L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 

Ritorno alla Laguna Nera

Di

creature from the black lagoon 02

Quello che vedete nell’immagine non è l’omino della sigla dei Nuovi Mostri di Striscia la Notizia. O meglio, è lui, ma non è solo questo. Oltretutto sarebbe abbastanza riduttivo ricordarlo in questo modo, dato che ci troviamo di fronte ad uno dei più famosi e significativi (dal punto di vista commerciale, iconografico e chi più ne ha, più ne metta) mostri Universal. Signore e signori, è con immenso piacere che vi presento il Mostro della laguna Nera.

Dopo le dovute presentazioni, possiamo cominciare a parlare del film. L’anno è il 1954, cinematograficamente parlando sono cambiate molte cose. L’America, superate guerra e depressione, è pronta ad accogliere nuovi divi e nuovi generi cinematografici. Se da un lato si affermano star del calibro di James Dean e Marlon Brando, dall’altro si comincia a notare il boom di un genere cinematografico “nuovo”. Sono gli anni della fantascienza, di film come Destinazione Terra, La cosa da un altro mondo e Ultimatum alla terra. I classici cattivi della cinema horror, devono cedere il posto a nuove figure meno carismatiche ma altrettanto affascinanti. In questo periodo di mutamento, la Universal da vita ad una creatura che si pone come spartiacque tra i due generi (horror e sci-fi), un ibrido più terrestre che mai ma altrettanto alieno, un po’ come tutti i “diversi”. E’ così che, sotto la direzione di un esperto come Jack Arnold (Destinazione Terra, Radiazioni BX: Distruzione Uomo, Tarantula), la creatura conosciuta come Gill-Man invade il grande schermo. E lo fa nel più eclatante dei modi, sfruttando la moda di un periodo e distinguendosi con un primato: Il Mostro della Laguna Nera è stato il primo film 3D con riprese subacquee, un vero e proprio evento per il pubblico dell’epoca, che ha potuto godere appieno delle bellissime sequenze sottomarine entrando a farne parte. La storia si potrebbe riassumere nel classico incontro tra un bella (l’attrice Julie Adams) e una bestia, cosa che accomuna la pellicola ad un altro classico di genere: King Kong. Anche in questo caso ci troviamo di fronte ad uno stravolgimento dei ruoli, che avvicina buoni e cattivi fino a farne perdere ogni distinzione. Chi è veramente il malvagio all’interno del film? Difficile trovare una risposta, anche se tutto porterebbe ad identificare il mostro come unica vera vittima. Talmente umano che nel corso di due sequel subirà una vera e propria metamorfosi che lo porterà ad abbandonare gran parte della sua mostruosità (ma di questo parleremo in seguito).

Senza alcuna esitazione si può dunque definire Il Mostro della laguna Nera una pellicola fondamentale. Ha lanciato una figura che ha aperto la strada a creature come il redivivo Predator. A parte questo il film di Jack Arnold è un piccolo gioiello, per come riesce a calibrare la tensione, per un uso della colonna sonora più ansiogeno che mai e, soprattutto, per un uso allusivo delle riprese che riesce a manifestare l’erotismo latente tipico del connubio amore/morte. Vedere per credere.

creature from the black lagoon poster usa 01

#CinemaReloaded è un messaggio di ottimismo aperto a tutti per testimoniare, condividere e sostenere le iniziative di rilancio del cinema in sala. Scopri di più e aderisci sul sito Cinemareloaded.it.

Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perdervi tutte le news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale YouTube ScreenWeek TV. ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

LEGGI ANCHE

Hellraiser: Clive Barker sarà produttore esecutivo della serie HBO 31 Ottobre 2020 - 19:00

L'autore del film originale è ufficialmente a bordo della serie diretta da David Gordon Green

The Black Phone: Scott Derrickson adatterà il racconto di Joe Hill per Blumhouse 31 Ottobre 2020 - 18:00

Il telefono nero, contenuto nella raccolta Ghosts, diventerà un film del regista di Sinister e Doctor Strange

Suburra: la terza e ultima stagione presentata a Lucca Changes, ecco il video 31 Ottobre 2020 - 17:40

Tra i grandi protagonisti di Lucca Changes, troviamo Suburra. La terza e ultima stagione della serie Netflix è stata presentata durante l’edizione virtuale della manifestazione.

Universal Soldier – I nuovi eroi (FantaDoc) 16 Ottobre 2020 - 16:51

Storia di un clonazzo di Terminator per cui Van Damme e Dolph Lundgren sono arrivati a menarsi (per finta) a Cannes.

The Doc(Manhattan) Is In – Storie di guerra e di magia, il Game of Thrones dell’83 (più o meno) 26 Giugno 2020 - 15:45

Storia del semidimenticato Wizards and Warriors, serie fantasy anni 80 con vari personaggi in lotta per il controllo di un regno. Ricorda qualcosa?

7 cose che forse non sapevate su Capitan Planet e i Planeteers 19 Giugno 2020 - 15:45

Sette cose che forse non sapevate su Capitan Planet e i Planeteers, un super-eroe contro l’inquinamento (e gli altri mali del mondo).