Dragonball Evolution, la recensione in anteprima

Dragonball Evolution, la recensione in anteprima

Di Gabriele Niola

Dragonball Evolution Poster ItaliaRegia: James Wong
Cast: Justin Chatwin, Emmy Rossum, Yun Fat Chow, Ernie Hudson
Durata: 100 minuti
Anno: 2009

Difficile essere benevolenti con questo film, difficile davvero. Difficile se si è appassionati del fumetto o del cartone e forse ancora di più se non lo si è e quindi si stenta a capire il senso di tutta l’operazione.
Perchè Dragonball Evolution non è il film di Dragonball è un film con dei personaggi che si chiamano come quelli di Dragonball e che gira intorno ad una trama vagamente simile. Per il resto non c’è nulla in comune.

Non c’è nulla in comune ad un livello semplice ed immediato, perchè mancano gli elementi vincenti della trama, mancano i topoi della serie e mancano i suoi punti di mistero e fascino. E non c’è nulla in comune nemmeno ad un livello più complesso, poichè manca quel senso giovial-demenziale con cui sono raccontate le avventure di Goku, manca la costruzione mitica dei personaggi e l’etica asiatica del potere e della calma.
Quello che c’è è un eroe all’americana che lotta per una seconda occasione secondo principi vagamente orientaleggianti (ma proprio perchè uno si vuol fidare), preso in una trama totalmente implausibile e raccontata di fretta e furia.

Lo scopo di tutto è abbastanza chiaro: mostrare dei combattimenti permeati da un’etica dell’onore e della forza corrispondente a come gli statunitensi immaginano che la pensino gli asiatici e molto basilare (dimostrare la forza per emergere e per conquistare le donne). Ma il problema è che il film è un fallimento anche e soprattutto in base a quest’obiettivo autoimposto. I combattimenti sono orribili! Tra i meno plausibili, dinamici e plastici visti negli ultimi anni.

Tra questi poi ci sono una serie di scene di raccordo che infilano uno dopo l’altro momenti e dinamiche che tutti già conoscono: dall’amico tradito, alla fiducia riconquistata, dalla morte del nonno mentore, all’eredità morale lasciata fino anche al vecchio che si rivela insospettabilmente più forte di tutti e l’eroe che trova le motivazioni dentro di sè.

Incredibile pensare che Chow Yun-Fat dopo La Città Proibita di Zhang Yimou si sia dato ad un film del genere privo di qualsiasi professionalità nonchè di qualsiasi senso.

Se ci hai trovato un senso anche recondito o una qualsiasi motivazione che ne giustifichi l’esistenza spiegami perchè o segnalalo qui.

LEGGI ANCHE

Gli studios ignorano le richieste sui protocolli sull’aborto dei creatori 11 Agosto 2022 - 18:03

Disney, Netflix, AppleTV+, NBCUniversal, Amazon, Warner Bros, Discovery e AMC Networks hanno risposto alla richiesta di rettificare il piano di sicurezza sull'aborto di più di mille creatori di Hollywood.

Cenerentola: il trailer del musical Amazon con Camila Cabello 3 Agosto 2021 - 20:20

La rilettura della classica fiaba arriverà su Amazon Prime Video il 3 settembre

Anche Zendaya reciterà nel Dune di Denis Villeneuve 30 Gennaio 2019 - 22:44

La giovane attrice lanciata da Spider-Man: Homecoming raggiungerà un cast davvero stellare!

Contest Scanner – Gioca e Vinci con L’estate addosso, Pets e Alla ricerca di Dory 11 Settembre 2016 - 17:00

Ecco i migliori concorsi / contest / giveaway legati al mondo del cinema e della televisione comparsi nel web negli ultimi giorni...

Dune – Parte Due, cosa e chi dovete ricordare prima di vederlo 27 Febbraio 2024 - 11:57

Un bel ripassino dei protagonisti e delle loro storie, se è passato un po' di tempo da quando avete visto Dune.

City Hunter The Movie: Angel Dust, la recensione 19 Febbraio 2024 - 14:50

Da oggi al cinema, per tre giorni, il ritorno di Ryo Saeba e della sua giacca appena uscita da una lavenderia di Miami Vice.

X-Men ’97: che fine ha fatto Xavier (e perché ora c’è Magneto con gli X-Men)? 16 Febbraio 2024 - 10:44

Come si era conclusa la vecchia serie animata degli anni 90? Il Professor Xavier era davvero morto? (No)

L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI