L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 

Oscar 2010: ecco i vincitori!

Di Marco Triolo

E’ stata la notte di The Hurt Locker, che ha spazzato gli Academy Awards portandosi a casa ben 6 statuette e soprattutto sconfiggendo ALLA GRANDE il rivale Avatar, che come sapete è diretto dall’ex-marito della regista di Hurt Locker, Kathryn Bigelow, che si è presa una bella rivincita. D’altra parte, James Cameron già ha stravinto con Titanic, perciò non ha di che lamentarsi.

Dispiace vedere totalmente snobbato Tra le nuvole – manco ha avuto il premio per la sceneggiatura non originale, che è andato invece a Precious – e Tarantino, che quest’anno meritava per la sceneggiatura. Siamo invece contenti di vedere l’italiano Mauro Fiore vincere per la fotografia di Avatar (che ottiene anche l’Oscar per gli effetti visivi e per l’art direction). Sandra Bullock nello stesso giorno si porta a casa un Razzie e un Oscar! Bando alle ciance e diamo un’occhiata alla lista di winners:

Film: The Hurt Locker

Regia: Kathryn Bigelow (The Hurt Locker)

Attore protagonista: Jeff Bridges (Crazy Heart)

Attrice protagonista: Sandra Bullock (The Blind Side)

Attore non protagonista: Christoph Waltz (Bastardi senza gloria)

Attrice non protagonista: Mo’Nique (Precious)

Sceneggiatura originale: Mark Boal (The Hurt Locker)

Sceneggiatura non originale: Geoffrey Fletcher (Precious)

Film d’animazione: Up

Film straniero: El secreto de sus ojos (Argentina)

Art direction: Avatar

Fotografia: Mauro Fiore (Avatar)

Documentario: The Cove

Documentario (corto): Music by Prudence

Corto animato: Logorama

Corto live-action: The New Tenants

Effetti visivi: Avatar

Costumi: The Young Victoria

Trucco: Star Trek

Montaggio: The Hurt Locker

Sound mixing: The Hurt Locker

Montaggio sonoro: The Hurt Locker

Colonna sonora originale: Michael Giacchino (Up)

Canzone originale: The Weary Kind (Crazy Heart)

Un paio di altre riflessioni: Michael Giacchino, considerato uno dei migliori compositori attualmente in attività, ha vinto il suo primo Oscar con Up. Lost d’ora in avanti si fregerà di un vincitore di Oscar tra le sue fila! Star Trek è riuscito a ottenere almeno una statuetta per il trucco, la prima in assoluto per la franchise, soffiandola a Il divo di Sorrentino. Stupisce invece la scelta di premiare El secreto de sus ojos come miglior film straniero, preferendolo a Il nastro bianco e soprattutto Il profeta, dato praticamente per certo. Certo, non si può avere tutto, e in generale si tratta di una serie di vittorie abbastanza predette. Ora, a voi lo spazio dei commenti. Fateci sapere le vostre impressioni!


SEGUICI SU TWITCH!

ASCOLTA I NOSTRI PODCAST!

Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perdervi tutte le news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale YouTube ScreenWeek TV. ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

LEGGI ANCHE

Il produttore Scott Rudin lascia tutti i suoi progetti dopo le accuse di abusi ai dipendenti 20 Aprile 2021 - 21:30

Il mega-produttore, premio Oscar per Non è un paese per vecchi, ha fatto un passo indietro dopo una serie di pesanti accuse

Ted Lasso: la seconda stagione dal 23 luglio su Apple TV+, ecco il trailer! 20 Aprile 2021 - 20:53

Apple TV+ ha diffuso il trailer della seconda stagione di Ted Lasso, la serie sportiva interpretata e creata da Jason Sudeikis.

Cannes 2021: confermati The French Dispatch e Benedetta di Paul Verhoeven 20 Aprile 2021 - 20:45

I nuovi film di Wes Anderson e Paul Verhoeven, già selezionati l'anno scorso, verranno presentati sulla Croisette

Chi è Shang-Chi, il Bruce Lee del Marvel Universe 20 Aprile 2021 - 9:22

Storia di Shang-Chi, un eroe Marvel figlio di Bruce Lee, della TV... e della DC Comics. Eh?

Spider-Man: No Way Home, come fa a tornare il Dottor Octopus di Molina? (Non era morto?) 19 Aprile 2021 - 11:07

Laddove "morto", nei fumetti (e ora per estensione nei film) di super-eroi non vuol dire in effetti nulla di serio.

Il film di Gundam: la seconda (ma in realtà terza, e pure quarta) sortita live action del Mobile Suit Bianco 15 Aprile 2021 - 17:00

Storia breve di come un anime flop è diventato uno dei simboli pop più celebri del Giappone e un'industria pazzesca. E delle paure che un film hollywoodiano ora si porta dietro.