L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 

Cieli d’ottobre: vite da cani al Festival di Roma!

Di Marco Triolo

Hachiko A Dogs Story

Dopo il breve assaggio di ieri, la giornata di oggi è stata molto più ricca di eventi. Si è cominciato infatti alla grande con due ottimi film, Hachiko – A Dog’s Story di Lasse Hallstrom e The City of Your Final Destination di James Ivory. Del secondo parlerò a parte in una breve recensione, mentre vorrei affrontare il primo parlandovi anche della conferenza stampa che si è tenuta in tarda mattinata, e ha visto la partecipazione del solo protagonista, Richard Gere. Come ieri per Christopher Lee, già essere in presenza di un’icona come Gere è un buon motivo per assistere alla conferenza, che poi si è rivelata piuttosto interessante, dato che l’attore non si è risparmiato, né sul film né sulla sua personale esperienza di vita, in particolare in riferimento al Buddhismo.

DSC01051

Innanzitutto, il film. Non mi aspettavo che Hachiko fosse così buono, lo giuro. Non amo Hallstrom, ho trovato Chocolat un polpettone banale e prevedibile, e se in parte questo Hachiko ha un certa tendenza al polpettone, viene totalmente riscattato dalla delicatezza con cui è narrata la storia, e da ottime interpretazioni tra cui proprio Gere, che ha abbracciato con classe i suoi sessant’anni – tra questo e Brooklyn’s Finest di Antoine Fuqua. Anche se a rubare veramente la scena è senza dubbio il cane, Hachiko – o meglio, i tre cani che lo interpretano. Gere ha spiegato tra l’altro che i cani non sono stati addestrati, ma si è preferito “creare un ambiente amichevole. Abbiamo girato in digitale per fare delle riprese lunghissime, in attesa di cogliere il momento giusto. Come per i bambini: è magico perché spontaneo“.

Hachiko è il nome di questo cucciolo, che dal Giappone finisce in America e per errore nelle mani di un professore di mezza età, felicemente sposato e con una figlia – e probabilmente un lutto alle spalle, un figlio, di cui però non si parla molto. E già qui si capisce che l’intenzione non è quella di strappare lacrime in maniera disonesta. Si va di bene in meglio, poi: tra il professore e Hachiko si crea un legame speciale. Il cane si reca ogni giorno alla stazione per attendere il padrone e tornare a casa con lui. Poi, all’improvviso succede qualcosa di tragico, e le conseguenze mostreranno quanto può essere profondo il legame d’amore tra due esseri viventi, “al di là del genere e della razza“.

autografo gere

Eeee… l’autografo di Mr. Gere!

Ed è proprio questo forte sentimento a muovere tutto il film, unito a una narrazione, come detto, delicata, che fa digerire anche un paio di momenti un po’ scontati e ci regala un film per famiglie nel senso migliore del termine, senza troppa melassa, ma sincero e coinvolgente. E Gere lo supporta totalmente, dicendo che “è una storia d’amore” – che tra l’altro è il titolo italiano del film. A questo punto, bisogna fare una precisazione: il film è il remake di una pellicola giapponese del 1987, che racconta la storia vera di un professore e del suo cane, Hachiko appunto, cui è stata dedicata una statua. “La vera storia parlava di un uomo anziano, alla fine della vita“, commenta Gere, “ma si è deciso di farne un personaggio di mezza età, che avesse ancora energia vitale. E’ proprio un film sulla forza vitale. Ha il potere innato di una fiaba per adulti, che archetipicamente ti entra nel profondo. Quando l’ho letta la prima volta, ho pianto come un bambino!”. E continua: “parla di accettazione, lealtà, pazienza. E di quello che realmente siamo, in fondo: non siamo i nostri vestiti, o il nostro taglio di capelli. Siamo una misteriosa forza vitale, guidata dall’amore“.

Gere ha anche parlato del Buddhismo (“i miei primi insegnanti sono stati gli antichi giapponesi“) e dei suoi incontri con due grandi personalità che gli hanno cambiato la vita: il Dalai Lama e Akira Kurosawa. Di quest’ultimo ha detto: “è stato un gigante, non solo del cinema ma dell’arte. Quando l’ho incontrato per la prima volta, l’ho percepito molto più alto di me. Poi, anni dopo ho scoperto che eravamo alti uguali! Incontrare lui, come il Dalai Lama, è come trovarsi di fronte a un gigantesco leone!“.

Gere ha concluso con un breve commento sul nobel a Obama. “Voi cosa ne pensate?“, è stata la sua contro-domanda al giornalista. Il pubblico non ha tardato a rispondere: “E’ troppo presto“, “E’ un premio sulla fiducia“, “Sono perplesso!“. Al che l’attore ha detto una cosa molto condivisibile: “Credo che si tratti di un grande incoraggiamento, per ricordare a Obama il perché sia stato eletto e impedirgli di cadere nello status quo della struttura che lo circonda. E’ stato eletto per essere un visionario, per essere diverso“. Speriamo che sia così: di certo c’è solo che Richard Gere è, e sarà sempre, uno dei grandi leoni del cinema.

SEGUICI SU TWITCH!

ASCOLTA I NOSTRI PODCAST!

Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perdervi tutte le news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale YouTube ScreenWeek TV. ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

LEGGI ANCHE

Box Office USA: Primo Wrath of Man con $8M, seguito da Demon Slayer 9 Maggio 2021 - 22:58

Wrath of Man, il film di Guy Ritchie interpretato da Jason Statham apre al primo posto con $8M al Box Office USA, seguito da Demon Slayer

The Falcon and the Winter Soldier – Un video svela i segreti del braccio di Bucky 9 Maggio 2021 - 20:00

Uno speciale di Marvel Entertainment ci porta alla scoperta del braccio bionico di Bucky in The Falcon and the Winter Soldier, con Lorraine Cink e il supervisore agli effetti visivi Eric Leven.

Pam and Tommy – Nuove foto di Sebastian Stan e Seth Rogen nella serie 9 Maggio 2021 - 19:00

Sebastian Stan e Seth Rogen sono Tommy Lee e Rand Gauthier nelle nuove foto di Pam and Tommy, miniserie con Lily James nel ruolo di Pamela Anderson.

Star Wars: The Bad Batch, la recensione del secondo episodio 7 Maggio 2021 - 14:43

Le avventure della Clone Force 99 di The Bad Batch proseguono, tra facce conosciute e (ovviamente) sparatorie.

Perché Godzilla non è figlio di una bomba atomica (e tanto meno delle atomiche della Seconda Guerra Mondiale) 5 Maggio 2021 - 14:37

Il primo Godzilla di Ishiro Honda, nel '54, e la paura del nucleare venuta dal mare (e nata due milioni di anni prima).

STAR WARS: THE BAD BATCH – EPISODIO 1 | RECENSIONE 4 Maggio 2021 - 9:01

Debutta oggi su Disney+ Star Wars: The Bad Batch, il sequel/spin-off di The Clone Wars. Le nostre impressioni sul primo episodio.