L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 

E’ complicato: scenografie e giochi di luce

Di Filippo Magnifico

Its Complicated Foto Dal Set 21

Dopo aver fatto la conoscenza di John Krasinski, torniamo a parlare di E’ complicato, il nuovo film diretto da Nancy Meyers, in arrivo nelle nostre sale il 19 marzo. Nello specifico di stratta di un giretto sul set, alla ricerca dei segreti delle scenografie di questo lungometraggio.

Lo scenografo Jon Hutman e la sua squadra hanno trascorso mesi in un enorme teatro negli studios di Greenpoint, a Brooklyn, a costruire il set che sarebbe servito come interno della casa di Jane. La regista è sempre meticolosamente coinvolta nella creazione del look dei suoi film, e questa è stata una delle sue parti preferite del periodo di pre-produzione. Il processo è iniziato presto perché la Meyers aveva raccolto delle foto rappresentative che l’avevano colpita e le erano sembrate appropriate. Le ha mostrate a Hutman e alla costumista Sonia Grande per solleticare la loro creatività e arrivare alla fine ad uno stile organico e integrato. Il lungo avanti e indietro tra la Meyers e il collaboratore di vecchia data Hutman è stato fruttuoso.
Ho spedito le foto a Jon” spiega la regista, “e anche lui ha mandato a me delle immagini. Credo che il modo in cui le persone vivono dica molto sul loro conto, per questo io sono molto attenta e dettagliata su cosa c’è su un tavolo. Di solito cammino intorno al set e dico ‘Secondo voi lei starà veramente leggendo questo libro?’ Jon è incredibilmente collaborativo. Abbiamo fatto e disfatto e lui ha tenuto le porte aperte a tutti gli altri reparti. Lui è instancabile e le mie idee sono continuamente in evoluzione, per questo Jon è per me la persona giusta con cui lavorare, perché lui non chiude mai.
Nancy, forse più di ogni altro regista con cui io abbia lavorato, arriva con una visione chiara e specifica del mondo in cui si svolge la storia” dice Hutman. “Questa chiara idea visiva diventa il fondamento sul quale cominciamo a trovare le location, progettare i set e creare il look del film. La cosa buona è che Nancy parla la lingua dei colori, delle forme e dei materiali. E’ molto chiara su quello che vuole e io amo la nostra collaborazione.
Nel caso di E’ complicato, la Meyers ha capito molto presto che era importante che l’arancione giocasse un ruolo prominente nella combinazione dei colori, “perché è il colore dominante a Santa Barbara” spiega. “Tutti quei tetti di tegole rosse che, sullo sfondo del cielo, creano un ricco e splendente arancione. Volevo che questo continuasse all’interno della casa di Jane. Volevo molti colori di terra per portare l’esterno all’interno, perché gran parte del film si svolge dentro la casa. Volevo che la California del Sud continuasse a vivere anche all’interno.
Hutman ha contribuito a creare un’eleganza visiva che si allarga a tutti gli altri sensi; il pubblico può quasi sentire con il tatto le superfici della cucina di Jane, odorare le erbe nel suo giardino e gustare le favolose paste del suo negozio. “Volevamo far fare al pubblico l’esperienza di cosa significa vivere in questa parte di California” dice Hutman. “Santa Barbara è un posto meraviglioso… e noi abbiamo provato a catturare molte delle cose che lo rendono speciale. Far sentire al pubblico com’è stare a Santa Barbara vuol dire aiutarlo a identificarsi con questi personaggi.
Il processo di creare questi ambienti scenici è stato lungo e intenso, ma alla fine gratificante sia per Hutman che per la regista. “Potevo fare la casa come la volevo io e ci sono registi che sarebbero soltanto arrivati e avrebbero iniziato a girare” dice Hutman. “Ma per Nancy, la casa è un personaggio importante del film, e il mio lavoro non è finito fino a che non le ho dato quello che voleva. Se facciamo bene il nostro lavoro alla fine creiamo qualcosa che, per il pubblico, è molto più interessante da scoprire.

E’ complicato si immerge nella realtà della vita dopo il divorzio. La storia è quella di una coppia divorziata da un decennio – Jane e Jake Adler – che si ritrova ad inciampare sul terreno minato, comico e pieno di emozioni, di una relazione clandestina, mentre l’affascinante ma riservato Adam lotta per voltare pagina dopo un doloroso divorzio. Cogliamo l’occasione per ricordarvi che su Facebook potete trovare la Pagina Ufficiale del film, gestita da noi.

Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perdervi tutte le news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale ScreenWeek TV. ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

LEGGI ANCHE

Carnival Row – Una featurette ci porta alla scoperta delle scenografie 17 Settembre 2019 - 14:15

Amazon ha pubblicato una featurette dedicata alle scenografie di Carnival Row, la serie thriller/fantasy uscita di recente su Prime Video.

No Time to Die: ben tre Aston Martin sul set di 007 a Matera 17 Settembre 2019 - 13:15

Ben tre Aston Martin nelle nuove foto dal set di Matera di No Time to Die, il prossimo capitolo della saga 007 attualmente in lavorazione.

Sophie Turner con Corey Hawkins in Survive: sarà il suo primo ruolo televisivo dopo Game of Thrones 17 Settembre 2019 - 12:30

Sophie Turner torna sul piccolo schermo dopo l'epilogo di Game of Thrones: sarà co-protagonista di Survive, serie Quibi con Corey Hawkins.

StreamWeek: giù, nella tana del bianconiglio, con Undone 16 Settembre 2019 - 11:32

A qualcuno piace Caldo, City on a Hill e Undone nel nuovo episodio di StreamWeek, la nostra guida alle novità proposte dalle varie piattaforme di streaming.

La storia di Dune (FantaDoc) 12 Settembre 2019 - 16:28

Il lungo e tortuoso percorso che ha portato il Dune di David Lynch, con il suo cast pieno di stelle, a diventare un grandissimo successNO.

THE DOC(MANHATTAN) IS IN – Lancillotto 008 11 Settembre 2019 - 12:15

Dare tutto un altro significato all'espressione "monkey business": gli scimpanzé agenti segreti di Lancillotto 008.