L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 

Nuovo casting “politicamente corretto” da The Last Airbender

Di Marco Triolo

Avrete sentito parlare della controversia legata al casting di The Last Airbender, film tratto da una serie animata di successo e diretto da M. Night Shyamalan. Dopo il tonfo di E venne il giorno, il regista indiano-americano dovrà lavorare duro per ricostruire la sua reputazione, e con il suo ultimo film non si può dire che abbia iniziato col piede giusto: tratto da un cartone ambientato in “un fantastico mondo asiatico” e stracolmo di personaggi dai caratteri orientali, il film ha come protagonisti due attori caucasici, Noah Ringer e Nicole Peltz.

The Last Airbender Noah Ringer Aang Hi Res

Inizialmente, pure il principe Zuko (il cattivo della storia) doveva essere impersonato da un bianco, Jesse McCartney, ma l’attore si è tirato indietro e Shyamalan e la produzione hanno pensato bene di sostituirlo con la star di The Millionaire, Dev Patel, tanto per far vedere che non era di certo il criterio della razza a muovere le loro decisioni. Peccato che Patel sia l’antagonista, e che quindi risponda in tutto e per tutto a un vecchio cliché che vede i bianchi belli e buoni e quelli con la pelle scura brutti (Zuko ha una cicatrice che è stata ovviamente ridimensionata nel film) e cattivi.

The Last Airbender Dev Patel Zuko 02 Hi Res

Ora però il casting “politically correct” prosegue, e stavolta la mossa è più azzeccata: il giovane Isaac Jin Solstein (foto in alto), 10 anni, coreano-americano, cintura nera di Tang Soo Do e Soo Bahk Do, è stato scelto per impersonare un non meglio identificato “Earthbending Boy”, ma i fan sono sicuri che si tratti di Haru, uno dei buoni.

Detto questo, io credo che sì, ci sia una base di razzismo impossibile da raschiare via dalle colline di Hollywood. Epperò: il regista, non dimentichiamolo, non è un nerboruto quarterback biondo con gli occhi azzurri, ma un indiano (dell’India) cresciuto negli Stati Uniti. Non è un po’ ridicolo, secondo voi, fare accuse di razzismo e “fascismo”? Secondo me sì: tanto più che la somiglianza tra Noah Ringer e il protagonista Aang è talmente evidente, che pure a scuola i compagni lo avevano soprannominato “Avatar”. E poi: il film è fatto per un’audience americana e le semplici, per quanto miopi, leggi del marketing impongono un protagonista americano.

(Fonte: /Film)

Da No Time to Die a Ghostbusters, ecco le nuove date dei film 2021 (in costante aggiornamento)

Cinema chiusi fino al 5 marzo, QUI gli ultimi aggiornamenti.


Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perdervi tutte le news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale YouTube ScreenWeek TV. ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

LEGGI ANCHE

Halo – La serie passa da Showtime alla piattaforma Paramount+ 25 Febbraio 2021 - 8:45

Halo, serie in live-action basata sull'omonima saga videoludica, uscirà sulla piattaforma Paramount+. Ecco il nuovo logotitolo.

Tutta colpa di Freud: il trailer della serie con Claudio Bisio, dal 26 febbraio su Prime 24 Febbraio 2021 - 21:30

Tratta dal film di Paolo Genovese, la serie è diretta da Rolando Ravello e interpretata anche da Claudia Pandolfi, Max Tortora e Herbert Ballerina

Stoffa da Campioni – Cambio di Gioco: il trailer ufficiale della serie targata Disney+ 24 Febbraio 2021 - 21:03

Disney+ ha diffuso il trailer ufficiale della serie Stoffa da campioni: cambio di gioco, che debutterà sulla piattaforma streaming venerdì 26 marzo.

Spawn (FantaDoc) 28 Novembre 2020 - 12:00

All'inferno (e ritorno) i super-eroi!

Small Soldiers (FantaDoc) 2 Novembre 2020 - 16:08

La storia dei soldati giocattolo di Joe Dante.

Universal Soldier – I nuovi eroi (FantaDoc) 16 Ottobre 2020 - 16:51

Storia di un clonazzo di Terminator per cui Van Damme e Dolph Lundgren sono arrivati a menarsi (per finta) a Cannes.