Classifica: i Fratelli Coen in cinque film!

Classifica: i Fratelli Coen in cinque film!

Di Marco Triolo

ENTER MOVIE-OSCARS 164 OC

Questa sera alle 22.30 vedremo il nuovo film dei Fratelli Coen. E già qua si capisce che si tratta dell’evento della giornata, e di uno dei principali eventi di questa edizione del Festival di Roma, perché ogni film di Joel e Ethan è destinato a far parlare di sé alla grande. Questo A Serious Man non farà eccezione, e già spicca all’interno della loro produzione recente per la scelta di affidare i ruoli principali ad attori semi-sconosciuti, per lo più televisivi. In occasione di questa attesa anteprima, vi presentiamo una nostra personale classifica dei 5 titoli dei Coen “da portare su un’isola deserta”. In nessun ordine particolare, dato che già è stato difficile assemblare i contributi dei vari collaboratori. Si parte…

Crocevia della morte

Diretto da Joel Coen nel 1990, Crocevia della morte è il noir secondo i Coen, ispirato a due racconti di Dashiell Hammett, “The Glass Key” e “Red Harvest”. Un film che all’epoca incassò pochissimo, ma che fu accolto a braccia aperte dalla critica e che da allora ha recuperato diventando un cult. E con un cast composto da Gabriel Byrne, Albert Finney e John Turturro, come potrebbe essere altrimenti? Lasciamo la parola al nostro collega Gabriele: “Al di fuori di tutti i coenismi (espliciti almeno) Crocevia per la morte è un film vecchio in confezione moderna, un’operazione molto raffinata dove i fratelli si nascondono come non mai a favore della storia”.

L’uomo che non c’era

Secondo noir della nostra classifica, L’uomo che non c’era (2001) è un oggetto molto particolare, non solo nella filmografia dei Fratelli: grazie all’utilizzo di lenti e illuminazione da manuale del cinema hollywoodiano, unito alla scelta di set e oggetti di scena identici a quelli diffusi negli anni ’50, i Coen hanno ottenuto un effetto unico, che fa sembrare il film girato realmente negli anni in cui è ambientato, ovvero la fine del decennio ’40. Anche la trama è classicamente noir, e ispirata apertamente all’opera dello scrittore James M. Cain. Billy Bob Thornton domina un grande cast, dando una delle sue migliori interpretazioni di sempre.

Il grande Lebowski

Forse IL titolo che si cita sempre quando si nominano i Coen, Il grande Lebowski (1998) non è ricordato solo per la genialità dello script, per i dialoghi da citare con gli amici. E’ ricordato soprattutto per le magistrali interpretazioni di Jeff Bridges e John Goodman, affiancati dagli altrettanto bravi Julianne Moore, Steve Buscemi, John Turturro e Philip Seymour Hoffman. Jeffrey “Drugo” Lebowski (Bridges) e Walter Sobchak (Goodman) sono due splendidi loser che amano più di ogni altra cosa giocare a bowling, e si ritrovano invece catapultati in un affare più grande di loro. Ne esce un film divertentissimo che ha fatto storia e ancora oggi è un culto assoluto. Che volete di più?

Mister Hula Hoop

Ambientato in una fiabesca New York anni ’50, Mister Hula Hoop (1994) è tanto un film dei Coen quanto lo è di Sam Raimi, che aveva conosciuto Ethan sul set de La casa. Il trio iniziò a scrivere la sceneggiatura nel 1981, ma solo nel 1994 riuscì a realizzare il film, per il quale Raimi firmò la regia della seconda unità. Il film si ispira molto alle opere di Frank Capra, nella scelta di un eroe che è anche una persona comune. E parla di un tema che sta tanto a cuore agli americani, quello della seconda opportunità. Il protagonista è infatti Norville Barnes (Tim Robbins) un giovane neolaureato che arriva nella grande città dalla campagna. Per una serie di macchinazioni, si ritrova presto presidente di una enorme azienda, e riesce a risollevarne le sorti proprio grazie al suo candore e a un’invenzione semplice e geniale: l’hula hoop. Un film capace di scaldare il cuore con classe.

Fargo

E dopo il candore di Mister Hula Hoop arriva la dark comedy di Fargo (1996), girato con budget ristretto proprio per far fronte all’insuccesso del costoso predecessore. Ancora una volta una storia di rapimenti (ma prima di Lebowski), Fargo è ambientato in Minnesota, luogo di nascita dei Coen. Ha detto Tullio Kezich: “Straordinaria tragicommedia dove le più svariate e raffinate componenti intellettuali si innestano su una trama di genere, Fargo gioca a opporre la normalità del bene alla normalità del male: l’una e l’altra sono rappresentate con ineffabile ironia in situazioni e dialoghi essenziali”. Un must.

Vi ricordo che qui trovate la nostra pagina del Festival, per ogni aggiornamento. Qui invece una gallery dei personaggi che abbiamo incontrato.

LEGGI ANCHE

Gli studios ignorano le richieste sui protocolli sull’aborto dei creatori 11 Agosto 2022 - 18:03

Disney, Netflix, AppleTV+, NBCUniversal, Amazon, Warner Bros, Discovery e AMC Networks hanno risposto alla richiesta di rettificare il piano di sicurezza sull'aborto di più di mille creatori di Hollywood.

Cenerentola: il trailer del musical Amazon con Camila Cabello 3 Agosto 2021 - 20:20

La rilettura della classica fiaba arriverà su Amazon Prime Video il 3 settembre

Anche Zendaya reciterà nel Dune di Denis Villeneuve 30 Gennaio 2019 - 22:44

La giovane attrice lanciata da Spider-Man: Homecoming raggiungerà un cast davvero stellare!

Contest Scanner – Gioca e Vinci con L’estate addosso, Pets e Alla ricerca di Dory 11 Settembre 2016 - 17:00

Ecco i migliori concorsi / contest / giveaway legati al mondo del cinema e della televisione comparsi nel web negli ultimi giorni...

City Hunter The Movie: Angel Dust, la recensione 19 Febbraio 2024 - 14:50

Da oggi al cinema, per tre giorni, il ritorno di Ryo Saeba e della sua giacca appena uscita da una lavenderia di Miami Vice.

X-Men ’97: che fine ha fatto Xavier (e perché ora c’è Magneto con gli X-Men)? 16 Febbraio 2024 - 10:44

Come si era conclusa la vecchia serie animata degli anni 90? Il Professor Xavier era davvero morto? (No)

Deadpool & Wolverine, il trailer spiegato a mia nonna 12 Febbraio 2024 - 9:44

Tutto quello che abbiamo scovato nel teaser di Deadpool & Wolverine.

L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI