L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 

Il Canto di Paloma, la recensione

Di Gabriele Niola

La teta asustada Poster SpagnaRegia: Claudia Llosa
Cast: Magaly Solier, Susi Sánchez
Durata: 94 minuti
Anno: 2009

Pur con tutti i pregiudizi positivi dai quali si può partire di fronte ad un film che arriva dalla vittoria dell’Orso D’Oro al Festival di Berlino, lo stesso Il Canto di Paloma non convince.
Per carità gli elementi da buon film ci sono tutti: intenzioni alte, velleità minimaliste, un tema originale, la volontà di affrontarlo tangenzialmente e dalla parte delle vittime e infine anche una certa arroganza che non guasta mai. Eppure la noia stravince su qualsiasi altro possibile contenuto, affossandolo fino a farlo scomparire.

Si perchè la semi-esordiente Claudia Llosa gira con grande sapienza, ha idee molto precise e referenti chiari. Sta sempre attaccata alla sua protagonista, cerca una dimensione visuale pittorica nella quotidianità, senza esagerare troppo con l’artificiosità delle immagini e soprattutto si interessa alle stranezze del reale.
Tutto il film gira infatti intorno ad una stranezza, cioè al fatto che in Perù esista questa diceria secondo la quale le bambine nate (e allattate) da donne violentate contraggono dalla tetta una malattia che in sostanza le priva dell’anima. La protagonista, oggi ventenne e quindi nata negli anni ’80 (l’epoca degli stupri di guerra), non ha vissuto i drammi della guerra tuttavia non ne è fuori. La credenza popolare l’ha privata dell’anima e la paura (poco motivata) di ricevere violenze la spinge a tenere una patata nella vagina per impedire intrusioni, con tutte le conseguenze sanitarie immaginabili.

Insomma un’idea forte che la regista affronta incrociandola con le canzoni popolari, il modo di vivere il matrimonio tradizionale, l’esigenza di integrazione nella società e tanti altri temi che inquadrano la questione (addirittura anche il conflitto di classe). Eppure alla fine, nonostante tutto lo sforzo e i momenti che alleggeriscono, lo stesso il film sembra girare a vuoto, incapace di portare a compimento quella riflessione che si propone di fare, incapace cioè di prendere tutti questi elementi e presentarli con uno svolgimento che crei senso.

Capolavoro da apprezzare e rivalutare tra anni o opera ormai passata ed espressione di un cinema elitario incapace di trovare un contatto con il pubblico? Qui gli altri pareri.


SEGUICI SU TWITCH!

ASCOLTA I NOSTRI PODCAST!

Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perdervi tutte le news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale YouTube ScreenWeek TV. ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

LEGGI ANCHE

Shea Whigham, Frank Grillo e Olivia Munn nel trailer dell’action The Gateway 28 Luglio 2021 - 21:30

La storia di un operatore dei servizi sociali che si ritrova a dover fronteggiare una gang per proteggere una sua assistita e suo figlio

Amazon Prime Video: tutte le novità di agosto 28 Luglio 2021 - 21:00

Tutti i titoli in arrivo nel mese di luglio, nel catalogo di Amazon Prime Video. Tra le novità Evangelion:3.0 + 1.01 Thrice Upon A Time e i capitoli precedenti, Borat Specials e le secondi stagioni di Modern Love e Star Trek: Lower Decks

Flag Day: il trailer del nuovo film di Sean Penn 28 Luglio 2021 - 20:30

Sean Penn dirige la figlia Dylan e co-interpreta questa storia vera sul rapporto conflittuale tra una figlia e un padre criminale nel corso dei decenni

Turner e il casinaro contro Fonzie 23 Luglio 2021 - 15:39

Quella volta che Henry Winkler preferì il casinaro, cioè il cane, a Tom Hanks...

Masters of the Universe: Revelation, la recensione 23 Luglio 2021 - 9:14

I Masters of the Universe, i Dominatori dell'Universo, sono tornati. Con una nuova serie animata destinata a spaccare in due la fanbase.

Trainspotting: il film di Danny Boyle, 25 anni dopo 20 Luglio 2021 - 9:27

Cosa ci resta dell'esplosiva black comedy di Danny Boyle, un quarto di secolo dopo.