L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 

“Karloff il Misterioso” presenta Im-ho-tep

Di

La Mummia Boris Karloff 01

Oggi il nostro viaggio nei meandri infernali della Universal ci porta dritti nell’antico Egitto, al cospetto di Im-ho-tep – alias Boris Karloff – la mummia più famosa che il grande schermo ha potuto conoscere. Siamo nel 1932 e in America la maledizione di Tutankhamun diventa lo spunto di uno script nato per descrivere una storia completamente diversa.

The Mummy nasce dalle ceneri di una sceneggiatura incentrata sul personaggio di Cagliostro (la Universal era in cerca di un horror che potesse ricordare i loro titoli precedenti), rimaneggiata da John L. Balderston che, scherzi del destino, aveva scritto un articolo sull’apertura della tomba di Tutankhamun per il New York World. Il risultato è un film che, sulla scia del suo predecessore Dracula, racconta una storia d’amore scandita tra i secoli, e presenta un personaggio altrettanto affascinante. I punti in comune con la pellicola di Tod Browning sono molti, a cominciare dalla caratterizzazione dei protagonisti, non morti destinati a vagare nei secoli e in grado di plasmare la volontà umana a loro piacimento. Ma il collegamento più significativo è racchiuso nel nome di Karl Freund. Il regista, qui al suo esordio, aveva infatti curato la fotografia del film con Bela Lugosi (c’è chi dice che abbia contribuito più lui alla sua realizzazione che Browing).

Trovarsi di fronte a sua maestà Karloff (che nei poster figurava come “Karloff the Uncanny“: Karloff il misterioso, il soprannaturale) deve essere stato un vero onore e bisogna dire che Freund ha saputo incorniciare la sofferenza dell’attore in maniera perfetta. Un dolore al quale indubbiamente deve aver contribuito anche il trucco di Jack Pierce (più di otto ore per ottenere l’effetto desiderato), che non doveva essere certo facile da sopportare e soprattutto da togliere. Il risultato finale è una maschera tragica che riesce benissimo ad esprimere la tristezza accumulata durante i secoli.

Due specchi infranti”, questa è stata la definizione che Zita Johann, sua compagna sul set, ha dato degli occhi di Boris Karloff. Una descrizione perfetta, che vale più di mille parole.

La Mummia Poster Usa 01

SEGUICI SU TWITCH!

ASCOLTA I NOSTRI PODCAST!

Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perdervi tutte le news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale YouTube ScreenWeek TV. ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

LEGGI ANCHE

The Father: guarda il primo 10 minuti del film vincitore di 2 premi Oscar 9 Maggio 2021 - 9:00

Guarda i primi 10 minuti di The Father – Nulla è come sembra, il film di Florian Zeller con protagonisti Anthony Hopkins e Olivia Colman, dal 10 maggio al cinema.

Angel – Lo spin-off di Buffy è su Star e dovete recuperarlo subito! 8 Maggio 2021 - 20:00

Angel è da oggi parte del catalogo di Star su Disney+: una perfetta occasione per recuperare un cult!

Infinite: lo sci-fi thriller di Fuqua con Wahlberg salta i cinema e passa a Paramount+ 8 Maggio 2021 - 18:07

Un altro titolo fantascientifico salterà le sale: Infinite lo scifi thriller di Fuqua con Mark Wahlberg passa a Paramount+

Star Wars: The Bad Batch, la recensione del secondo episodio 7 Maggio 2021 - 14:43

Le avventure della Clone Force 99 di The Bad Batch proseguono, tra facce conosciute e (ovviamente) sparatorie.

Perché Godzilla non è figlio di una bomba atomica (e tanto meno delle atomiche della Seconda Guerra Mondiale) 5 Maggio 2021 - 14:37

Il primo Godzilla di Ishiro Honda, nel '54, e la paura del nucleare venuta dal mare (e nata due milioni di anni prima).

STAR WARS: THE BAD BATCH – EPISODIO 1 | RECENSIONE 4 Maggio 2021 - 9:01

Debutta oggi su Disney+ Star Wars: The Bad Batch, il sequel/spin-off di The Clone Wars. Le nostre impressioni sul primo episodio.