L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 

Anthony Hopkins, un uomo d’azione d’altri tempi

Di

Hollywood ha un modo tutto suo di considerare gli attori britannici e la lingua che parlano. Nei decenni le convenzioni del cinema hanno fatto sì che per tutto ciò che ha a che vedere con i racconti in costume si prediligesse l’attore britannico. Un po’ per lo stile teatrale di recitazione, un per l’aplomb d’altri tempi e un po’ perchè, per motivi linguistici, ad Hollywood sembrano identificare negli inglesi lo spirito americano di quando l’America ancora non esisteva.
Questo diventa ancora più vero quando si tratta di attori inglesi di una certa età come è oggi Anthony Hopkins.

Formatosi con una rigidissima gavetta e prima parte di carriera nel teatro shakespeariano come si conviene in Gran Bretagna quello che da tempo è diventato sir Anthony Hopkins arriva ad Hollywood con un ruolo da protagonista grazie al preoccupante duo David Lynch/Mel Brooks i quali lo vogliono come protagonista in The Elephant Man, la prima grande produzione del regista di Eraserhead.
The Elephant Man lo strappa ad una carriera avviata più che altro nella televisione britannica (là dove non è teatro) ma stranamente non riesce a regalargli una seconda vita ad Hollywood. Dopo aver partecipato nel 1980 al film di Lynch Hopkins torna infatti al cinema britannico (poco) e alla televisione (tanta), anche italiana interpretando Galeazzo Ciano in Io e il Duce. Troppo presto forse.

A portarlo definitivamente in America sarà prima Michael Cimino con l’omonimo remake di Ore Disperate e poi l’uomo che lo consacrerà: Jonathan Demme. E’ Demme infatti che trovandosi a dover portare sullo schermo per la seconda volta un racconto di Harris intitolato Il Silenzio Degli Innocenti decide, per il personaggio di Hannibal Lecter, di non puntare sull’attore che l’aveva già interpretato in Manhunter ma proprio su Hopkins e sulla sua fisionomia apparentemente rassicurante. Il resto è storia. Lecter diventa ufficialmente Hopkins e Hopkins per molto tempo diventa Lecter, vincolato non tanto a ruoli da serial killer quanto a parti da grande intellettuale, uomo raffinato e d’altri tempi come in Quel che resta del giorno.

A riportarlo a ruoli più vari sarà prima Morti di salute, che ne mostra le doti comiche, e poi Vento di Passioni. Da lì in poi interpreta i ruoli più vari, tornando di quando in quando a vestire i panni del cannibale, e finendo (solo per opera del tempo) ad incarnare il vecchio saggio e forte. Nonostante le apparenze infatti, lo sguardo fiero e torvo, il collo taurino e le mani nodose di Hopkins lo rendono perfetto per ruoli muscolari di uomini duri (o induriti).

Ora con Wolfman Hopkins torna a fare l’uomo d’azione di un altro tempo, cosa che è stata sempre un punto fermo della sua carriera. Dopo essere stato Van Helsing nel Dracula di Bram Stoker girato da Coppola, dopo aver vestito i panni dello Zorro originale nel film con Antonio Banderas e dopo aver partecipato a Titus, Alexander e Beowulf torna ad incarnare la vecchia guardia di un mondo dove è facile morire e si prepara per il ruolo di Odino nell’incombente Thor.

#CinemaReloaded è un messaggio di ottimismo aperto a tutti per testimoniare, condividere e sostenere le iniziative di rilancio del cinema in sala. Scopri di più e aderisci sul sito Cinemareloaded.it.

Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perdervi tutte le news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale YouTube ScreenWeek TV. ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

LEGGI ANCHE

Jennifer Lopez e Armie Hammer nell’action-comedy Shotgun Wedding 27 Ottobre 2020 - 21:30

Nel film di Jason Moore (Pitch Perfect) un matrimonio finirà deragliato quando tutti verranno presi in ostaggio

Godzilla – Punto di singolarità: Teaser dell’anime BONES x Orange, su Netflix nel 2021 27 Ottobre 2020 - 21:06

Teaser, visual e staff dell'anime Godzilla - Punto di singolarità, una co-produzione BONES x Orange, in arrivo su Netflix nel 2021. Il design è di Kazue Kato l'autrice di Blue Exorcist, quello dei Kaiju di Eiji Yamamori, il grande animatore dello Studio Ghibli

Freaky: nuovo trailer per l’horror con Kathryn Newton e Vince Vaughn 27 Ottobre 2020 - 21:00

Ecco il nuovo trailer di Freaky, pellicola horror diretta da Christopher Landon, dopo Auguri per la tua morte e il suo sequel.

Universal Soldier – I nuovi eroi (FantaDoc) 16 Ottobre 2020 - 16:51

Storia di un clonazzo di Terminator per cui Van Damme e Dolph Lundgren sono arrivati a menarsi (per finta) a Cannes.

The Doc(Manhattan) Is In – Storie di guerra e di magia, il Game of Thrones dell’83 (più o meno) 26 Giugno 2020 - 15:45

Storia del semidimenticato Wizards and Warriors, serie fantasy anni 80 con vari personaggi in lotta per il controllo di un regno. Ricorda qualcosa?

7 cose che forse non sapevate su Capitan Planet e i Planeteers 19 Giugno 2020 - 15:45

Sette cose che forse non sapevate su Capitan Planet e i Planeteers, un super-eroe contro l’inquinamento (e gli altri mali del mondo).