L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 

Valhalla Rising – recensione dal Torino Film Festival

Di Gabriele Farina

Per tutta la proiezione mi sono chiesto se era il caso di scomodare Ingmar Bergman per un film come Valhalla Rising.
Scusate la blasfemia ma per alcune cose ritengo che probabilmente alcuni riferimenti si possono fare.
Sicuramente per i lunghi silenzi, lunghissimi, infiniti, a tratti esasperanti.
Poi per le grandi distese, il rapporto tra uomo e natura.

valhalla-rising

Ma soprattutto per il simbolismo di cui tutto il film è intriso, dalla prima all’ultima inquadratura.
E naturalmente per le implicazioni fortemente religiose che è facile incontrare ad ogni angolo.
E vogliamo parlare del rapporto tra One Eye ed il bambino?

Incontriamo One Eye prigioniero di alcuni pagani che lo utilizzano come lottatore invincibile in una serie di combattimenti su cui si scommette.
Poi il guercio, che è anche muto, riesce a fuggire e ad allontanarsi seguito dal ragazzino che gli faceva da carceriere.
Insieme si imbattono in un gruppo di vichinghi cristiani pronti a salpare per la terra santa.
Il nuovo gruppo si imbarca su una bagnarola e finisce in una nebbia che dura settimane, quando ne escono si ritrovano in una terra sconosciuta (il nuovo mondo?) che per loro è una specie di inferno (e qui il riferimento lo facciamo all’Armata Brancaleone così stemperiamo la tensione).

Valhalla Rising è pieno zeppo di sensazioni, di simboli, di riferimenti.
Chi è One Eye?
Un uomo, un semi-dio?
O direttamente il Cristo in terra, visto che sembra sapere (scoprire passo passo) più degli altri, visto che parla per bocca del ragazzo.
E soprattutto visto che sembra in grado di trasformare l’acqua di mare in acqua dolce (ma potrebbe anche essere semplicemente il fiume) e che finisce per immolarsi per la salvezza del ragazzo (a sua volta simbolo dell’uomo nuovo?).

Potrei continuare per ore a scovare (ipotizzare?) simboli e significati e dubito fortemente che lo stesso Nicolas Winding Refn sappia esattamente tutto quello che ha messo in questo film.
E che ruolo hanno i sogni di sangue di One Eye? Sono solo sogni premonitori o ben altro?

Sicuramente siamo ad anni luce di distanza da Pusher, opera prima di Refn che del resto precede Valhalla di tredici anni.

soloparolesparse


SEGUICI SU TWITCH!

ASCOLTA I NOSTRI PODCAST!

Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perdervi tutte le news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale YouTube ScreenWeek TV. ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

LEGGI ANCHE

The Suicide Squad: la parola ai protagonisti del film di James Gunn 29 Luglio 2021 - 11:30

Abbiamo assistito alla conferenza stampa di presentazione del nuovo blockbuster DC, un film, in una parola, pazzo!

What If…? – Nuovo poster e immagini per la serie animata 29 Luglio 2021 - 10:45

Il nuovo poster di What If...? ritrae Uatu l'Osservatore, mentre Jeffrey Wright parla del suo episodio preferito e dell'emozione che ha provato sentendo la voce di Chadwick Boseman.

Da À l’intérieur a La casa in fondo al lago: l’horror secondo Alexandre Bustillo e Julien Maury 29 Luglio 2021 - 10:00

I registi francesi tornano il 5 agosto con il loro nuovo lavoro, un horror visionario e claustrofobico che predilige la suggestione al gore, e sfoggia set mai visti prima

Turner e il casinaro contro Fonzie 23 Luglio 2021 - 15:39

Quella volta che Henry Winkler preferì il casinaro, cioè il cane, a Tom Hanks...

Masters of the Universe: Revelation, la recensione 23 Luglio 2021 - 9:14

I Masters of the Universe, i Dominatori dell'Universo, sono tornati. Con una nuova serie animata destinata a spaccare in due la fanbase.

Trainspotting: il film di Danny Boyle, 25 anni dopo 20 Luglio 2021 - 9:27

Cosa ci resta dell'esplosiva black comedy di Danny Boyle, un quarto di secolo dopo.