Condividi su

06 marzo 2009 • 09:49 • Scritto da Gabriele Niola

Gran Torino, la recensione in anteprima

Individualismo, violenza di quartiere, vecchiaia e come al solito sentimenti semplicissimi messi su schermo senza alcuna (apparente) mediazione. This is Clint Eastwood
Post Image
5

Gran Torino Poster ItaliaRegia: Clint Eastwood
Cast: Clint Eastwood, Cory Hardrict, Geraldine Hughes, Brian Haley, Dreama Walker, Brian Howe, Bee Vang, Ahney Her
Durata: 116 minuti
Anno: 2009

E’ l’ultimo. L’ultimo di Clint da attore, non reciterà più e si congeda con un ruolo che più tipico non ci può essere. Una carriera esplosa con un fucile in mano e finita con un fucile in mano, simbolo di quell’America che ha rappresentato anche come sindaco repubblicano.

Gran Torino è un film di Eastwood al 100% (e quale non lo è??) in linea con quelli dell’ultimo periodo, il migliore. Cinema purissimo per il quale la critica va sempre matta e il pubblico solo a tratti. Un racconto senza nessun fronzolo, che sa prendersi con ironia ma anche andare a fondo senza risparmiare momenti duri, che sa commuovere e che soprattutto fa tutte quelle cose che indichiamo come l’ideale del cinema. Emoziona, ritrae un contesto sociale, una serie di personaggi complessi e pone delle domande invece che dare delle risposte. Tutto senza sottolineare la propria presenza di regista ma attraverso il racconto di una storia lineare e dotata di un intreccio forte, di una trama appassionante.

Più simile al solco di Gli Spietati e Million Dollar Baby, altri film dove Eastwood si pone come protagonista della pellicola, Gran Torino propone la classica dinamica eastwoodiana degli esclusi, gli outsider della società per un motivo o per l’altro, dotati di una famiglia odiosa e anaffettiva a cui rimangono lavoro e ricordi.
La trama di Gran Torino unisce un vecchio scorbutico, incattivito dalla vita che odia tutti perchè non si adeguano ai suoi valori e un ragazzo emarginato perchè dotato di una sensibilità diversa dagli altri, le famiglie immigrate e le vecchia America (anch’essa immigrata ma di un’altra generazione). Un film dove per tutti c’è un epiteto che si riferisce alla propria razza o etnia.

E sempre in linea con quanto fatto ultimamente da Eastwood c’è il rapporto problematico con la religione, riparo, scusante, ipocrisia ma in un certo senso anche salvezza personale dalle paure che perseguitano ognuno nella notte.
Se gli si vuol trovare dei difetti tuttavia io li cercherei nel modo molto sbrigativo con cui risolve i contrasti tra uomini, i voltafaccia un po’ improvvisati e poco metabolizzati e l’insistita metafora cristologica finale.
Perchè su tutto come sempre trionfano gli uomini e l’individualismo americano disincantato, il cowboy solitario, armato (ma anche disarmato) che risolve i problemi che lui stesso ha creato come in Gli Spietati. Non è di certo un film ottimista, non raggiunge la cristallina perfezione di Million Dollar Baby ma riconcilia davvero con il cinema.

Amatissimo dalla critica e un po’ meno dal pubblico, che ne pensi di Eastwood e del suo cinema recente considerato il migliore? E’ una bufala? Meglio quando duellava a suon di Morricone? Eprimiti qui.

Condividi su

5 commenti a “Gran Torino, la recensione in anteprima

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *