L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 

The Reader – A Voce Alta, la recensione in anteprima

Di Gabriele Niola

The Reader A voce alta Poster ItaliaRegia: Stephen Daldry
Cast: Kate Winslet, Ralph Fiennes, Bruno Ganz, Alexandra Maria Lara
Durata: 124 minuti
Anno: 2008

Da tempo c’è un problema con i film sull’olocausto che sintetizzo dicendo che non solo sono brutti ma lo sono tutti alla stessa maniera, quella per la quale il contenuto alto sembra poter giustificare l’incredibile povertà di idee registiche. Con le dovute e rarissime eccezioni questo tende ad accadere quasi sempre.

The Reader però è diverso. Innanzitutto perchè non è esattamente un film sull’olocausto ma usa la shoah in maniera funzionale, cioè lo usa come stratagemma di racconto.
Nell’economia della trama serve qualcosa di sufficientemente abominevole per fare da contraltare ai sentimenti dei protagonisti, qualcosa che stimoli un contrasto forte tra ciò che si vuole fare e ciò che effettivamente si fa. Che è il vero cuore del film.
Certo poi il tema dello sterminio degli ebrei non è solo sfiorato, viene trattato con il rispetto che merita ma sempre in funzione d’altro (il senso di giustizia, l’orgoglio, la voglia di rivincita ecc. ecc.).

Ancora di più The Reader nel suo trovarsi a dover disegnare le figure archetipe del genere “olocausto” (sostanzialmente carceriere e carcerato) fa la scelta difficile e inusuale di ritrarre il carceriere come un essere umano (certo non tutti quanti ma almeno una su sei, che già è un inizio).
Concedendo qualcosa alla complessità della realtà il film si arricchisce di molti più significati e di certo non diventa un’apologia del nazismo. Anzi. Comprendere che chi sceglieva le persone che dovevano morire, chi cioè materialmente le condannava, erano persone normali inserite in situazioni straordinarie, uomini e donne con affetti normali, odi normali e soprattutto normale ignoranza, aumenta la nostra comprensione, compassione e quindi condanna del fenomeno.

C’è anche un bellissimo discorso che viene portato avanti lungo tutto il film sul concetto di fruire di racconti. Il racconto, nel senso del romanzo, è veicolo di emozioni, conoscenza, informazione e umanità, la cosa più affascinante ed irresistibile per un essere umano.

In più The Reader è anche orchestrato come un racconto vero e non secondo le consuete fasi prevedibili dei film in cui il tema “olocausto” ha la meglio su tutto. Costruisce i personaggi lentamente, lascia che prendano decisioni non condivisibili e non prevedibili, distribuisce piccoli semi lungo tutta la pellicola che fioriscono lungo il racconto e soprattutto fa sì che i silenzi dei personaggi e la distanza che lo spettatore sente di voler prende anche dalle figure positive trasmetta qualcosa.
The Reader insomma funziona. Anche se gli ebrei non sono simpaticissimi e i carcerieri sono più umani del solito. Quando si esce dal film si è capito qualcosa di più non tanto sul nazismo quanto sull’umanità.

IL PROBLEMA DEL DOPPIAGGIO:
Ho visto il film in lingua originale ed esso pone più d’un problema per quanto riguarda il doppiaggio.
Come capita sempre in questi casi nel film gli attori (sia inglesi che tedeschi) parlano inglese pur essendo nella finzione tutti tedeschi. Diversamente dal solito però parlano inglese con un lieve accento tedesco, cosa in sè abbastanza discutibile e fastidiosa (specialmente se l’inglese non è la tua lingua madre perchè ti costringe ad un triplo salto mortale tra realtà e finzione) che pone il problema dell’edizione italiana.
Se vogliamo ipotizzare che il doppiaggio possa avere mai una qualche possibile utilità e/o missione e/o etica (e siamo veramente nel regno delle ipotesi!) viene da chiedersi cosa succederà: il film sarà doppiato in italiano privandolo di una decisione registica molto forte oppure sarà doppiato con un lieve accento tedesco, cosa francamente brutta che attirerebbe sui doppiatori gli strali di tutti quelli che non sanno che anche in originale è così?
L’unica possibilità forse sarebbe mettere un breve cartello prima che spieghi la situazione e doppiare con un lievissimo accento tedesco. Ma in fondo se ci guardiamo dentro sappiamo tutti quale decisione sarà presa.

Com’è il doppiaggio italiano del film? Accettabile? Folle? E la prospettiva che vede i nazisti come il male ma comunque esseri umani? tutte le opinioni qui.

SEGUICI SU TWITCH!

ASCOLTA I NOSTRI PODCAST!

Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perdervi tutte le news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale YouTube ScreenWeek TV. ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

LEGGI ANCHE

Knives Out 2: anche Janelle Monáe entra nel cast del film Netflix 12 Maggio 2021 - 20:45

Dopo Dave Bautista ed Edward Norton, anche la star di Antebellum affiancherà Daniel Craig nel sequel di Cena con delitto

Multiverso Marvel: Tutti gli universi cinematografici attualmente esistenti 12 Maggio 2021 - 20:00

Esiste già un multiverso Marvel cinematografico: ecco tutti i diversi universi narrativi che negli anni abbiamo visto al cinema e in tv, in attesa di una possibile unione futura!

Star Wars Celebration: anticipata l’edizione 2022 12 Maggio 2021 - 19:44

Arrivano aggiornamenti sulla prossima edizione della Star Wars Celebration, che come sappiamo è stata posticipata al 2022 a causa della pandemia di Covid-19.

Venom – La furia di Carnage: sì, ma chi è Carnage, il simbionte rosso? 11 Maggio 2021 - 15:52

La storia a fumetti di Carnage, la nemesi di Venom nel secondo film del simbionte dalla lingua lunga.

Anna di Niccolò Ammaniti e il coraggio di una TV che da noi non fa nessuno 10 Maggio 2021 - 11:15

Una miniserie potente, coraggiosa e, come ogni storia di Ammaniti, in grado di prenderti il cuore e portatelo via.

Star Wars: The Bad Batch, la recensione del secondo episodio 7 Maggio 2021 - 14:43

Le avventure della Clone Force 99 di The Bad Batch proseguono, tra facce conosciute e (ovviamente) sparatorie.