martyrs Poster Italia

Mi piacerebbe sapere il vostro parere.
Ricordavate queste locandine (il film immagino di si)?
Cosa avete pensato quando le avete viste e come vi sembrano oggi?
E naturalmente… quale vi sembra la più efficace delle quattro?


SEGUICI SU TWITCH!

ASCOLTA I NOSTRI PODCAST!

Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perdervi tutte le news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale YouTube ScreenWeek TV. ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

LEGGI ANCHE

Il produttore Scott Rudin lascia tutti i suoi progetti dopo le accuse di abusi ai dipendenti 20 Aprile 2021 - 21:30

Il mega-produttore, premio Oscar per Non è un paese per vecchi, ha fatto un passo indietro dopo una serie di pesanti accuse

Ted Lasso: la seconda stagione dal 23 luglio su Apple TV+, ecco il trailer! 20 Aprile 2021 - 20:53

Apple TV+ ha diffuso il trailer della seconda stagione di Ted Lasso, la serie sportiva interpretata e creata da Jason Sudeikis.

Cannes 2021: confermati The French Dispatch e Benedetta di Paul Verhoeven 20 Aprile 2021 - 20:45

I nuovi film di Wes Anderson e Paul Verhoeven, già selezionati l'anno scorso, verranno presentati sulla Croisette

Chi è Shang-Chi, il Bruce Lee del Marvel Universe 20 Aprile 2021 - 9:22

Storia di Shang-Chi, un eroe Marvel figlio di Bruce Lee, della TV... e della DC Comics. Eh?

Spider-Man: No Way Home, come fa a tornare il Dottor Octopus di Molina? (Non era morto?) 19 Aprile 2021 - 11:07

Laddove "morto", nei fumetti (e ora per estensione nei film) di super-eroi non vuol dire in effetti nulla di serio.

Il film di Gundam: la seconda (ma in realtà terza, e pure quarta) sortita live action del Mobile Suit Bianco 15 Aprile 2021 - 17:00

Storia breve di come un anime flop è diventato uno dei simboli pop più celebri del Giappone e un'industria pazzesca. E delle paure che un film hollywoodiano ora si porta dietro.