L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 

This is it – La recensione in anteprima – Standing ovation

Di Silvia Saba

This Is It Poster italiano

Chi sentiva il bisogno di questo film?

Questa è la prima domanda che mi pongo quando vedo un film, e troppo spesso la mia risposta che mi do è: nessuno.
Questa volta no. Questa volta è diverso: alla domanda “Chi sentiva il bisogno di questo film”, oggi posso rispondere: Io, ma ancora non lo sapevo.

Sono entrata in sala con dubbi e paura, che qualcuno rovinasse qualcosa, che film mi deludesse o semplicemente risultasse, alla luce degli eventi,  melenso.
La realtà non è questa. La realtà di quando si abbassano le luci è che vieni rapito; si, rapito.
Rapito dal combinato disposto di musica, immagine  e movimento. Non c’è cosa che ami di più se non vedere il perfetto sync tra queste arti. E, qui, è così: semplicemente perfetto.

Le immagini scorrono, la musica pulsa e si respira ritmo ovunque . Ogni gesto, ogni mossa, ogni mano vibra al bit giusto. E tu senti di stare là, ti dimentichi che fuori c’è un mondo e l’unica cosa che vorresti è riuscire a mantenere quella sensazione più a lungo possibile.

E non appena la camera inquadra quei mocassini neri, con le calze bianche – unico uomo a cui sia mai stato concesso di indossare calzini bianchi! – capisci che quello che ti sta regalando il film è una parte della tua vita. Te la ridà indietro, come se il tempo si fosse fermato.

Le emozioni ti avvolgono, ti trascinano e si passa dalla voglia immensa di ballare, di sentirsi parte di quel gruppo, ai brividi che si provano ascoltando al sua voce fragile, che è poesia per le tue orecchie.

Guardando al team che lo circonda si percepiscono sentimenti quali timore e allo stesso tempo devozione, ma soprattutto la paura nel parlare a Michael. Una paura superiore a quella che una madre ha nei confronti di un neonato. La paura di urtare la sensibilità di un persona più fragile del cristallo,di un bambino puro.

E non a caso la scena che ricordo con più pathos è proprio quella in cui, sulle note di Human Nature,  la bambina sta per essere schiacciata dalla ruspa. Bambina che, in montaggio strepitoso, si fonde in lui; diventa lui.

E i ballerini, che dire di loro, e delle coreografie. Sono davvero, come dicono all’inizio del film, emanazioni di Michael. Grandissimi, bravissimi.
E lui è il Re, il regista del tutto, perche… “MJ non lo freghi”. Sa quello che vuole e sa come ottenerlo. Gli è sufficiente socchiudere la bocca e  sussurrare due frasi che tutti ascoltano, come se fosse la parola del Messia.

Il tutto è montato con un tempismo, nel passare dalle scene delle prove a quelle che sarebbero dovute essere lo spettacolo, a dir poco disarmante.
Questo film è energia pura. Questo film è Michael, nella sua essenza più profonda. Un MJ, che forse sospettavo da bambina e che, però, allora mi sfuggiva e di cui adesso ho certezza: pura magia.

Le foto che trovate qui sono niente rispetto a quello che vedrete…

This Is It Michael Jackson 54

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER!

Vi siete persi un sacco di news su cinema e TV, perché avevate una gomma a terra, la tintoria non vi aveva portato il tight, le cavallette. Lo sappiamo. Ma tranquilli, siamo qui per voi!

Un'unica newsletter a settimana (promesso), con un contenuto esclusivo e solo il meglio delle notizie.
Segui QUESTO LINK per iscriverti!

SEGUICI SU TWITCH!

ASCOLTA I NOSTRI PODCAST!

Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perdervi tutte le news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale YouTube ScreenWeek TV. ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

LEGGI ANCHE

Addio a Melvin Van Peebles, pioniere del cinema afroamericano 23 Settembre 2021 - 11:30

Il regista del caposaldo della blaxploitation Sweet Sweetback’s Baadasssss Song si è spento all'età di 89 anni

Spider-Man: No Way Home – Ecco il trailer IMAX! 23 Settembre 2021 - 10:45

È ora disponibile la versione IMAX del trailer di Spider-Man: No Way Home.

What If…? – Un meritatissimo poster anche per Howard il Papero 23 Settembre 2021 - 10:09

Anche Howard il Papero, con la voce di Seth Green, si merita un poster di What If...? dopo la sua apparizione nel settimo episodio.

What If…?, E se Thor fosse stato John Belushi? 22 Settembre 2021 - 15:10

Il settimo episodio di What If...? è Animal House all'asgardiana. No, sul serio.

Star Wars: Visions, la recensione 21 Settembre 2021 - 18:00

In un Giappone vicino vicino: arrivano su Disney+ i corti anime di Star Wars.

He-Man and the Masters of the Universe, la recensione 16 Settembre 2021 - 9:30

Un godibilissimo remake della storia di He-Man e dei Masters, per ragazzini di ogni età (pure sopra i quaranta, sì).