L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 

Speciale Cannes: Sam Raimi torna all’horror con Drag Me to Hell

Di peter

Drag me To Hell Poster USA

99 minuti di puro divertimento, ecco quanto è lungo il percorso disegnato da Sam Raimi che ha come destinazione finale l’inferno. S’intitola Drag Me to Hell (Lett: Trascinami all’inferno) e segna il grande ritorno del regista al tanto amato horror, a cui non si dedicava da più di quindici anni.

Drag Me To Hell Alison Lohman Lorna Raver 31

Secco e adrenalinico, il film di Raimi corre al galoppo. Vi divertirete?? Sì eppure tanto! A 28 anni da La Casa, Raimi non ha perso la mano per gestire il ritmo della paura… ma non aspettatevi di vedere un horror inquientante. Raimi vi vuole in sala con le cinture allacciate e vi garantisce che comunque vi farà davvero saltare per aria con i suoi brividi improvvisi.

Drag Me to Hell Alison Lohman Stephanie

A tratti il gioco non funziona – specialmente quando il regista persevera nel puntare tutta la paura, alzando di botto il volume della musica e limitandosi a mostrare le ombre dei demoni. Nonostante ciò, il film riprende il suo ritrmo, quando il regista si affida a sangue, liquami e quant’altro di schifezze può permettersi. “Splendida” Lorna Raver nei panni di Mrs Ganush, la zingara inca**ata che maledice la protagonista del film: le vedrete fare le cose peggiori – su tutte citiamo una sequenza in cui la vecchia è colpita da una pesantissima incudine che le piomba addosso!!

Drag Me To Hell Lorna Raver Mrs Ganush

Drag Me To Hell Alison Lohman Lorna Raver 1

La storia della ragazza maledetta e condannata alle fiamme dell’inferno entro tre giorni è abbastanza standard – e l’interpretazione di Alison Lohman (che ha rimpiazzato all’ultimo minuto l’eroina di Juno Ellen Page) non aiuta di certo. Nonostante ciò, Raimi si fa voler bene con questa sincera operazione liberatoria dalle regole degli Studios hollywoodiani e questo film era proprio quello di cui aveva bisogno.

Abbiamo incontrato il regista

Drag Me To Hell Sam Raimi

Sentiva il bisogno di un po’ di libertà dopo tre mega-produzioni sull’Uomo Ragno?
Certamente. Dico sempre che dirigere Spider-Man è stato come essere un direttore d’orchestra con centinaia di musicisti, mentre per quanto riguarda Drag Me to Hell, mi sentivo come se avessi avuto a che fare con un quartetto jazz. Volevo sentirmi più libero anche con i personaggi: nelle grandi produzioni, ci sono tante preoccupazioni e tante limitazioni, specialmente con Spider-Man che è un film che si rivolge anche ai bambini. Qui invece potevo portare i personaggi dove volevo.

È la prima volta che dirige un horror utilizzando effetti speciali digitali: non le sono mancati i vecchi effetti speciali della Casa? Non pensa che in digitale, il risultato sia meno spaventoso?
Non funziona così. Non mi sono mancati gli effetti speciali old fashion e non ho dato troppa importanza a quelli digitali. Si tratta sempre e solo del pubblico: devi entrare in sintonia con loro, come se li conducessi nel film… e alla fine si fideranno di te. C’è una sorta di magnetismo.

Da tempo si parla del quarto episodio/remake de La Casa… a che punto è il progetto?
Ero tornato al lavoro su quel progetto poco tempo fa, poi però c’è stata l’occasione di girare subito Drag Me to Hell, che è tratto da una sceneggiatura che avevo scritto con mio fratello Ivan, molto tempo fa. Adesso non so quando farò La Casa.

Qui a Cannes Lars Von Trier ha presentato in concorso Antichrist che è un horror ambientato in una baita nei boschi… possiamo dunque dire che lui ha ripreso le tematiche della casa prima di lei?
Lars chi??? Non ho visto il film, ma sarei felice di vederlo… e se è come dite voi…  ne sarebbe felice anche il mio avvocato…

Drag Me to Hell sarà distribuito in Italia dalla Lucky Red, a partire dal 9 ottobre. Cliccate qui per sapere le ultimissime di Raimi su Spider-Man 4!!

Vi ricordiamo che qui potrete leggere il nostro speciale Cannes, contenente le anteprime di attesissimi film come Up della Pixar, Antichrist di Lars Von Trier, Vengeance di Johnnie To, Looking for Eric di Ken Loach, Bastardi senza gloria di Tarantino e tanti altri.

Da No Time to Die a Ghostbusters, ecco le nuove date dei film 2021 (in costante aggiornamento)

Cinema chiusi fino al 30 aprile, QUI gli ultimi aggiornamenti.


Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perdervi tutte le news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale YouTube ScreenWeek TV. ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

LEGGI ANCHE

Il film Arlington Road potrebbe diventare una serie TV 14 Aprile 2021 - 15:15

Sarà lo stesso regista Mark Pellington a sviluppare la serie ispirata al film con Jeff Bridges, Tim Robbins e Joan Cusack

L’Uomo d’Acciaio + Batman v Superman + Justice League: ecco il trailer della “Snyder Trilogy” 14 Aprile 2021 - 14:30

HBO Max ha pubblicato il trailer della "trilogia" di Zack Snyder formata da L'Uomo d'Acciaio, Batman v Superman: Dawn of Justice e Justice League.

Killers of the Flower Moon – Il film di Scorsese accoglie altri quattro attori 14 Aprile 2021 - 13:30

Tatanka Means, Michael Abbott Jr., Pat Healy e Scott Shepherd sono entrati nel cast di Killers of the Flower Moon, prossimo film di Martin Scorsese.

MCU: chi sono e da dove vengono Ayo e le altre Dora Milaje di Wakanda 14 Aprile 2021 - 9:27

Le origini nei fumetti Marvel (e la storia VERA) delle Dora Milaje di Black Panther, riapparse ora in The Falcon and the Winter Soldier.

LOL – Chi ride è fuori, i comici italiani e la TV giapponese 9 Aprile 2021 - 14:37

Si è concluso ieri su Amazon Prime Video LOL, chi ride è fuori, game show a puntate che ha suscitato polemiche e discussioni su cosa fa ridere e cosa no.

Jupiter’s Legacy: chi sono i nuovi super-eroi di Netflix (e perché siete già fan del Millarworld, anche se non lo sapete) 8 Aprile 2021 - 11:29

Le origini di Jupiter's Legacy, i nuovi super-eroi in arrivo su Netflix, e l'importanza per il mondo del fumetto di quel signore chiamato Mark Millar.