L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 

Alice Nel Paese Delle Meraviglie 3D, la recensione in anteprima

Di Gabriele Niola

Alice In Wonderland Poster Italia 04Regia: Tim Burton
Cast: Johnny Christopher Depp, Mia Wasikowska, Matt Lucas, Anne Hathaway, Helena Bonham Carter, Crispin Hellion Glover, Alan Rickman, Stephen Fry, Michael Sheen, Christopher Lee, Timothy Spall, Marton Csokas, Lindsay Duncan, Barbara Windsor, Michael Gough, Leo Bill, Paul Whitehouse, Geraldine James, Frances de la Tour, Tim Pigott-Smith
Durata: 110 minuti
Anno: 2010

La partenza di questo nuovo Alice Nel Paese Delle Meraviglie 3D è fulminante. Si tratta di uno dei momenti di miglior burtonismo che abbiamo mai visto. Alice, che ci viene mostrata avere da sempre sogni eccessivamente ricorrenti sui temi del paese delle Meraviglie, è ora una 18enne distratta e vagamente ribelle che, ad un grosso ricevimento, sta per ricevere una richiesta di fidanzamento da un ragazzo fastidioso, banale ma ottimo partito. Non sa cosa fare e il tempo stringe, tutti vogliono che si sposi ma lei non è convinta, non si sente pronta e non si inserisce in quel mondo di regole.

Tutto il contrasto tra il mondo pulito, colorato, roseo e idilliaco che come sempre in Burton nasconde le peggiori ipocrisie, costrizioni e sofferenze (oltre a tarpare la fantasia e la felicità individuale a favore della conformazione) sono mostrate ma tenute correttamente a freno perchè il cuore è l’ossessione di Alice che si crede ormai seriamente pazza, visto che sono anni che fa il medesimo sogno e visto che intorno a sè non trova nessuno come lei.
E proprio al ricevimento all’aperto comincia a vedere i cespugli muoversi, agitati da quello che senza vederlo già sa essere il coniglio bianco in doppiopetto dei suoi sogni.
All’avvicinarsi del momento della proposta di matrimonio da parte dell’orrido buon partito l’incertezza di Alice cresce, sente aumentare il suono del ticchettio di un orologio e proprio quando davanti a tutti (che si aspettano e fanno pressione per un matrimonio) le viene fatta la proposta da un cespuglio in fondo compare il Bianconiglio che indica l’orologio ticchettante, è tardi. Alice scappa lo segue nella tana e comincia il viaggio.

Mi sono dilungato su questa prima breve parte (circa i primi 15 minuti di film) perchè è la parte migliore di un film che è una lenta ma inesorabile picchiata verso il basso. Nonostante ogni tanto ci siano dei momenti alti, compensati da altrettanti momenti inguardabili (la danza di Johnny Depp è degna di Alvin Superstar e il 3D posticcio non vale il sovrapprezzo), è l’impianto generale di questo Alice nel paese delle meraviglie 3D a deludere, e in tante maniere diverse.
Delude i fan dei racconti Carrol (la trama mischia elementi di Le avventure di Alice Nel Paese Delle Meraviglie e Attraverso lo specchio e quel che Alice trovò) perchè siamo di fronte ad un racconto canonico, con uno svolgimento lineare in cui Alice addirittura ha una missione e un destino già scritti a cui ottemperare, cioè il massimo dell’ordine contrapposto al massimo del caos che era il testo originale.

Delude i fan del cartone animato disneyano nel quale Alice inseguendo il coniglio si perdeva e solo perdendosi trovava qualcosa in un mondo privo di senso. In più la bambina era sottoposta ad una serie di mutazioni che enfatizzavano il testo originale deformandolo attraverso una lente psichedelica che rendeva il suo viaggio una vera odissea allucinogena fatta di funghi, fumo e corpi che ingrandiscono e rimpiccioliscono. Tutto senza un ordine o un motivo preciso ma con un profondo senso del racconto e della metafora.

E delude anche i fan di Tim Burton abituati a racconti gotici ed empatici, in cui la solitudine di personaggi fuori dal comune trova nei luoghi più oscuri un porto franco. Qui invece, anche volendo considerare il film un’opera staccata dai testi di riferimento, Alice è un’eroina che sebbene sostenga che “i matti sono le persone migliori” poi lotta contro un nemico per riportare lo status quo, si schiera tra le fila di un esercito e come in un film fantasy marcia con un’armatura contro un drago! Unica salvezza sembrano alcuni isolati acuti della Regina Rossa, figura più complessa di quel che si possa credere, forse davvero la protagonista burtoniana del film. Sorella maggiore, brutta e deforme incattivita da una vita all’ombra della sorella minore più adorabile e carina che incapace di ricevere amore cerca la dominazione. Lei è la vera outsider!

Può la fantasia di Tim Burton e il suo mondo di gotiche scenografie compensare un simile tradimento all’opera originale? Qui le altre critiche

#CinemaReloaded è un messaggio di ottimismo aperto a tutti per testimoniare, condividere e sostenere le iniziative di rilancio del cinema in sala. Scopri di più e aderisci sul sito Cinemareloaded.it.

Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perdervi tutte le news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale YouTube ScreenWeek TV. ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

LEGGI ANCHE

Halloween: David Gordon Green ha trasformato il film di Carpenter in un libro per bambini 31 Ottobre 2020 - 12:00

Halloween Kills arriverà nelle sale americane tra circa un anno. Per ingannare il tempo il regista ha deciso di trasformare il primo (e storico) capitolo della saga, diretto negli anni ’70 da John Carpenter, in un… libro illustrato per bambini!

Jeff Bridges ringrazia i fan per il sostegno durante la malattia: “Il vostro amore è contagioso” 31 Ottobre 2020 - 11:00

Qualche giorno fa, Jeff Bridges ha annunciato che gli è stato diagnosticato un linfoma. La notizia ha ovviamente sconvolto i fan dell’attore, che lo hanno sommerso di messaggi, dimostrando tutto il loro amore.

Willy’s Wonderland: Nicolas Cage ospite di un luna park maledetto, ecco il teaser trailer 31 Ottobre 2020 - 11:00

Nicolas Cage è pronto per regalarci un’altra pellicola indie-horror, dopo titoli come Mandy e Color Out of Space. Ecco Willy's Wonderland.

Universal Soldier – I nuovi eroi (FantaDoc) 16 Ottobre 2020 - 16:51

Storia di un clonazzo di Terminator per cui Van Damme e Dolph Lundgren sono arrivati a menarsi (per finta) a Cannes.

The Doc(Manhattan) Is In – Storie di guerra e di magia, il Game of Thrones dell’83 (più o meno) 26 Giugno 2020 - 15:45

Storia del semidimenticato Wizards and Warriors, serie fantasy anni 80 con vari personaggi in lotta per il controllo di un regno. Ricorda qualcosa?

7 cose che forse non sapevate su Capitan Planet e i Planeteers 19 Giugno 2020 - 15:45

Sette cose che forse non sapevate su Capitan Planet e i Planeteers, un super-eroe contro l’inquinamento (e gli altri mali del mondo).