L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 

Bright Star: Screenweek incontra Jane Campion

Di peter

Cannes (CLICCATE QUI PER LEGGERE IL NOSTRO SPECIALE SUL FESTIVAL) – Oggi è il giorno di Bright Star, dramma sentimentale diretto da Jane Campion.

Jane Campion, Abbie Cornish e Ben Wishaw

Ambientato nella Londra del 1918, il film racconta la storia d’amore tra il 23enne poeta John Keats (Ben Wishaw) e Fanny Browne (Abbie Cornish), studentessa di moda di famiglia meno agiata. Se dovessimo scommettere qualcosa, allora non punteremmo mai sulla nascita di un amore tra i due… in realtà a poco a poco, le differenze di classe con tutti i problemi che ne conseguono, si fanno da parte: lei viene travolta dai suoi sonetti, lui, invece, vivrà il periodo più intenso della sua vita… nonché l’ultimo, dato che morì di malattia a soli 25 anni!

Bright Star Ben Whishaw Abbie Cornish 4

La pellicola segna il ritorno dietro la macchina da presa della Campion, che non realizzava un lungometraggio dai tempi di In the Cut. La regista neozelandese è l’unica donna ad aver vinto la Palma d’oro: è successo 16 anni fa con l’indimenticabile Lezioni di piano. Il suo nuovo film, che sarà distribuito in Italia dalla 01 Distribuition, è stato accolto da molti applausi… ma qualcuno ci ha anche dormito sopra!

L’abbiamo incontrata e per prima cosa, la Campion ha specificato: “Mi piacerebbe vedere più registe donne, del resto le donne rappresentano metà dell’umanità e sono quelle che hanno generato il resto del mondo!”. A quel punto ci aveva già conquistati:

Bright Star Ben Whishaw Abbie Cornish 8

Ci racconti come mai ha deciso di realizzare questa storia…
Ho pensato a questa storia come a una ballata. Una storia d’amore raccontata in versi mentre i sentimenti tra i due crescono, così come le loro difficoltà. Sono stata molto fortunata a leggere la biografia di Keats e le sue lettere mi hanno colto di sorpresa. All’inizio non credevo che avrei potuto realizzare questa storia, poi a poco a poco mi sono sentita a mio agio.

Il suo film parla di un sentimento espresso soprattutto attraverso poesia e lettere, quanto secondo lei questo è attuale nell’era di Twitter?
Capisco che una nuova generazione sia dipendente da Twitter. Ma vi dico una cosa, leggere le lettere di John Keats è stato incredibile: da una parte era come sentire il suo spirito, dall’altra tutti quei potentissimi sentimenti sono più che mai attuali.

Spesso lei ha dichiarato di detestare i biopic, come ha affrontato questo progetto che comunque racconta una storia vera?
Non è assolutamente un biopic. Non sono un’amante di quel tipo di film, proprio per il fatto che non ti lasciano spazio e in generale raccontano l’inizio e la fine della vita di qualcuno. Spesso potete perfino trovare sei attori che interpretano un personaggio nelle sue diverse fasi della vita. Questa è una storia d’amore e nonostante sia ambientata nel passato, parla di sensazioni potenti ed eterne. L’idea brillante di questo progetto è l’aver raccontato tutto attraverso gli occhi del personaggio di Fanny, a cui Abbie Cornish ha dato vita.

SEGUICI SU TWITCH!

ASCOLTA I NOSTRI PODCAST!

Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perdervi tutte le news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale YouTube ScreenWeek TV. ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

Articolo Precedente

Articolo Succesivo

LEGGI ANCHE

Cenerentola: il film Sony con Camila Cabello andrà su Prime Video 6 Maggio 2021 - 21:30

Amazon Studios sta per stringere un accordo con Sony e distribuirà il film su Prime in tutto il mondo, tranne che in Cina

Gangs of London: annunciati i registi della stagione 2 6 Maggio 2021 - 21:00

La serie Sky creata da Gareth Evans (The Raid) tornerà con nuovi episodi, e ora sappiamo chi li dirigerà

M.O.D.O.K. – I protagonisti della serie Marvel ritratti sui nuovi poster 6 Maggio 2021 - 20:30

I protagonisti della serie Marvel’s M.O.D.O.K. sono ritratti su questi nuovi poster.

Perché Godzilla non è figlio di una bomba atomica (e tanto meno delle atomiche della Seconda Guerra Mondiale) 5 Maggio 2021 - 14:37

Il primo Godzilla di Ishiro Honda, nel '54, e la paura del nucleare venuta dal mare (e nata due milioni di anni prima).

STAR WARS: THE BAD BATCH – EPISODIO 1 | RECENSIONE 4 Maggio 2021 - 9:01

Debutta oggi su Disney+ Star Wars: The Bad Batch, il sequel/spin-off di The Clone Wars. Le nostre impressioni sul primo episodio.

Perché i G.I. Joe come Snake Eyes sono figli della Marvel (e dello SHIELD) 29 Aprile 2021 - 11:53

Storia breve di come Snake Eyes e i G.I. Joe che conosciamo oggi sono stati creati dalla Marvel Comics... e da un incontro casuale in un bagno.