Condividi su

12 maggio 2009 • 11:37 • Scritto da

Ecco svelato il mancato cameo di Shatner!

Gli sceneggatori Alex Kurtzman e Roberto Orci, in un’intervista esclusiva al sito io9, hanno svelato i loro piani per il cameo di William Shatner che alla fine non s’ebbe da fare. Ecco come sarebbe stata la scena… Orci: Lo abbiamo scritto, era nella sceneggiatura. Kurtzman: L’ultimissima scena, in cui Spock incontra Spock, finalmente. E il […]
Post Image
0

shatnerphotoshopedtrek

Gli sceneggatori Alex Kurtzman e Roberto Orci, in un’intervista esclusiva al sito io9, hanno svelato i loro piani per il cameo di William Shatner che alla fine non s’ebbe da fare. Ecco come sarebbe stata la scena…

Orci: Lo abbiamo scritto, era nella sceneggiatura.

Kurtzman: L’ultimissima scena, in cui Spock incontra Spock, finalmente. E il vecchio Spock cerca di convincere il giovane Spock che non avrebbe potuto interferire, perché avrebbe allontanato [Kirk and Spock] dalla loro amicizia. E come la loro amicizia fosse la chiave di tutto.

Orci: Gli dava un messaggio registrato da Kirk.

Kurtzman: Diceva, “Non fidarti della mia sola parola”. E gli dava un piccolo aggeggio olografico che proiettava Shatner. Era in pratica un biglietto di auguri, sapendo che Spock sarebbe andato su Romulus [come ambasciatore], e che Kirk sarebbe stato probabilmente morto per allora…

Orci: Diventava una voce fuori campo, alla fine del film.

Ecco, dunque, come sarebbero potute andare le cose. Il problema è che Shatner ha sempre sostenuto di non voler essere solo un “cameo”, quindi non avrebbe probabilmente acconsentito ad apparire come semplice ologramma.

Altre scene tagliate in fase di sceneggiatura sono state: Spock che suona il liuto vulcaniano insieme alla madre, e una sequenza “alla Forrest Gump“, in cui vediamo il giovane Kirk crescere insieme a Carol Marcus, l’amore della sua vita che gli donerà anche un figlio (visto ne L’ira di Khan). Quest’ultima parte è stata eliminata per non rovinare l’immagine del giovane Kirk come teppista ubriacone.

Condividi su

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *