L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 

Colpo di fulmine: il look giusto ha bisogno degli ambienti adatti

Di Filippo Magnifico

Colpo di fulmine - Il mago della truffa Jim Carrey Foto Dal Film 02

Il nostro viaggio all’interno di Colpo di fulmine – Il mago della truffa, pellicola con Jim Carrey e Ewan McGregor, ci porta oggi alla scoperta delle location che hanno fatto da sfondo alla storia. Una scelta fondamentale per definire il look della pellicola

Quando si è arrivati a pensare ai mondi diversissimi attraversati da Steven Russell, protagonista del film, i registi Glenn Ficarra e John Requa si sono rivolti allo scenografo Hugo Luczyc-Wyhowski che ha lavorato in diversi film diretti dal regista inglese Stephen Frears. “Hugo realizza delle scene molto realistiche, cosa che per me era estremamente importante”, dice il produttore Andrew Lazar. “Abbiamo parlato dei diversi stili e alla fine abbiamo deciso che il realismo fosse la cosa migliore”, aggiunge Ficarra, che spiega che lui e John volevano ottenere umorismo dai personaggi, ma non dall’ambientazione. “Hugo si è impegnato a fondo perché tutto fosse realistico, perché, ha detto, ‘avete già abbastanza stravaganze nella storia e non necessario spingersi troppo oltre’” racconta Requa a proposito delle loro prime chiacchierate su location e scene.
La produzione ha trascorso le prime due settimane a Miami per ricreare i momenti di incursione di Russell nel mondo dei gay della metà degli anni ‘80, quando incontra il suo primo amore importante, Jimmy Kemple, interpretato da Rodrigo Santoro. “E’ stato il primo posto in cui è andato quando ha deciso di vivere apertamente la sua omosessualità”, dice Ficarra. “E’ stato tipo, ‘Devo essere favoloso’ e ha trovato un posto in cui esserlo. Allora era davvero un posto eccitante in cui andare e lui si trovava lì, alla vigilia della massiccia uscita allo scoperto della popolazione gay”.
All’arrivo a Miami, Il costumista David C. Robinson ha immediatamente colto quella vibrazione latina che ha poi influenzato il suo lavoro nella realizzazione dei costumi per il personaggio di Rodrigo Santoro. “Quando l’hanno scritturato, ho pensato che fosse perfetto visto che all’epoca conoscevo innumerevoli coppie gay formate da un bianco robusto e da un latino” ricorda Robinson a proposito del suo lavoro con il rubacuori brasiliano, meglio conosciuto negli USA come il Serse di 300. “Improvvisamente Versace aveva un senso per me; guardando quei bei ragazzi latini con le sue camicie griffate addosso pensi ‘certo, ha assolutamente senso’. Non c’è da meravigliarsi se Gianni le aveva date tutte a quei bei fusti latini sulla spiaggia”.

Lazar si è divertito a guardare le prime foto scattate dai paparazzi dei giornali di tutto il mondo di Jim Carrey e Rodrigo Santoro che passeggiano lungo Collins Avenue, con Carrey che impersona uno sgargiante Steven Russell ormai gay. “Quando leggi il romanzo, apprendi un po’ dei retroscena del periodo iniziale in cui Steven entra a far parte del mondo gay e lascia in un certo senso che i suoi amici lo istruiscano” dice Robinson. “Essendo cresciuto come un poliziotto in Virginia, ovviamente non ne sa molto di moda, ma era stato probabilmente informato del fatto che non fosse imbarazzante nella comunità gay indossare abiti veramente eccentrici. Quelli sono i pochi momenti in cui percepisci lui e il suo essere un po’ a disagio nel mondo gay”.

La maggior parte del film si svolge in Texas, nelle prigioni e attorno ai centri di detenzione, perciò i produttori avevano bisogno di uno Stato che fosse molto aperto alla possibilità di girare in questo tipo di location.
La Louisiana confina con il Texas e si è dimostrata una perfetta sostituta. La produzione ha avuto per le riprese una libertà di accesso senza precedenti a prigioni e centri di detenzione in tutte le contee di New Orleans, in parte grazie a un arresto dei lavori di ricostruzione dopo l’uragano Katrina.

Per un viaggio ESCLUSIVO all’interno di questa pellicola, non dimenticate di dare un’occhiata al poster italiano, al cartonato, ai primi 9 minuti del film e al trailer italiano.

SEGUICI SU TWITCH!

ASCOLTA I NOSTRI PODCAST!

Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perdervi tutte le news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale YouTube ScreenWeek TV. ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

LEGGI ANCHE

Box Office: Detective Conan: The Scarlet Bullet primo in Cina e in Giappone, incassa $25M nel mondo 17 Aprile 2021 - 21:25

Detective Conan: The Scarlet Bullet debutta in più di 22 paesi nel mondo, al primo posto in Cina e in Giappone. L'incasso globale è di $25 milioni

Il cosmonauta – Anche Carey Mulligan nel film Netflix con Adam Sandler 17 Aprile 2021 - 20:00

Carey Mulligan sarà la protagonista femminile de Il cosmonauta, adattamento dell'omonimo romanzo di Jaroslav Kalfar, realizzato per Netflix.

Non riuscite a dormire? Questa nuova serie Netflix potrebbe aiutarvi! 17 Aprile 2021 - 19:00

A partire dal 28 aprile sarà disponibile su Netflix una nuova serie nata con uno scopo: farvi dormire!

Il film di Gundam: la seconda (ma in realtà terza, e pure quarta) sortita live action del Mobile Suit Bianco 15 Aprile 2021 - 17:00

Storia breve di come un anime flop è diventato uno dei simboli pop più celebri del Giappone e un'industria pazzesca. E delle paure che un film hollywoodiano ora si porta dietro.

MCU: chi sono e da dove vengono Ayo e le altre Dora Milaje di Wakanda 14 Aprile 2021 - 9:27

Le origini nei fumetti Marvel (e la storia VERA) delle Dora Milaje di Black Panther, riapparse ora in The Falcon and the Winter Soldier.

LOL – Chi ride è fuori, i comici italiani e la TV giapponese 9 Aprile 2021 - 14:37

Si è concluso ieri su Amazon Prime Video LOL, chi ride è fuori, game show a puntate che ha suscitato polemiche e discussioni su cosa fa ridere e cosa no.