L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 

Gran Torino, la recensione in anteprima

Di Gabriele Niola

Gran Torino Poster ItaliaRegia: Clint Eastwood
Cast: Clint Eastwood, Cory Hardrict, Geraldine Hughes, Brian Haley, Dreama Walker, Brian Howe, Bee Vang, Ahney Her
Durata: 116 minuti
Anno: 2009

E’ l’ultimo. L’ultimo di Clint da attore, non reciterà più e si congeda con un ruolo che più tipico non ci può essere. Una carriera esplosa con un fucile in mano e finita con un fucile in mano, simbolo di quell’America che ha rappresentato anche come sindaco repubblicano.

Gran Torino è un film di Eastwood al 100% (e quale non lo è??) in linea con quelli dell’ultimo periodo, il migliore. Cinema purissimo per il quale la critica va sempre matta e il pubblico solo a tratti. Un racconto senza nessun fronzolo, che sa prendersi con ironia ma anche andare a fondo senza risparmiare momenti duri, che sa commuovere e che soprattutto fa tutte quelle cose che indichiamo come l’ideale del cinema. Emoziona, ritrae un contesto sociale, una serie di personaggi complessi e pone delle domande invece che dare delle risposte. Tutto senza sottolineare la propria presenza di regista ma attraverso il racconto di una storia lineare e dotata di un intreccio forte, di una trama appassionante.

Più simile al solco di Gli Spietati e Million Dollar Baby, altri film dove Eastwood si pone come protagonista della pellicola, Gran Torino propone la classica dinamica eastwoodiana degli esclusi, gli outsider della società per un motivo o per l’altro, dotati di una famiglia odiosa e anaffettiva a cui rimangono lavoro e ricordi.
La trama di Gran Torino unisce un vecchio scorbutico, incattivito dalla vita che odia tutti perchè non si adeguano ai suoi valori e un ragazzo emarginato perchè dotato di una sensibilità diversa dagli altri, le famiglie immigrate e le vecchia America (anch’essa immigrata ma di un’altra generazione). Un film dove per tutti c’è un epiteto che si riferisce alla propria razza o etnia.

E sempre in linea con quanto fatto ultimamente da Eastwood c’è il rapporto problematico con la religione, riparo, scusante, ipocrisia ma in un certo senso anche salvezza personale dalle paure che perseguitano ognuno nella notte.
Se gli si vuol trovare dei difetti tuttavia io li cercherei nel modo molto sbrigativo con cui risolve i contrasti tra uomini, i voltafaccia un po’ improvvisati e poco metabolizzati e l’insistita metafora cristologica finale.
Perchè su tutto come sempre trionfano gli uomini e l’individualismo americano disincantato, il cowboy solitario, armato (ma anche disarmato) che risolve i problemi che lui stesso ha creato come in Gli Spietati. Non è di certo un film ottimista, non raggiunge la cristallina perfezione di Million Dollar Baby ma riconcilia davvero con il cinema.

Amatissimo dalla critica e un po’ meno dal pubblico, che ne pensi di Eastwood e del suo cinema recente considerato il migliore? E’ una bufala? Meglio quando duellava a suon di Morricone? Eprimiti qui.

#CinemaReloaded è un messaggio di ottimismo aperto a tutti per testimoniare, condividere e sostenere le iniziative di rilancio del cinema in sala. Scopri di più e aderisci sul sito Cinemareloaded.it.

Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perdervi tutte le news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale YouTube ScreenWeek TV. ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

LEGGI ANCHE

Si vive una volta sola: il film di Carlo Verdone al cinema il 20 gennaio 2021 30 Ottobre 2020 - 23:56

Il film di Carlo Verdone, Si vive una volta sola, arriverà nelle sale italiane il 20 gennaio 2021. Lo ha rivelato l'attore/regista a Tale e Quale Show

Odette Annable da Supergirl al reboot di Walker Texas Ranger 30 Ottobre 2020 - 21:30

L'attrice sarà Geri, barista e vecchia amica di Walker e della sua defunta moglie, nel reboot targato The CW

Revolver: il nuovo film di Andrew Stanton riunirà Ethan e Maya Hawke 30 Ottobre 2020 - 20:45

La star di Stranger Things sarà un'adolescente fanatica dei Beatles e reciterà accanto al padre

Universal Soldier – I nuovi eroi (FantaDoc) 16 Ottobre 2020 - 16:51

Storia di un clonazzo di Terminator per cui Van Damme e Dolph Lundgren sono arrivati a menarsi (per finta) a Cannes.

The Doc(Manhattan) Is In – Storie di guerra e di magia, il Game of Thrones dell’83 (più o meno) 26 Giugno 2020 - 15:45

Storia del semidimenticato Wizards and Warriors, serie fantasy anni 80 con vari personaggi in lotta per il controllo di un regno. Ricorda qualcosa?

7 cose che forse non sapevate su Capitan Planet e i Planeteers 19 Giugno 2020 - 15:45

Sette cose che forse non sapevate su Capitan Planet e i Planeteers, un super-eroe contro l’inquinamento (e gli altri mali del mondo).