Warning: getimagesize(http://static.screenweek.it/2009/9/25/La-Mummia-Boris-Karloff-01.jpg): failed to open stream: HTTP request failed! HTTP/1.1 403 Forbidden in /var/www/html/wp-content/themes/newblog_screenweek/functions.php on line 655
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
“Karloff il Misterioso” presenta Im-ho-tep

“Karloff il Misterioso” presenta Im-ho-tep

Di

La Mummia Boris Karloff 01

Oggi il nostro viaggio nei meandri infernali della Universal ci porta dritti nell’antico Egitto, al cospetto di Im-ho-tep – alias Boris Karloff – la mummia più famosa che il grande schermo ha potuto conoscere. Siamo nel 1932 e in America la maledizione di Tutankhamun diventa lo spunto di uno script nato per descrivere una storia completamente diversa.

The Mummy nasce dalle ceneri di una sceneggiatura incentrata sul personaggio di Cagliostro (la Universal era in cerca di un horror che potesse ricordare i loro titoli precedenti), rimaneggiata da John L. Balderston che, scherzi del destino, aveva scritto un articolo sull’apertura della tomba di Tutankhamun per il New York World. Il risultato è un film che, sulla scia del suo predecessore Dracula, racconta una storia d’amore scandita tra i secoli, e presenta un personaggio altrettanto affascinante. I punti in comune con la pellicola di Tod Browning sono molti, a cominciare dalla caratterizzazione dei protagonisti, non morti destinati a vagare nei secoli e in grado di plasmare la volontà umana a loro piacimento. Ma il collegamento più significativo è racchiuso nel nome di Karl Freund. Il regista, qui al suo esordio, aveva infatti curato la fotografia del film con Bela Lugosi (c’è chi dice che abbia contribuito più lui alla sua realizzazione che Browing).

Trovarsi di fronte a sua maestà Karloff (che nei poster figurava come “Karloff the Uncanny“: Karloff il misterioso, il soprannaturale) deve essere stato un vero onore e bisogna dire che Freund ha saputo incorniciare la sofferenza dell’attore in maniera perfetta. Un dolore al quale indubbiamente deve aver contribuito anche il trucco di Jack Pierce (più di otto ore per ottenere l’effetto desiderato), che non doveva essere certo facile da sopportare e soprattutto da togliere. Il risultato finale è una maschera tragica che riesce benissimo ad esprimere la tristezza accumulata durante i secoli.

Due specchi infranti”, questa è stata la definizione che Zita Johann, sua compagna sul set, ha dato degli occhi di Boris Karloff. Una descrizione perfetta, che vale più di mille parole.

La Mummia Poster Usa 01

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER!

Vi siete persi un sacco di news su cinema e TV, perché avevate una gomma a terra, la tintoria non vi aveva portato il tight, le cavallette. Lo sappiamo. Ma tranquilli, siamo qui per voi!

Un'unica newsletter a settimana (promesso), con un contenuto esclusivo e solo il meglio delle notizie.
Segui QUESTO LINK per iscriverti!

SEGUICI SU TWITCH!

ASCOLTA I NOSTRI PODCAST!

LEGGI ANCHE

Ironheart nel nuovo promo art di Black Panther: Wakanda Forever 6 Luglio 2022 - 14:00

Il nuovo promo art di Black Panther: Wakanda Forever mostra l'armatura Mark I di Riri Williams, alias Ironheart.

Your Honor: la serie con Bryan Cranston si chiuderà con la stagione 2 6 Luglio 2022 - 13:00

La serie, remake dell'israeliana Kvodo, non tornerà con una terza stagione. Lo ha rivelato lo stesso Bryan Cranston

I Metallica ringraziano Stranger Things 4: “Un onore incredibile” 6 Luglio 2022 - 12:23

Nel secondo volume della stagione 4 di Stranger Things i Metallica occupano un ruolo fondamentale...

Bastard!! L’oscuro dio distruttore: il dark fantasy – heavy metal scostumato 5 Luglio 2022 - 11:02

Dark Schneider è sbarcato su Netflix, con i suoi due punti esclamativi, le battaglie e la follia vintage del dark fantasy heavy metal.

Stranger Things 4: che mi hai portato a fare sulla collina di Kate Bush se non mi vuoi più bene? 2 Luglio 2022 - 15:42

Alcune considerazioni dopo aver visto per quasi quattro ore due episodi di una serie TV: il finale della quarta stagione di Stranger Things.

Come The Umbrella Academy mi ha venduto un’altra apocalisse 2 Luglio 2022 - 9:53

Cosa funziona, cosa no, e cosa mi spinge a restare a bordo del treno di Umbrella Academy, dopo la terza stagione.