L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 

Dragonball Evolution, la recensione in anteprima

Di Gabriele Niola

Dragonball Evolution Poster ItaliaRegia: James Wong
Cast: Justin Chatwin, Emmy Rossum, Yun Fat Chow, Ernie Hudson
Durata: 100 minuti
Anno: 2009

Difficile essere benevolenti con questo film, difficile davvero. Difficile se si è appassionati del fumetto o del cartone e forse ancora di più se non lo si è e quindi si stenta a capire il senso di tutta l’operazione.
Perchè Dragonball Evolution non è il film di Dragonball è un film con dei personaggi che si chiamano come quelli di Dragonball e che gira intorno ad una trama vagamente simile. Per il resto non c’è nulla in comune.

Non c’è nulla in comune ad un livello semplice ed immediato, perchè mancano gli elementi vincenti della trama, mancano i topoi della serie e mancano i suoi punti di mistero e fascino. E non c’è nulla in comune nemmeno ad un livello più complesso, poichè manca quel senso giovial-demenziale con cui sono raccontate le avventure di Goku, manca la costruzione mitica dei personaggi e l’etica asiatica del potere e della calma.
Quello che c’è è un eroe all’americana che lotta per una seconda occasione secondo principi vagamente orientaleggianti (ma proprio perchè uno si vuol fidare), preso in una trama totalmente implausibile e raccontata di fretta e furia.

Lo scopo di tutto è abbastanza chiaro: mostrare dei combattimenti permeati da un’etica dell’onore e della forza corrispondente a come gli statunitensi immaginano che la pensino gli asiatici e molto basilare (dimostrare la forza per emergere e per conquistare le donne). Ma il problema è che il film è un fallimento anche e soprattutto in base a quest’obiettivo autoimposto. I combattimenti sono orribili! Tra i meno plausibili, dinamici e plastici visti negli ultimi anni.

Tra questi poi ci sono una serie di scene di raccordo che infilano uno dopo l’altro momenti e dinamiche che tutti già conoscono: dall’amico tradito, alla fiducia riconquistata, dalla morte del nonno mentore, all’eredità morale lasciata fino anche al vecchio che si rivela insospettabilmente più forte di tutti e l’eroe che trova le motivazioni dentro di sè.

Incredibile pensare che Chow Yun-Fat dopo La Città Proibita di Zhang Yimou si sia dato ad un film del genere privo di qualsiasi professionalità nonchè di qualsiasi senso.

Se ci hai trovato un senso anche recondito o una qualsiasi motivazione che ne giustifichi l’esistenza spiegami perchè o segnalalo qui.

Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perdervi tutte le news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale ScreenWeek TV. ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

LEGGI ANCHE

Priyanka Chopra Jonas sarà protagonista di We Can Be Heroes di Robert Rodriguez 21 Agosto 2019 - 23:51

Il film sarà prodotto da Netflix. La trama è assolutamente segreta.

Sharon Horgan realizzerà il pilot di Shining Vale, commedia horror per Starz 21 Agosto 2019 - 23:30

La creator di Catastrohe e Divorce sarà anche protagonista dello show.

La bambina che amava Tom Gordon di Stephen King diventa un film 21 Agosto 2019 - 21:45

L'ennesimo romanzo di Stephen King ad approdare al cinema. Produce la vedova di George Romero

THE DOC(MANHATTAN) IS IN – Kronos, sfida al passato 21 Agosto 2019 - 16:20

La storia della serie TV Kronos - Sfida al passato (The Time Tunnel) e dei suoi viaggi nel tempo all'insegna del riciclo totale e delle sfighe cosmiche. Con un pizzico di John Williams.

7 cose che forse non sapevate su Nino il mio amico ninja 20 Agosto 2019 - 14:38

Dall'inquietante versione live action al remake e al treno dedicato, sette curiosità su Nino il mio amico ninja.

StreamWeek: l’ombra del male si allunga con The Terror e Mindhunter 19 Agosto 2019 - 12:05

Mindhunter, The Terror e molto altro nel nuovo episodio di StreamWeek, la nostra guida alle novità proposte dalle varie piattaforme di streaming.