L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 

Paranormal Activity, la recensione in anteprima

Di Gabriele Niola

Paranormal Activity Poster ItaliaRegia: Oren Peli
Cast: Amber Armstrong, Katie Featherston, Mark Fredrichs, Randy McDowell, Ashley Palmer, Micah Sloat
Durata: 99 minuti
Anno: 2007

Preceduto da una campagna pubblicitaria di quelle che creerebbero aspettative esagerate anche per Nosferatu di Murnau vedere Paranormal Activity è un esercizio di astrazione dal dibattito mediatico. Io, ve lo dico prima ancora di cominciare con le opinioni, agli horror mi metto paura mediamente e mi è sempre sembrato l’atteggiamento più ragionevole nei confronti di questo genere.

E paura Paranormal Activity ne mette. Non come si dice nelle varie tagline “da non dormire più” o “da tremare fisicamente”, paura immediata e basta. Da un altro lato il film è anche un esempio di cinema intelligente, scaltro e molto consapevole dei meccanismi di assimilazione delle immagini da parte del pubblico.
Girato con un budget ridicolo, nello stesso appartamento dell’autore, con l’attrezzatura che si vede più volte inquadrata il film non ha il denaro per mostrare nulla e di fatto non lo fa cercando però comunque di guidare l’immaginazione dello spettatore.

Se infatti non mostrare l’orrore è una vecchissima tecnica della paura Oren Peli fa un passo più in avanti suggerendo alcune immagini o figure, le uniche mostrate allo spettatore e quindi il solo riferimento possibile all’immaginazione.
Orchestrare un racconto intorno alla cattura di un’immagine dell’invisibile rischia di lasciare troppa libertà all’immaginazione di chi guarda, che può rivelarsi in alcuni casi eccessivamente povera (il problema di The Blair Witch Project), Oren Peli invece ogni tanto lancia qualche indizio, mostra il video di un esorcismo e delle immagini demoniache prese da libri illustrati, ma senza soffermarsi troppo, lasciando che le immagini da sole si sedimentino e facciano il lavoro.

Il resto del lavoro poi lo fa una costruzione della paura tanto lenta quanto inesorabile che, sebbene sfiori il ridicolo in certi punti, ricalca molto da vicino la scansione dell’horror canonico, quella per la quale i protagonisti si vanno a cercare la morte generando nello spettatore una continua e proficua tensione tra l’immedesimazione e la repulsione.
Paranormal Activity è un horror minimale, non solo a basso budget, un film di paura dove questa si annida in pochissimi gesti, suoni ed eventi ben dosati e caricati di significato. Per questo un horror intelligente e degno di rispetto.

Il film ha 2-3 finali, tutti disponibili non senza fatica su YouTube. Quello che si vede al cinema è l’ultimo, imposto dalla produzione (si dice da Spielberg stesso), e mi sembra il più efficace in termini di paura anche se forse è il meno coerente con il resto dello stile del film. Più in linea appare essere il primo, quello che coinvolge la polizia, mentre nè carne nè pesce il secondo, quello che tira in ballo un coltello da cucina.

Truffa o paura? Il successo è tutto frutto del marketing o c’è del vero nelle molte tagline che si susseguono. Siamo davanti al miglior horror degli ultimi anni? Qui le altre critiche

Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perdervi tutte le news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale ScreenWeek TV. ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

LEGGI ANCHE

Il Primo Natale, Che fine ha fatto Bernadette? e La fantastica signora Maisel (Il Podcast Senza Nome #9) 14 Dicembre 2019 - 11:00

Francesco "Frank" Lotta, Tabata Caldironi e Filippo Magnifico parlano de Il Primo Natale, Che fine ha fatto Bernadette? e della serie Amazon La fantastica signora Maisel.

Box Office Italia: Il Primo Natale sempre in testa 14 Dicembre 2019 - 10:00

Il primo Natale continua a dimostrarsi il favorito del pubblico. Seguono L'immortale e Frozen 2 - Il segreto di Arendelle.

Regali di Natale last minute: 10 idee per patiti di Cinema 14 Dicembre 2019 - 9:00

Anche voi avete un amico patito di cinema? Se la risposta è sì, ecco alcune idee regalo che potrebbero tornarvi utili. Oggetti interessanti, legati a titoli o nomi di culto, che si duramente non passeranno inosservati...

Super Mario Bros., il film (FantaDoc) 13 Dicembre 2019 - 11:13

La storia del film di Super Mario Bros. e di cosa ha trasformato un progetto ambizioso in un "fot*uto" incubo" per tutti quelli che vi hanno preso parte.

THE DOC(MANHATTAN) IS IN – Highlander, la Serie TV 11 Dicembre 2019 - 14:45

La storia dell'altro Highlander, quello televisivo con Duncan MacLeod e il suo look da Fiorello ai tempi del Karaoke.

7 cose che forse non sapevate su Vultus V 10 Dicembre 2019 - 19:49

Sette curiosità su Vultus V, il robot giapponese che, tra le altre cose, ha fatto incavolare un dittatore.