L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 

Jennifer’s Body, la recensione

Di Gabriele Niola

Jennifers Body Poster ItaliaRegia: Karyn Kusama
Cast: Megan Fox, Amanda Louise Seyfried, Adam Brody, Jonathan Kimble “J. K.” Simmons, Johnny Simmons, Ryan Levine, Juan Riedinger, Kyle Gallner, Josh Emerson, Chris Pratt
Durata: 102 minuti
Anno: 2009

Chi ha deciso che a dirigere Jennifer’s Body ci sarebbe stata Karyn Kusama? Perchè rovinare in questo modo una sceneggiatura che aveva ben più di un elemento di interesse dandola in mano alla regista di Aeon Flux?

Non sono un fan a tutti i costi di Diablo Cody eppure di Jennifer’s Body trovo apprezzabile non solo l’idea di fondo (“l’inferno è una teenager”) con tutto il parallelo tra la vita scolastica rigidamente regolata dalle regole dell’attrazione e le pene infernali ma anche lo svolgimento di una trama che si arrischia in terreni non semplici mirando non solo a contrapporre fiche e sfigate ma cercano di stabilire una relazione tra chi detiene il potere e chi si trova ad inseguire che non è scontata.
Ambientato in una cittadina di provincia Jennifer’s Body sembra anche una curiosa presa di coscienza su quel mondo (spesso edulcorato) e sullo squallore dei meccanismi di popolarità ai margini dell’impero. Non solo ritrae la bella del paese per la squallida provinciale che è ma fa un discorso più complesso sulla vita ai margini.

Non ci vuole molto a capire per chi parteggi la sceneggiatrice, eppure il ritratto impietoso di Jennifer non è mai semplice attacco o anche semplice dualità (cattiva e bella ma bisognosa di affetto) e nessun personaggio è privo di contraddizioni interne, tutti hanno un loro cinismo da high school e chi ne è immune è solo buonista. Nulla di eccessivamente nuovo ma mescolato con intelligenza e proposto senza sbatterlo in faccia.
Purtroppo trovare i guizzi di Diablo Cody è un’impresa che sta tutta sulle spalle dello spettatore, non aiutato da un film che non riesce a dare i tempi corretti e gli accenti giusti su una sceneggiatura che gli è sempre un passo avanti.
Le uniche cose che possono passare dalla visione del film sono la facile metafore mangiatrice di uomini/vampira e l’attrazione/repulsione verso la migliore amica sfigata, suo doppio e improbabile simbolo di un’innocenza perduta. In pratica le cose peggiori.

Tripudio di Megan Fox o sua implicita presa in giro? Jennifer’s Body è il solito teen-vampire o va un po’ oltre? Qui le altre critiche


SEGUICI SU TWITCH!

ASCOLTA I NOSTRI PODCAST!

Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perdervi tutte le news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale YouTube ScreenWeek TV. ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

LEGGI ANCHE

Doctor Strange in the Multiverse of Madness – Yenifer Molina sarà Gargantos 27 Luglio 2021 - 12:00

L'attrice colombiana Yenifer Molina interpreterà il misterioso Gargantos in Doctor Strange in the Multiverse of Madness.

James Gunn vorrebbe un crossover Marvel/DC con Harley Quinn e Groot 27 Luglio 2021 - 11:08

Gunn ha confermato di averne parlato con i capi di Marvel e DC e rivelato che l'idea stuzzicava anche loro

Batman e il BatPod nelle nuove foto dal set di The Flash 27 Luglio 2021 - 9:57

Diamo un'occhiata più esaustiva a Batman (la controfigura di Ben Affleck) e al suo Batpod nelle nuove foto dal set di The Flash.

Turner e il casinaro contro Fonzie 23 Luglio 2021 - 15:39

Quella volta che Henry Winkler preferì il casinaro, cioè il cane, a Tom Hanks...

Masters of the Universe: Revelation, la recensione 23 Luglio 2021 - 9:14

I Masters of the Universe, i Dominatori dell'Universo, sono tornati. Con una nuova serie animata destinata a spaccare in due la fanbase.

Trainspotting: il film di Danny Boyle, 25 anni dopo 20 Luglio 2021 - 9:27

Cosa ci resta dell'esplosiva black comedy di Danny Boyle, un quarto di secolo dopo.