L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 

Paranormali polemiche all’italiana

Di Leotruman

Paranormal Activity era già un caso prima di arrivare in Italia. Potevamo perdere noi italiani l’occasione di gettare benzina sul fuoco di un film già povero di suo (e non parlando solo di budget)? Ovviamente no.

Paranormal Activity Foto Dal Film 22

Ieri tutti i principali quotidiani riportavano la notizia di malori (tremori, vomito, attacchi di panico) riferiti durante il film o dopo la visione da parte di alcuni minori, in particolar modo ragazzine, che hanno portato a “decine” di richieste di intervento al 118 nell’area di Napoli.

Interviene a tempo record il Codacons che afferma: “Ci sono gli estremi per ricorrere ad “azioni legali”. I casi accertati di attacchi di panico e gli altri effetti psicologici registrati nei minorenni, legati alla visione della pellicola, dimostrano chiaramente l’esigenza di vietarne la visione ad un pubblico di età inferiore ai 18 anni”. Tra l’altro, spiega l’associazione, “i minorenni che in questi giorni hanno subito effetti legati alla visione del film, quali attacchi di panico, tremori, vomito, stato di choc, potrebbero richiedere il risarcimento dei danni in tribunale”. Critico anche il Movimento genitori, convinto della necessità di “rivedere le modalità di giudizio con cui vengono assegnati i divieti”. Il film ha scomodato addirittura il Ministro Bondi che “si riserva una verifica sul film in questione” e di adottare “provvedimenti necessari per tutelare i bambini”.

Le considerazioni da fare sono su due livelli differenti.

Il primo riguarda il sistema di censura italiano. Si citano molto i sistemi esteri ma a volte si dimentica di ricordare che il visto americano R (restricted) dato alla pellicola non si traduce in un divieto ai minori, ma ne impedisce la visione ai minori di 17 anni se non accompagnati da un adulto.  Lo stesso visto è stato dato lo scorso anche al vincitore di 8 premi Oscar The Millionaire, arrivato da noi senza divieti e senza scandalizzare nessuno. Per non parlare invece de La Passione di Cristo, sconsigliata o vietata ai minori di tutto il mondo per le scene di cruda e realistica violenza, mentre in Italia gli venne assegnato un bel “bollino verde”, forse proprio per evitare che negli anni a venire non si potesse vedere in televisione la sera di Pasqua (se un film viene vietato ai minori di 14 anni in Italia non può essere trasmesso prima delle 23, se viene vietato ai minori di 18 non può essere trasmesso in televisione, a meno di tagli).

Paranormal Activity Foto Dal Film 21

Chi ha visto Paranormal Activity forse sorride di queste polemiche in quanto sa bene che non si vede una goccia di sangue in tutto il film, anzi non si vede proprio niente (neanche la recitazione)! Ma “il forte contenuto ansiogeno” dovrebbe bastare per assegnare il VM14, come avvenuto ad esempio per Brokeback Mountain a causa della casta scena di sesso omosessuale?

Se si vuole prendere spunto da quest’episodio per cercare di riformare il nostro sistema di censura, fornendolo di regole chiare, standardizzate e applicabili con la stessa misura a tutte le pellicole in esame, ben venga la riforma. Ma se si vuole fare solo la caccia alle streghe a puntate, come spesso accaduto in passato, queste sterili polemiche non serviranno a niente, se non ad attirare ulteriore attenzione al film.

E qui veniamo alla seconda considerazione. Quanto c’è di reale in tutto questo e quanto può essere stato architettato ad opera d’arte per pubblicizzare ulteriormente la pellicola? Visto il successo della campagna di marketing precedente all’uscita del film, che si è tramutato nel più alto incasso per un film horror al suo weekend d’esordio (3.7 milioni di euro), sinceramente non ce la si sente di affermare che c’è “puzza di bruciato”. Le polemiche in Italia nascono soprattutto dalla voglia che hanno gli esponenti politici (e non) di “urlare” la propria opinione in qualsiasi campo e su qualsiasi tema. Ma secondo voi Alessandra Mussolini avrà visto il film?

Sicuramente Filmauro sta ringraziando…

#CinemaReloaded è un messaggio di ottimismo aperto a tutti per testimoniare, condividere e sostenere le iniziative di rilancio del cinema in sala. Scopri di più e aderisci sul sito Cinemareloaded.it.

Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perdervi tutte le news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale YouTube ScreenWeek TV. ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

LEGGI ANCHE

Zack Snyder’s Justice League – Jared Leto riprende i panni del Joker 21 Ottobre 2020 - 22:24

Jared Leto riprende i panni del Joker durante le riprese aggiuntive di Zack Snyder's Justice League, la miniserie di quattro ore in arrivo su HBO Max nel 2021

Il bandito e la madama diventa una serie TV creata da David Gordon Green 21 Ottobre 2020 - 21:30

Il cult movie anni '70 con Burt Reynolds tornerà in una serie prodotta anche da Seth MacFarlane

Nuvole: sabato 24 ottobre un concerto virtuale per il film targato Disney+ 21 Ottobre 2020 - 20:45

Nuvole: il virtual concert, il tributo musicale virtuale al Disney+ Original movie e all’eredità di Zach Sobiech, sarà trasmesso in live streaming su Facebook sabato 24 ottobre alle 20.00.

Universal Soldier – I nuovi eroi (FantaDoc) 16 Ottobre 2020 - 16:51

Storia di un clonazzo di Terminator per cui Van Damme e Dolph Lundgren sono arrivati a menarsi (per finta) a Cannes.

The Doc(Manhattan) Is In – Storie di guerra e di magia, il Game of Thrones dell’83 (più o meno) 26 Giugno 2020 - 15:45

Storia del semidimenticato Wizards and Warriors, serie fantasy anni 80 con vari personaggi in lotta per il controllo di un regno. Ricorda qualcosa?

7 cose che forse non sapevate su Capitan Planet e i Planeteers 19 Giugno 2020 - 15:45

Sette cose che forse non sapevate su Capitan Planet e i Planeteers, un super-eroe contro l’inquinamento (e gli altri mali del mondo).